Ketamina Molteni 50 mg/ml iniett. soluz. 5 fiale 2 ml

Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2018
Farmaci - Ketamina Molteni

Ketamina Molteni 50 mg/ml iniett. soluz. 5 fiale 2 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

L. Molteni & C. dei F.lli Alitti Società di Esercizio S.p.A.

MARCHIO

Ketamina Molteni

CONFEZIONE

50 mg/ml iniett. soluz. 5 fiale 2 ml

PRINCIPIO ATTIVO
ketamina cloridrato

FORMA FARMACEUTICA
soluzione (uso interno)

GRUPPO TERAPEUTICO
Anestetici generali

CLASSE
H

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
24,58 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Ketamina Molteni 50 mg/ml iniett. soluz. 5 fiale 2 ml

  • Come unico anestetico per manovre chirurgiche e diagnostiche. Nonostante sia più indicato per interventi brevi, KETAMINA MOLTENI può essere usato, con dosi addizionali, per interventi di maggiore durata.
    Qualora si desideri rilasciamento della muscolatura scheletrica, si usi un miorilassante e si tenga sotto controllo la respirazione.
  • Per indurre l'anestesia prima di somministrare altri anestetici generali.
  • Come supplemento ad altri anestetici.
Campi specifici di applicazione o tipi di intervento

  1. Sbrigliamento, medicazioni dolorose, innesti cutanei negli ustionati e altri interventi chirurgici superficiali.
  2. Manovre neurodiagnostiche, quali pneumoencefalogrammi, ventricologrammi, mielogrammi e punture lombari.
  3. Procedure diagnostiche e chirurgiche su occhio, orecchio, naso e bocca, comprese le avulsioni dentarie.
  4. Avvertenza: possono persistere movimenti dell'occhio durante le manovre oftalmologiche.
  5. Procedure diagnostiche e chirurgiche sulla faringe, laringe e albero bronchiale.
  6. Avvertenza: si consiglia l'uso di miorilassanti in questi interventi .
  7. Sigmoidoscopie e chirurgia minore dell'ano e del retto, circoncisione.
  8. Interventi extraperitoneali in ginecologia, quali dilatazione e raschiamento.
  9. Interventi ostetrici compresi parti distocici e taglio cesareo.
  10. Interventi ortopedici quali riduzioni incruente, inchiodamento del femore, amputazioni e biopsie.
  11. Anestesia in pazienti ad elevato rischio operatorio con depressione delle funzioni vitali.
  12. Cateterismo cardiaco.
  13. Quando la via intramuscolare è preferita.



CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Ketamina Molteni 50 mg/ml iniett. soluz. 5 fiale 2 ml

KETAMINA MOLTENI è controindicato:

  • nei soggetti nei quali un aumento della pressione sanguigna può rappresentare un grave rischio
  • in caso di ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti
  • nelle pazienti affette da eclampsia o pre-eclampsia
  • nei pazienti soggetti a disturbi cerebrovascolari o a traumi cerebrali
  • in caso di gravi disturbi del miocardio e nell'insufficienza cardiaca grave

KETAMINA MOLTENI è generalmente controindicato in caso di gravidanza .




AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Ketamina Molteni 50 mg/ml iniett. soluz. 5 fiale 2 ml

Generali

KETAMINA MOLTENI deve essere somministrato sotto la direzione di medici esperti nella somministrazione di anestetici generali, nel mantenimento della pervietà delle vie aeree, nel controllo della respirazione. Le attrezzature per la rianimazione devono essere disponibili ed efficienti, come per qualsiasi altro anestetico generale.

L'iniezione endovenosa deve essere eseguita lentamente, in un periodo di oltre 60 secondi. Una somministrazione più rapida può provocare depressione respiratoria o apnea e una più pronunciata risposta pressoria.

In letteratura, è stata descritta aspirazione del mezzo di contrasto durante anestesia con ketamina; sebbene nella pratica clinica questo fatto sia estremamente raro, è opportuno tenere in considerazione questa possibilità.

Il sovradosaggio di Ketamina può provocare depressione respiratoria, nel qual caso è necessaria una ventilazione assistita. È preferibile a tale scopo, un supporto meccanico alla respirazione, piuttosto che l'uso di analettici.

KETAMINA MOLTENI non deve essere usato da solo negli interventi chirurgici o diagnostici su faringe, laringe o albero bronchiale, poichè i riflessi faringo-laringei generalmente rimangono attivi.

Qualora si usi solo KETAMINA MOLTENI, si eviti, se possibile, di stimolare meccanicamente la faringe.

In questi casi può essere necessario somministrare miorilassanti, con adeguato controllo della respirazione.

Negli interventi chirurgici che interessano le vie del dolore viscerale, si associ un farmaco efficace sul dolore viscerale.

KETAMINA MOLTENI non deve essere usato come unico anestetico negli interventi ostetrici nei quali si richieda rilasciamento della muscolatura uterina.

Se si usa KETAMINA MOLTENI in ambulatori ospedalieri ma in pazienti non ospedalizzati, questi devono essere trattenuti fintanto che si siano completamente ripresi dall'anestesia e devono essere accompagnati da un adulto responsabile.

La ketamina deve essere impiegata con cautela:

  • in soggetti con aumentata pressione endocranica, tranne che sotto idonea ventilazione, poichè durante anestesia con ketamina è stato descritto un aumento della pressione del liquido cerebrospinale
  • in caso di etilismo cronico ed acuto
  • in pazienti con cirrosi o altri tipi di insufficienza epatica. Dato che la ketamina viene metabolizzata nel fegato, la clearance epatica è necessaria perchè i suoi effetti clinici abbiano termine. Nei pazienti con cirrosi o altro tipo di insufficienza epatica, prendere in considerazione la riduzione della dose per evitare una durata di azione troppo prolungata. Sono stati riferiti risultati anormali nei test di funzionalità epatica associati all'uso di ketamina, specialmente con l'uso prolungato (> 3 giorni) o con abuso del farmaco
  • in caso di glaucoma, dato che la pressione intraoculare può aumentare significativamente dopo una singola dose di ketamina
  • in soggetti che presentano lesioni perforanti dell'occhio
  • in pazienti con una storia di disturbi psichiatrici (per esempio schizofrenia, psicosi acuta o disturbi nevrotici)
  • in pazienti con porfiria acuta intermittente
  • in pazienti con precedenti di convulsioni
  • in pazienti con ipertiroidismo o in terapia di sostituzione di ormoni tiroidei (aumento del rischio di ipertensione e tachicardia)
  • in pazienti con infezioni polmonari o delle vie aeree superiori, dato che la ketamina sensibilizza il riflesso del vomito e può dunque causare laringospasmo
  • in pazienti con lesioni della massa intracranica, traumi cranio-encefalici o idrocefalo
Trattamento dei pazienti durante il risveglio

In circa il 12% dei pazienti trattati si manifestano reazioni psicologiche durante il risveglio.

Queste reazioni possono variare in intensità e il paziente può lamentare una fase di eccitazione (agitazione postoperatoria) caratterizzata da allucinazioni, delirio, sogni vividi (piacevoli o spiacevoli), con o senza attività psicomotoria, che si manifesta con sintomi confusionali e comportamento irrazionale, ed essere ricordata da alcuni pazienti come un'esperienza sgradevole. Queste reazioni sono simili a quelle che si possono osservare usando altri anestetici generali e si esauriscono di norma entro poche ore, tranne in rari casi in cui si sono verificate entro le 24 ore. Non risulta che l'uso di ketamina provochi sequele psicologiche.

La frequenza di queste reazioni è minima nel giovane (15 anni o meno) e nell'anziano (oltre i 65 anni). Inoltre sono meno frequenti quando il farmaco viene iniettato intramuscolo. La frequenza delle reazioni psicologiche da risveglio, in particolare quelle collegate a sogni e delirio, può essere ridotta utilizzando bassi dosaggi di ketamina in associazione con diazepam per via endovenosa durante l'induzione e il mantenimento dell'anestesia. Inoltre, la frequenza di tali reazioni può essere diminuita se si riduce al minimo la stimolazione tattile, verbale e visiva del paziente.

Dopo l'intervento il paziente deve essere tenuto sotto osservazione, ma lasciato tranquillo. Ciò non esclude il monitoraggio dei segni vitali.

Se durante il risveglio il paziente manifesta qualche sintomo di agitazione, si prenda in considerazione la somministrazione di uno dei seguenti farmaci: Diazepam (5-10 mg endovena nell'adulto), o Droperidolo (2,5-7,5 mg endovena o intramuscolo). Per interrompere una grave reazione da risveglio si può usare una dose ipnotica di un tiobarbiturico (50-100 mg endovena). Quando si usano detti farmaci, il periodo di risveglio può essere prolungato.

Cardiovascolari

KETAMINA MOLTENI deve essere utilizzata con cautela in pazienti con ipovolemia, disidratazione, disturbi cardiaci, in particolare in pazienti con patologie coronariche (insufficienza cardiaca congestizia, ischemia miocardica e infarto del miocardio), perchè la ketamina causa un sensibile aumento del consumo di ossigeno da parte del miocardio. Inoltre, la ketamina deve essere utilizzata con cautela in pazienti con tachiaritmie e con ipertensione da lieve a moderata.

In pazienti con scompenso cardiaco o ipertensione, la funzione cardiaca deve essere monitorata durante l'intera procedura.

Appena dopo la somministrazione di KETAMINA MOLTENI ci sarà un aumento della pressione arteriosa, che raggiungerà il suo massimo dopo alcuni minuti, ritornando normalmente ai valori pre-anestesia entro 15 minuti dalla somministrazione. Negli studi clinici, la media della variazione della pressione massima arteriosa ha oscillato tra il 20 e il 25% dei valori precedenti all'anestesia.

A seconda delle condizioni del paziente, questo incremento della pressione arteriosa può essere considerato in certi casi di beneficio o in altri casi come una reazione avversa.

Uso prolungato

Sono stati riportati casi di cistiti, comprese cistiti emorragiche, in pazienti che hanno utilizzato la ketamina per lunghi periodi. Questa reazione avversa si sviluppa in pazienti che ricevono ketamina per trattamenti prolungati, durante un periodo di tempo variabile tra 1 mese e alcuni anni. La ketamina non è indicata per un uso prolungato.

Abuso e dipendenza

La ketamina è un medicinale che dà problemi di abuso. Se usata giornalmente per poche settimane, può svilupparsi dipendenza e tolleranza, in particolare in soggetti con una storia di abuso di farmaci e dipendenza. La ketamina può causare una serie di sintomi che comprendono (ma che non si limitano a) ricordi di scene già vissute (flaskback), allucinazioni, disforia, ansia, insonnia o disorientamento. Per questo motivo, occorre un'attenta supervisione durante l'uso e deve essere prescritta e somministrata con cautela.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Ketamina Molteni 50 mg/ml iniett. soluz. 5 fiale 2 ml

KETAMINA MOLTENI è compatibile clinicamente con i comuni anestetici in uso e con gli anestetici locali, se la respirazione si mantiene adeguata.

La dose di KETAMINA MOLTENI da usare unitamente ad altri anestetici, rientra nei medesimi limiti della dose per induzione precisata: però l'uso di un altro anestetico può consentire una riduzione della dose di KETAMINA MOLTENI.

L'uso contemporaneo di ketamina con barbiturati e/o agonisti oppioidi può prolungare il tempo di risveglio, così come le benzodiazepine usate nella premedicazione. La ketamina può potenziare gli effetti neuromuscolari dell'atracurio e della tubocurarina, portando a depressione respiratoria con apnea.

L'uso concomitante di anestetici alogenati (alotano o enflurano) può prolungare l'emivita della ketamina (rallentata distribuzione e ridistribuzione della ketamina e inibizione del suo metabolismo a livello epatico), ritardando pertanto il risveglio dall'anaestesia. L'uso concomitante di ketamina (in particolare ad alte dosi o somministrata rapidamente) con anestetici alogenati può provocare una significativa depressione cardiovascolare (bradicardia, ipotensione o diminuzione della gittata cardiaca).

L'uso di ketamina con altri depressori del sistema nervoso centrale (ad es. etanolo, fenotiazine, antagonisti dei recettori H1-sedativi o rilassanti muscolari) può potenziare la depressione del sistema nervoso centrale e/o aumentare il rischio di depressione respiratoria.

L'uso concomitante di ketamina e gallamina può provocare tachicardia, mentre l'associazione con pancuronio può provocare ipertensione. Entrambi questi rilassanti non devono essere usati con ketamina.

L'uso concomitante di ketamina con altri ansiolitici, sedativi e ipnotici può richiedre l'impiego di dosi ridotte di ketamina. Diazepam o altre benzodiazepine aumentano la concentrazione plasmatica e riducono la clearance della ketamina.

Il protossido d'azoto consente una riduzione della dose di ketamina.

La ketamina antagonizza l'effetto ipnotico del tiopentale.

La ketamina deve essere usata con cautela in soggetti in cura con ormoni tiroidei per un accresciuto rischio di ipertensione e tachicardia.

L'uso concomitante con agenti antipertensivi aumenta il rischio di ipotensione.

La teofillina somministrata con ketamina può abbassare la soglia delle convulsioni.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Ketamina Molteni 50 mg/ml iniett. soluz. 5 fiale 2 ml

Preparazione pre-operatoria

Ketamina è stata usata da sola senza disturbi anche a stomaco pieno, e se ne consiglia l'uso nei pazienti non digiuni quando l'anestesista giudichi che i vantaggi del farmaco superano i possibili svantaggi (benché sia stata segnalata la comparsa di vomito dopo somministrazione di Ketamina, la protezione delle vie aeree è generalmente assicurata dalla presenza dei riflessi faringo-laringei).

Ad ogni modo, poichè non si può prevedere se occorrerà somministrare altri anestetici e miorilassanti, nella preparazione agli interventi è consigliabile non fare ingerire niente per almeno 6 ore prima dell'intervento.

Atropina, scopolamina o altri farmaci antisecretori devono essere somministrati ad adeguato livello prima dell'induzione.

La somministrazione di Droperidolo (0,1 mg/Kg intramuscolo) o l'uso di benzodiazepine a breve durata d'azione si è dimostrata premedicazione efficace per ridurre la frequenza delle reazioni da risveglio.

Inizio e durata dell'anestesia

Come con altri anestetici generali, la risposta individuale a KETAMINA MOLTENI varia a seconda della dose, della via di somministrazione, dell'età del paziente, del concomitante uso di altri farmaci per cui non è possibile fissare schemi posologici.

Il farmaco deve essere dosato a seconda delle esigenze di ogni singolo caso.

A causa della rapidità dell'induzione dopo iniezione endovenosa, il paziente deve essere in adeguata posizione durante la somministrazione. Una dose endovena di 2 mg/Kg di solito provoca l'anestesia chirurgica entro 30 secondi dopo l'iniezione, e l'effetto anestetico generalmente si protrae per 5-10 minuti. Una dose di 10 mg/Kg, per via intramuscolare, solitamente provoca anestesia chirurgica entro 3-4 minuti dopo l'iniezione, e l'effetto anestetico si protrae per 12-25 minuti. Il ritorno alla coscienza è graduale.

  • Come anestetico unico per manovre chirurgiche e diagnostiche
Induzione dell'anestesia

Via endovenosa: la dose iniziale di KETAMINA MOLTENI può variare da 1 mg/Kg a 4,5 mg/Kg di ketamina base. La dose media necessaria per ottenere 5-10 minuti di anestesia chirurgica è di 2 mg/Kg.

Si raccomanda di praticare l'iniezione endovenosa lentamente (in un tempo superiore ai 60 secondi). Una somministrazione più rapida può portare depressione respiratoria e una più evidente risposta pressoria.

Via intramuscolare: la dose iniziale di KETAMINA MOLTENI può variare da 6,5 a 13 mg/Kg, in termini di ketamina base. Una dose di 10 mg/Kg generalmente provoca 12-25 minuti di anestesia chirurgica.

Mantenimento dell'anestesia

L'alleggerimento dell'anestesia può rendersi manifesto con nistagmo, con movimenti conseguenti a stimolazioni o vocalizzazione. L'anestesia viene mantenuta mediante la somministrazione di dosi addizionali di KETAMINA MOLTENI per via endovenosa o intramuscolare, indipendentemente dalla via di somministrazione usata per l'induzione. Se si sceglie la via endovenosa per il mantenimento dell'anestesia, ogni singola dose addizionale può variare da metà dose alla dose piena endovenosa succitata. Se si sceglie la via intramuscolare per il mantenimento dell'anestesia, ogni singola dose addizionale può variare da metà dose alla dose piena intramuscolare succitata. Quanto maggiore sarà stata la dose totale iniettata, tanto più lungo sarà il tempo per il risveglio completo. Durante l'anestesia possono comparire movimenti irrazionali e tonico-clonici. Questi movimenti non implicano un piano superficiale di anestesia e non indicano che occorre una dose addizionale di anestetico.

  • Per indurre l'anestesia prima di somministrare altri anestetici generali
L'induzione si attua con una dose piena endovenosa o intramuscolare di KETAMINA MOLTENI come sopra detto. A ciò segue la somministrazione dell'anestetico principale. Il tempo di somministrazione dell'anestetico principale dipende dalla via di somministrazione di KETAMINA MOLTENI e dall'intervallo di tempo necessario perchè l'anestetico principale manifesti pienamente il suo effetto. Se KETAMINA MOLTENI è stato somministrato per via endovenosa e l'anestetico principale è ad azione lenta, può essere necessaria una seconda dose di KETAMINA MOLTENI 5-8 minuti dopo la dose iniziale. Se KETAMINA MOLTENI è stato iniettato per via intramuscolare e l'anestetico principale è ad azione rapida, la somministrazione dell'anestetico principale può essere ritardata fino a 15 minuti dopo l'iniezione di KETAMINA MOLTENI.

  • Come coadiuvante di altri anestetici
KETAMINA MOLTENI è compatibile clinicamente con i comuni anestetici in uso e con gli anestetici locali, se la respirazione si mantiene adeguata. La dose di KETAMINA MOLTENI da usare unitamente ad altri anestetici rientra nei medesimi limiti della dose per induzione sopra precisata: però l'uso di un altro anestetico può consentire una riduzione della dose di KETAMINA MOLTENI.

Per il trattamento dei pazienti durante il risveglio, vedere paragrafo (qui non riportato) 4.4.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Ketamina Molteni 50 mg/ml iniett. soluz. 5 fiale 2 ml

Un sovradosaggio di KETAMINA MOLTENI può portare a depressione respiratoria: è necessario ricorrere alla ventilazione assistita. È preferibile assistere meccanicamente la respirazione in modo da mantenere adeguata sia l'ossigenazione del sangue che la eliminazione dell'anidride carbonica, piuttosto che somministrare analettici.

KETAMINA MOLTENI ha un ampio margine di sicurezza; parecchi casi di somministrazione non intenzionale di dosaggi eccessivi di ketamina (fino a 10 volte le dosi usualmente somministrate), sono stati seguiti da un protratto ma completo risveglio.


CONSERVAZIONE



Nessuna speciale precauzione per la conservazione.






Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Ultimi articoli
Il doce far niente
22 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Il doce far niente
L’Oms e i cibi killer: Parmigiano nel mirino?
21 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
L’Oms e i cibi killer: Parmigiano nel mirino?
Una App per calcolare quanto sole si prende
20 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Una App per calcolare quanto sole si prende
L'esperto risponde