L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute femminile

27/02/2006 17:02:44

Galatorrea

Nel 2000 ho scoperto da un'autopalpazione del seno di una fuoriuscita dal seno di una secrezione giallo verde. Così ne ho parlato con il mio medico di famiglia e mi ha consigliato una visita endocrinologa.Dopo aver fatto questa visita, ho fatto gli esami del sangue in cui si è riscontrato una prolattina alta e progesterone alto oppure testosterone alto e progesterone basso. Conclusioni: iperprolattinemia
Dopo questa diagnosi nessuno mi ha mai prescritto una risonanza magnetica e nessuno mi ha mai detto perchè questa anomalia, e non solo ma nessuno mi ha mai prescritto farmaci e se questa iperprolattinemia sia dovuta ad adenoma ipofisario e che conseguenze possa avere in futuro. Ora io sto per sposarmi e non so se questo possa crearmi dei problemi per quanto riguarda la mia fertilità.Inoltre aggiungo che a volte ho un calo del desiderio sessuale e ho non pochi problemi. Che cosa posso fare?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del04/03/2006

Gentile signora,
L’iperprolattinemia può avere più cause. Una di queste è la presenza di un “adenoma prolattino-secernente” a livello della ipofisi una piccola ghiandola posta nella scatola cranica “al di sotto del cervello”. Un adenoma è una piccola formazione che può appunto produrre prolattina.
Esistono anche altre cause di iperprolattinemia fra cui l’ipotiroidismo (ridotta funzione della tiroide), l’assunzione di determinati farmaci, problemi renali, problemi epatici. L’iperprolattinemia può essere inoltre presente in altre patologie di ambito endocrinologico (ad esempio l’acromegalia ovvero una abnorme produzione di GH - l'ormone della crescita -) o ginecologico (un lieve aumento della prolattina si ha nella sindrome dell’ovaio policistico). Insomma è importante capire la causa di questo problema e quindi impostare le terapia più corretta. Riconsulti eventualmente il suo medico curante che saprà rivalutare attentamente la sua situazione clinica. Un cordiale saluto.



Dott.ssa Elisabetta Chelo
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Ginecologia e ostetricia
FIRENZE (FI)


Altre risposte di Salute femminile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra