Asma, supporto interattivo migliora aderenza a terapia

18 giugno 2012
News

Asma, supporto interattivo migliora aderenza a terapia



asma, farmaci, terapia, aderenza, antinfiammatori inalatori


Il supporto online, offerto da un sito interattivo dedicato in modo specifico all'asma, si è dimostrato efficace nell'aiutare i genitori a garantire l'aderenza alle terapie dei loro bambini che ne soffrono. Lo afferma uno studio pubblicato su Academic Pediatrics condotto presso Seattle Children's Research Institute and the University of Washington. I ricercatori hanno arruolato 603 famiglie, randomizzate a seguire un programma per 6 mesi, che in un caso prevedeva l'accesso a un sito chiamato "My child asthma" pensato per aumentare la fiducia dei genitori nella terapia dell'asma con uno strumento di feedback sui sintomi dei bambini e sulla loro gravità e sull'uso dei farmaci per il loro controllo. Nell'altro gruppo venivano, invece, proposti interventi, sempre basati sul web, ma non così specifici (riduzione del tempo di fruizione della televisione). Dai dati è emerso che al basale una parte dei bambini (29%) aveva asma persistente da moderata a grave e l'altra (71%) asma intermittente moderata. Tra i pazienti che già all'inizio dello studio avrebbero già dovuto usare, ma non lo facevano, farmaci per il controllo dell'asma, vale a dire antinfiammatori inalatori, dopo sei mesi di programma, non c'erano differenze significative nella prescrizione di farmaci, indipendentemente da tipo di attività proposta ai genitori. C'era, invece, una tendenza al miglioramento in entrambi i gruppo di bambini che usavano già la terapia all'inizio e a sei mesi, e l'aderenza migliorava ulteriormente laddove i genitori erano supportato dal sito web dedicato. Lo stesso andamento si notava anche tra i bambini con asma persistente in terapia. «Le linee guida» scrivono gli autori «raccomandano l'uso di farmaci antinfiammatori inalatori nei bambini con asma persistente e se i sintomi non scompaiono o migliorano, bisogna passare ai beta agonisti. Tuttavia solo una quota che varia dal 30 al 50% dei pazienti prende le terapie prescritte. Questo studio mette in evidenza che uno strumento interattivo rivolto ai genitori può sortire effetti positivi sull'aderenza e migliorare il controllo dei sintomi, almeno durante il periodo di intervento».


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo dei percentili di crescita
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Infanzia
08 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Epistassi, come comportarsi
Infanzia
03 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Epistassi, come comportarsi
L'esperto risponde