Rabipur polv. e solv. per soluz. iniett. 1 flac.no di polvere + 1 siringa preriempita di solvente da 1 ml

Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2018
Farmaci - Rabipur

Rabipur polv. e solv. per soluz. iniett. 1 flac.no di polvere + 1 siringa preriempita di solvente da 1 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

GlaxoSmithKline Vaccines S.r.l.

MARCHIO

Rabipur

CONFEZIONE

polv. e solv. per soluz. iniett. 1 flac.no di polvere + 1 siringa preriempita di solvente da 1 ml

ALTRE CONFEZIONI DI RABIPUR DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
vaccino rabbia inattivato

FORMA FARMACEUTICA
Polvere

GRUPPO TERAPEUTICO
Vaccini virali

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
48 mesi

PREZZO
100,54 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Rabipur polv. e solv. per soluz. iniett. 1 flac.no di polvere + 1 siringa preriempita di solvente da 1 ml

Rabipur è indicato per l'immunizzazione attiva contro la rabbia in soggetti di tutte le età.

Vedere i paragrafi 4.2 e 5.1 per informazioni dettagliate sulla profilassi pre- e post-esposizione.

Rabipur deve essere impiegato in accordo alle raccomandazioni ufficiali.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Rabipur polv. e solv. per soluz. iniett. 1 flac.no di polvere + 1 siringa preriempita di solvente da 1 ml

Profilassi pre-esposizione (PrEP)

Storia precedente di grave reazione di ipersensibilità al principio attivo, ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo (qui non riportato) 6.1 o ad uno qualsiasi dei residui elencati al paragrafo (qui non riportato) 2.

La vaccinazione deve essere posticipata nei soggetti con una malattia febbrile grave .

Profilassi post-esposizione (PEP)

Alla luce della prognosi quasi sempre infausta della rabbia, non ci sono controindicazioni alla profilassi post-esposizione.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Rabipur polv. e solv. per soluz. iniett. 1 flac.no di polvere + 1 siringa preriempita di solvente da 1 ml

È possibile che non tutti i soggetti vaccinati ottengano una risposta immunitaria protettiva.

Nel caso di patologie acute che richiedono trattamento, i pazienti non devono essere vaccinati fino ad almeno 2 settimane dopo la remissione. La presenza di infezioni minori non deve portare al differimento della vaccinazione.

Reazioni di ipersensibilità (solo PEP)

Si sono verificate reazioni anafilattiche, compreso lo shock anafilattico, in seguito alla vaccinazione con Rabipur. Come per tutti i vaccini iniettabili, trattamenti medici e controlli appropriati devono essere sempre immediatamente disponibili nella rara eventualità di una reazione anafilattica successiva alla somministrazione del vaccino.

Rabipur contiene l'eccipiente poligelina, residui di proteine di pollo (es. ovalbumina), albumina sierica umana e può contenere tracce di antibiotici . Nei casi in cui i soggetti hanno sviluppato sintomi clinici di anafilassi quali orticaria generalizzata, edema delle vie aeree superiori (labbra, lingua, gola, laringe o epiglottide), spasmo laringeo o broncospasmo, ipotensione o shock, in seguito ad esposizione a una qualsiasi di queste sostanze, la vaccinazione deve essere somministrata solo da personale dotato della capacità e dei mezzi per la gestione dell'anafilassi post-vaccinazione.

Effetti sul sistema nervoso centrale

Encefalite e sindrome di Guillain-Barré sono state associate temporalmente con l'uso di Rabipur . Deve essere considerato con attenzione il rischio per il paziente di sviluppare la rabbia prima di decidere di sospendere l'immunizzazione.

Via di somministrazione

Il vaccino rabico non deve essere somministrato mediante iniezione intraglutea o sottocutanea, in quanto l'induzione di una risposta immunitaria adeguata può essere meno affidabile.

L'involontaria iniezione intravascolare può portare a reazioni sistemiche, incluso lo shock. Non iniettare per via intravascolare.

Reazioni correlate all'ansia

Reazioni correlate all'ansia, comprese reazioni vasovagali (sincope), iperventilazione o reazioni da stress, possono verificarsi in associazione con la vaccinazione come risposta psicogena all'iniezione con ago . È importante predisporre procedure adeguate per evitare lesioni in caso di svenimento.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Rabipur polv. e solv. per soluz. iniett. 1 flac.no di polvere + 1 siringa preriempita di solvente da 1 ml

I medicinali immunosoppressori possono interferire con lo sviluppo di una risposta adeguata al vaccino anti-rabico. Pertanto si raccomanda di monitorare la risposta sierologica di questi pazienti e di somministrare ulteriori dosi, se necessario .

Il vaccino non deve essere miscelato nella stessa siringa con altri medicinali. Se in aggiunta al vaccino Rabipur sono indicate le immunoglobuline anti-rabiche, queste devono essere somministrate in una sede anatomica distante da quella della vaccinazione.

I dati clinici disponibili supportano la somministrazione concomitante di Rabipur con il vaccino inattivato anti-encefalite giapponese (JE) e il vaccino meningococcico coniugato MenACWY nei soggetti adulti; sono disponibili dati limitati nella popolazione pediatrica.

Quasi tutti i soggetti adulti hanno ottenuto una risposta immunitaria adeguata (RVNAs) entro 7 giorni dalla fine di una serie primaria di tre iniezioni di Rabipur quando somministrato in concomitanza con il vaccino inattivato JE secondo una schedula PrEP sia rapida sia convenzionale per via intramuscolare. Dal giorno 57 dopo la vaccinazione è stato osservato un declino più rapido nella risposta immunitaria alla rabbia nei soggetti vaccinati in concomitanza con il vaccino JE secondo la schedula PrEP rapida confrontata con la schedula PrEP convenzionale per somministrazione concomitante e la schedula PrEP convenzionale solo per la rabbia. Al giorno 366, le percentuali di soggetti con concentrazione RVNA ≥0.5 IU/mL sono state 68%, 76%, e 80% per i gruppi vaccinali rabbia/JE accelerata, rabbia/JE convenzionale e rabbia convenzionale, rispettivamente.

Tutti i soggetti adulti hanno ottenuto una risposta immunitaria adeguata (RVNAs ≥ 0.5 IU/ml) entro 28 giorni dopo la fine di una serie primaria di tre iniezioni di Rabipur, quando somministrato in concomitanza con il vaccino coniugato MenACWY secondo la schedula convenzionale raccomandata per via intramuscolare.

I vaccini somministrati in concomitanza devono sempre essere iniettati in siti di iniezione separati e preferibilmente arti controlaterali.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Rabipur polv. e solv. per soluz. iniett. 1 flac.no di polvere + 1 siringa preriempita di solvente da 1 ml

Non sono noti casi di sovradosaggio.


CONSERVAZIONE



Conservare in frigorifero (2°C – 8°C). Non congelare.

Conservare il flaconcino e la siringa nell'imballaggio esterno per proteggere il medicinale dalla luce.

Per le condizioni di conservazione dopo la ricostituzione del medicinale, vedere paragrafo (qui non riportato) 6.3.

Il vaccino non deve essere usato dopo la data di scadenza riportata sulla confezione e sul contenitore.






Ultimi articoli
L'esperto risponde