L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

21/07/2006 16:11:41

Tiroide di Hashimoto

Buon pomeriggio,

Da circa 4 anni faccio uso di Eutirox 75 poichè mi è stata diagnosticata una tiroidite di Hashimoto.
Desidererei sapese
1) Se è possibile perdere peso con una alimentazione corretta.
Quali alimenti sono consigliati e quali alimenti vanno evitati.
Esiste una linea guida per questo tipo di patologia?
2)Esistono terapie alternative all’Eutirox che possono riequilibrare la funzionalità tiroidea e curino i processo autoimmune e presso quali strutture sanitarie? Io abito a Milano.
3) Quali sono gli sviluppi della tiroide di Hashimoto ovvero c’è da attendersi una perdita di funzionalità della tiroide e quindi un conseguente aumento dei dosaggi di Eutirox?
4) Ci sono patologie collegate alla tiroide?
5) Vorrei sapere se uno dei principali effetti della mia malattia è la perdita di capelli ed il costante aumento di peso, oltre ad altri sintomi dell’ipotiroidismo (stanchezza, sbalzi di umore, insonnia, ciclo irregolare
6) Come si evolve la malattia invecchiando?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del25/07/2006

La dieta, se non si ripristina il buon funzionamento della tiroide, portando al tiroide a un riequilibrio fisiologico, non serve a niente. Chiaramente, rientra in una buona alimentazione, che deve essere sempre tenuta, considerando la sindrome metabolica, tutti gli esami che possono essere eseguiti per raggiungere una comprensione totale delle funzioni metaboliche dell’organismo, in questo caso, la composizione corporea, il carico glicemico, il risultato metabolico finale, che portano chiaramente alla comprensione di tutte le reazioni metaboliche che stanno avvenendo all’interno dell’organismo, per poterle eventualmente correggerle.
La tioridite è una malattia autoimmune che riconosce nel mimetismo molecolare, il meccanismo fisiopatologico, questo viene innescato da agenti patogeni. La individuazione di questi, la terapia da eseguire per portarli via, è una alternativa valida, causale all’eutirox, che è semplicemente sintomatico, non agisce sulle cause che hanno scatenato la tirodite. Quindi esistono terapie alternative all’eutirox, che curano il processo autoimmune.
Se non si interrompe il processo autoimmune si giunge ad una completa atrofizzazione delle cellule ghiandolari, con un ipotiroidismo reattivo. Ma poiché esiste una sostituzione con Eutirox, non esisterebbero problemi, invece gli anticorpi che erano diretti verso la tiroide, saranno diretti verso altri organi, con una progressione della patologia autoimmune, e un aggravamento continuo.
Molte patologie sono collegate alle tiroiditi, per questo, va sempre eseguita la tipizzazione HLA classe I e II per poter tempestivamente intervenire, in maniera preventiva.
La perdita dei capelli, l’aumen to di peso, non sono certamente uno dei principali effetti, ma sicuraemnte quelli più evidenti. La stanchezza, sbalzi di umore, Insonnia , sono determinati dall’agente patogeno che ha innescato la Tiroidite . Il ciclo irregolare, fa parte dell’alterazione dell’ asse HPA, Hypothalamic Pituitary Adrenal axis nelle sue funzioni, e la PNEI, psiconeuroendocrinoimmunologia, su cui bisogna agire.
La malattia, se non fermata, purtroppo, può immaginarlo lei stessa, ed è visibile su molte donne.
Come vede, l’intervento è molto complesso, ma effettuabile, con terapie alternative, ce fermano il processo autoimmune e riportano l’organismo ad un funzionamento fisiologico. Per attuare tutto questo, occorrono esami strumentali di medicina convenzionale e biologica, un ragionamento adeguato da applicare, sia in diagnosi che in terapia. Purtroppo, non conosco alcun centro che applichi queste metodiche, perché derivano da una analisi della letteratura internazionale, dalla esperienza personale acquisita negli anni, da tutta una analisi approfondita della persona in esame, che fornisce successivamente l’indicazione della diagnosi e della terapia personalizzate.
Come vede, è possibile, applicando la integrazione della medicina convenzionale con la medicina biologica, un ragionamento applicativo adeguato, risolvere problematiche che sembrerebbero irrisolvibili.
Saluti Alberto Moschini


Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra