Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g

21 settembre 2021
Farmaci - Iruxol

Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g




Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g è un medicinale soggetto a prescrizione medica (classe C), a base di collagenasi + cloramfenicolo, appartenente al gruppo terapeutico Enzimi proteolitici. E' commercializzato in Italia da Smith & Nephew S.r.l.


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Smith & Nephew GmbH

CONCESSIONARIO:

Smith & Nephew S.r.l.

MARCHIO

Iruxol

CONFEZIONE

1% + 60 UI unguento 30 g

FORMA FARMACEUTICA
unguento

PRINCIPIO ATTIVO
collagenasi + cloramfenicolo

GRUPPO TERAPEUTICO
Enzimi proteolitici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

PREZZO
16,26 €


CONFEZIONI DISPONIBILI IN COMMERCIO


Confezioni e formulazioni di Iruxol disponibili in commercio:

  • iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g (scheda corrente)

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)


Foglietto illustrativo Iruxol »

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Iruxol? Perchè si usa?


Iruxol è indicato negli adulti per la detersione delle piaghe di qualsiasi origine e localizzazione:
  • ulcerazioni e necrosi (ulcere varicose, post-flebitiche e da decubito, gangrena delle estremità, specie gangrena diabetica e da congelamento);
  • piaghe torpide (post-operatorie, da raggi X, da incidenti);
  • prima dei trapianti cutanei.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Iruxol?


Uso in pazienti con ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Uso in pazienti in età pediatrica

Uso in pazienti in stato di gravidanza Uso in pazienti in stato di allattamento


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Iruxol?


Sebbene il rischio sia raro, è stata segnalata ipoplasia del midollo osseo, inclusa anemia aplastica e morte, in seguito all'uso di cloramfenicolo. Tali rare condizioni devono essere tenute in considerazione quando si valutano i benefici attesi dall'uso del medicinale. Il prodotto deve pertanto essere usato per brevi periodi, salvo esplicita indicazione del medico. Può essere consigliabile eseguire un profilo ematico di routine prima della terapia e successivamente a intervalli di tempo appropriati per rilevare anomalie emopoietiche.

In caso di trattamento di pazienti diabetici con gangrena, un grado di umidità eccessivo, indotto dal medicinale, può aumentare il rischio di infezioni; è richiesto pertanto un accurato e regolare controllo della lesione.

L'uso, specie se prolungato, di preparazioni topiche può dare origine a fenomeni irritativi o di sensibilizzazione. In tal caso occorre sospendere tempestivamente (anche prima dei 14 giorni) il trattamento ed istituire una terapia idonea.

Il trattamento deve essere sospeso e deve essere istituita terapia idonea anche in caso di sviluppo di germi non sensibili.

Evitare il contatto con gli occhi e la bocca. Non ingerire. Tracciabilità

Al fine di migliorare la tracciabilità dei medicinali biologici, il nome e il numero di lotto del medicinale somministrato devono essere chiaramente registrati.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Iruxol?


Iruxol unguento non deve essere usato con altri prodotti sulla ferita che possono interferire con questo medicinale, inibendone l'attività enzimatica, quali:
  • antisettici o disinfettanti (ad esempio: alcool denaturato, acqua ossigenata, sali ammonici quaternari)
  • metalli pesanti come i prodotti contenenti argento e mercurio
  • detergenti
  • saponi medicati
  • antibiotici topici (tirotricina, gramicidina e tetracicline)
  • altri prodotti deproteinizzanti



POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Iruxol? Dosi e modo d'uso


Posologia

La medicazione con Iruxol deve essere rinnovata ogni giorno. Applicandola due volte al giorno è possibile aumentarne l'effetto enzimatico.

Metodo di somministrazione

Per ottenere i migliori risultati con la detersione enzimatica delle piaghe mediante Iruxol, si debbono osservare le seguenti norme:
  • Disinfettare la lesione cutanea con soluzione fisiologica (0,9% NaCl) o acqua distillata sterile, prima dell'applicazione di Iruxol
  • Iruxol unguento deve essere messo uniformemente a contatto con la superficie delle piaghe, applicandolo con uno spessore di pochi millimetri (circa 2 mm).
  • Si deve evitare che si essicchi la superficie della piaga poiché la presenza di umidità aumenta l'attività enzimatica. Pertanto, le croste completamente asciutte, nonché quelle indurite, devono prima essere ammorbidite con una fasciatura umida.
  • In caso di necrosi ribelli, si può migliorare l'effetto di Iruxol incidendo ai margini o nel mezzo, cercando in questo modo di far penetrare parte dell'unguento al di sotto della necrosi.
  • Quando si cambia la medicazione, il materiale necrotico distaccato deve essere asportato mediante pinzetta, spatola, tampone o curette sterili e con bagni. È opportuno coprire la zona perilesionale con pasta all'ossido di zinco o preparazioni similari, indipendentemente dalla presenza o meno di irritazione della zona.
  • L'applicazione di Iruxol deve essere sospesa allorquando la piaga è detersa ed è iniziata una buona granulazione. Continuare con trattamenti che favoriscono la granulazione e la riepitelizzazione.
  • Nella terapia delle ulcere varicose e post-flebitiche, oltre all'uso di Iruxol, possono essere vantaggiosamente impiegate le fasciature compressive, e, nei disturbi dell'irrorazione arteriosa, i farmaci del caso.

Se non ci sono miglioramenti nella ferita dopo 14 giorni di trattamento, prendere in considerazione trattamenti alternativi per la detersione della ferita.

Uso Esterno.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Iruxol?


Non sono stati segnalati, a tutt'oggi, casi di inconvenienti correlabili ad un sovradosaggio dei principi attivi contenuti nel preparato.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Iruxol durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Non sono disponibili studi sulla tossicità riproduttiva e dello sviluppo di Iruxol. Non si può dunque escludere un rischio per i neonati; pertanto, a scopo precauzionale, non usare Iruxol durante la gravidanza (vedere paragrafo 4.3).

Allattamento

Esistono informazioni insufficienti sull'escrezione di Iruxol nel latte materno. Non sono disponibili dati clinici sull'uso di Iruxol durante l'allattamento.

In seguito alla somministrazione di cloramfenicolo, la quantità escreta nel latte materno è stata correlata all'osservazione di effetti su neonati/lattanti.

Iruxol non deve essere utilizzato durante l'allattamento (vedere paragrafo 4.3).

Fertilità

Non ci sono dati sull'effetto di Iruxol sulla fertilità negli uomini o nelle donne.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Iruxol sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Iruxol non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.


PRINCIPIO ATTIVO


100 g di unguento contengono:

Principio attivo:

Cloramfenicolo 1 g

Collagenasi (Clostridiopeptidasi A) 60 unità

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Paraffina liquida Vaselina bianca.


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 36 mesi

Conservare a temperatura inferiore a 25°C.


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Astuccio contenente un tubo in alluminio con 30 g di unguento

Data ultimo aggiornamento: 20/07/2021

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
FarmacistaPiù: la resilienza della sanità italiana
Farmaci e cure
09 settembre 2021
Notizie e aggiornamenti
FarmacistaPiù: la resilienza della sanità italiana
Piccoli disturbi in vacanza: tutto quello che serve
Farmaci e cure
23 luglio 2021
Notizie e aggiornamenti
Piccoli disturbi in vacanza: tutto quello che serve
Covid-19, intelligenza artificiale, un aiuto alla ricerca
Farmaci e cure
15 luglio 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, intelligenza artificiale, un aiuto alla ricerca