L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute femminile

06/09/2004 16:26:28

Amenorrea

Ho 37 anni e lo scorso novembre 2003 ho smesso la pillola dopo 10 anni e...ad oggi, settembre 2004, non ho ancora le mestruazioni. Ho fatto visite, ecografie interna ed esterna, esami sangue e urine standard ed esami ormonali: risultato, prolattina alta 51.5. Da luglio 2004 assumo 1/2 compressa di dostinex alla settimana. Devo però aggiungere che sto attraversando un periodo -un pò lungo- di stress psico fisico (cambio totale di tipologia di lavoro, sconvolgimento di orari e di orario pasti e...problemi sentimentali) per cui dall'inizio dell'anno ho perduto 10 kg (ora sono 170x50). Nello stesso tempo sono diventata ancora più assidua e maniacale nell'attività fisica, non per una questione di linea, ma solo come unica valvola di sfogo che mi fa sentire meglio.
Vorrei sapere se a questa mia situazione possono aver concorso anche queste cose. Non so fino a che punto se tutta la tensione e ansietà che ho per qualsiasi cosa sia data dai miei problemi o sia anche alimentata da questa amenorrea. E quasi non riesco a credere che una buongustaia (nel senso esatto del termine, non mangiona) come me abbia così difficoltà a mangiare, o meglio, che mi si chiuda così lo stomaco nei momenti più brutti. Da adolescente mi è successa la stessa cosa arrivando a 53 kg per via di un momento di dieta assurda, ma poi il ciclo era ricomparso e allora non avevo indagato con esami. Può essere ancora lunga l'attesa per la ricomparsa del ciclo? Grazie mille della risposta!

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del09/09/2004

Da quello che mi racconti, mi sembra che il problema principale sia legato proprio alla condizione di stress psico-fisico e alla riduzione di peso. Questi due fattori interferiscono con la normale ciclicità mestruale attraverso meccanismi complessi, in sostanza interferendo con "falsi segnali" che bloccano la rete di connessioni ormonali tra ipofisi, ovaio, ghiandole surrenali ecc. Si tratta di un problema disfunzionale, che tende a risolversi rapidamente una volta che "il blocco" è stato rimosso.
Purtroppo, la difficoltà risiede proprio nella rimozione di questo blocco, che spesso si lega a fattori psicodinamici che possono richiedere tempo per la loro risoluzione.
Certamente, il ritorno ad un peso forma (50Kg per un altezza di 170 cm sono davvero pochi!) e una riduzione dell'attività fisica possono aiutarti a risolvere il problema.
Credo comunque che anche una valutazione psicoterapeutica possa esserti molto utile.
Va ricordato inoltre che l'amenorrea, se prolungata, può determinare problemi a carico degli organi sensibili agli ormoni sessuali, in particolare all'apparato scheletrico, favorendo lo sviluppo di Osteoporosi . Mi sembra utile quindi ripristinare una stimolazione ormonale adeguata, qualora il problema dovesse perdurare.


Dott.ssa Serena Ronca
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
ROMA (RM)


Altre risposte di Salute femminile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra