Artrite infiammatoria e osteoartrite, attività fisica fa parte della cura standard

17 settembre 2018
Aggiornamenti e focus

Artrite infiammatoria e osteoartrite, attività fisica fa parte della cura standard


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Dare consigli ai pazienti con artrite infiammatoria (AI) o osteoartrite (OA) dell'anca o del ginocchio sui benefici dell'attività fisica dovrebbe essere uno standard di cura nella pratica clinica, secondo le nuove raccomandazioni della European League Against Rheumatism (EULAR), pubblicate su Annals of Rheumatic Diseases. «Le persone con artrite antinfiammatoria e osteoartrite possono essere riluttanti a impegnarsi nell'attività fisica, temendo riacutizzazioni o un danno articolare» afferma Anne- Kathrin Rausch Osthoff, della Zurich University of Applied Sciences a Winterthur, Svizzera, che ha guidato il gruppo di lavoro. «Date però le prove per la sua efficacia, fattibilità e sicurezza l'attività fisica va sostenuta come parte integrante delle cure standard nel corso di queste malattie, e consigliamo che queste raccomandazioni vengano implementate tenendo conto delle esigenze individuali e dei sistemi sanitari nazionali» prosegue. La Task Force EULAR 2018 ha basato le proprie raccomandazioni su un'analisi quantitativa di dati provenienti da 11 studi. I ricercatori hanno preso in considerazione pazienti con artrite reumatoide (AR) e spondiloartrite (SpA), nonché con OA all'anca o al ginocchio. Nel complesso, l'analisi ha mostrato che gli esercizi cardiovascolari hanno un moderato effetto benefico sulla salute cardiovascolare in tutte e tre le patologie. Inoltre, hanno rilevato un moderato beneficio dagli esercizi di allenamento della forza in AR e OA.

Al contrario, la combinazione dell'esercizio aerobico con l'allenamento per la forza e con esercizi per migliorare la flessibilità, non si è rivelata utile nei pazienti con SpA o OA. I membri della task force ritengono che tutti gli operatori sanitari debbano aumentare la promozione dell'attività fisica nei pazienti con AI e OA e, se necessario, debbano collaborare con altri professionisti per raggiungere i loro obiettivi. Esistono però anche controindicazioni specifiche all'attività fisica, che gli operatori sanitari devono considerare, adattando gli obiettivi al singolo paziente. I medici devono anche tenere conto delle barriere generali e specifiche per la malattia rispetto all'esercizio fisico, e devono essere pronti a discutere l'uso dei farmaci antidolorifici prima dell'esercizio per migliorare la tollerabilità dello stesso.

Ann Rheum Dis. 2018. Doi: 10. 1136/annrheumdis- 2018- 213585

Tags:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Perché camminare all’aperto fa bene
Benessere sport e fitness
05 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Perché camminare all’aperto fa bene
Vincere la cellulite. Intervista a Riccardo Gaspari, wellness consultant
Benessere sport e fitness
02 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Vincere la cellulite. Intervista a Riccardo Gaspari, wellness consultant
Braccia toniche e sode? Combatti l'effetto 'tendina' con questi esercizi
Benessere sport e fitness
24 marzo 2021
Notizie e aggiornamenti
Braccia toniche e sode? Combatti l'effetto 'tendina' con questi esercizi