L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute femminile

29/04/2007 21:13:06

Lichen Sclerose Vulvare

Gentilissimo Dottore volevo sapere se lei può darmi un informazione su questa malattia riscontratami. Soffro di un prurito continuo alla vagina.E che in più mi ha colpito anche la mucosa della gola ecc... il mio ginecologo mi ha spiegato che è una malattia degenerante e congenita,ma con i trattamenti (creme,pillole ed altro )non riesco ad ottenere nessun miglioramento ed ho spesso febbre,sono quasi sempre coricata perchè ho difficoltà a muovermi e camminare,quindi ciò significa non uscire quasi più.Le sarei molto grata se lei potesse darmi maggiori informazioni su questa malattia e se ci fosse un trattamento che possa aiutarmi a migliorare il mio stato di salute.La ringrazio anticipatamente e mi tengo a sua disposizione per ulteriori informazini.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del02/05/2007

Cara Signora,
il lichen sclerosus è una delle più comuni malattie della vulva . I disturbi possono iniziare a qualsiasi età ma solitamente colpisce le donne con più di 40 anni. In questa condizione la pelle che riveste la vulva diviene sottile, bianca e fragile. Le cause non sono ancora conosciute, ma è stato stabilita una predisposizione familiare. Il lichen sclerosus non viene trasmesso con l'attività sessuale. I sintomi precoci sono il prurito e/o il bruciore. Altri sintomi possono comprendere rapporti dolorosi, lacerazioni della pelle e sanguinamenti.
La diagnosi deve essere sempre confermata da una biopsia e poi si può iniziare la terapia . Il trattamento comporta l'uso di una crema locale o di un unguento oltre alle normali misure igieniche . La terapia più mirata utilizza un ormone maschile (il testosterone) che è applicato sulla pelle due o tre volte al giorno. Altre terapie possono includere l'uso di un ormone femminile, il progesterone, in forma di unguento e creme steroidee.
Chiaramente tutte queste indicazioni terapeutiche necessitano sempre una conferma ed il successivo e continuo monitoraggio da parte dello specialista che dovrà seguirla.
Un cordiale saluto





Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute femminile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra