Il legame tra anoressia e sport agonistico

11 luglio 2018
News

Il legame tra anoressia e sport agonistico



È difficile stimare la reale prevalenza di disturbi alimentari/anoressia nelle atlete o nelle adolescenti che praticano sport a livello agonistico. La ragione è semplice: le ragazze negano questa patologia, non ne parlano a nessuno ed è di conseguenza difficile creare un'alleanza con il terapeuta. Ma negli ultimi anni l'attenzione su questo trend è cresciuta.

Categorie ed età a rischio


Le ricerche più recenti affermano che le atlete hanno un rischio potenziale di sviluppare un disturbo alimentare pari al 18-20% rispetto al 5-9% dei soggetti che non praticano attività sportiva agonistica. I maschi hanno una minore prevalenza di comportamenti alimentari disturbati rispetto alle femmine ma è sempre maggiore rispetto ai non atleti.
I disturbi sono molto cresciuti tra i 15 e i 19 anni. E la fascia tra i 12 e i 16 anni è considerata l'età a rischio: in questa 'forchetta' vi è un aumento dell'incidenza dell'anoressia di 10 volte superiore rispetto a tutte le altre età della vita.

Gli sport “a rischio”


Ma quali sono gli sport chiamati in causa? "Sono quelli che enfatizzano un corpo magro e snello" spiega Anna Peloso, neuropsichiatra infantile Città della salute e della Scienza di Torino. "Sport per i quali è richiesta l'appartenenza ad una determinata classe di peso o che attribuiscono un'enfasi importante al peso basso per ottenere vantaggi competitivi  ma anche per ottenere un giudizio positivo sull'aspetto fisico in generale".

"A partire dal 2007 - continua Anna Peloso - sono state individuate le discipline a rischio. Sono sport di resistenza, ma pure la ginnastica artistica, persino giochi di squadra come la pallavolo. O ancora sport dove l'abbigliamento per la competizione rivela la forma del corpo o quando una forma corporea pre puberale favorisce il risultato nella competizione".


Attività agonistica precoce

Bisogna fare attenzione inoltre alla scelta troppo precoce, intorno ai 7-8 anni, di un'attività sportiva agonistica. Spiega Anna Peloso: "Durante la pubertà il corpo può svilupparsi in modo non conforme rispetto alla disciplina sportiva che è stata scelta. Le ragazzine possono percepire i cambiamenti corporei, rispetto alle proporzioni o all'aumento di peso, come qualcosa che influisce negativamente sulle prestazioni sportive. Ne consegue una forte insoddisfazione per il proprio corpo fino ad arrivare al desiderio di impedire il cambiamento e adottare dei comportamenti alimentari disfunzionali o patologici".

Inoltre, nel tempo, le atlete ragazzine possono percepire il successo di una migliore prestazione, associata alla perdita di peso, come una spinta a persistere nella riduzione del peso per ottenere risultati sempre migliori. Perché sono perfezioniste: sono molto esigenti con se stesse.


I fattori di rischio

Tra i fattori di rischio sicuramente il perfezionismo, l'eccessiva compiacenza, la disponibilità a essere come gli altri desiderano o s'immaginano che noi siamo. Tratti ansiosi, ossessivi. E poi il timore del fallimento, di una valutazione negativa. E ancora: l'insoddisfazione dell'immagine del proprio corpo e la difficoltà nella comprensione, nel contatto e nella gestione delle proprie emozioni. Ma anche l'ambiente è sotto accusa. Quando vi sono pressioni sulla perdita di peso o critiche sull'aspetto fisico che arrivano dai pari ma pure dagli adulti.

Carla De Meo



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Celiachia
Alimentazione
16 luglio 2018
Patologie
Celiachia
Comporre il piatto
Alimentazione
15 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Comporre il piatto
Mirtilli: le bacche superfood
Alimentazione
14 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Mirtilli: le bacche superfood
L'esperto risponde