Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g

Ultimo aggiornamento: 01 settembre 2017
Farmaci - Iruxol

Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Smith & Nephew S.r.l.

MARCHIO

Iruxol

CONFEZIONE

1% + 60 UI unguento 30 g

PRINCIPIO ATTIVO
collagenasi + cloramfenicolo

FORMA FARMACEUTICA
unguento

GRUPPO TERAPEUTICO
Enzimi proteolitici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
15,34 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g

Detersione delle piaghe di qualsiasi origine e localizzazione:

  • ulcerazioni e necrosi (ulcere varicose, post-flebitiche e da decubito, gangrena delle estremità, specie gangrena diabetica e da congelamento);
  • piaghe torpide (post-operatorie, da raggi X, da incidenti);
  • prima dei trapianti cutanei.



CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g

Ipersensibilità individuale accertata verso il prodotto.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g

L'uso, specie se prolungato, di preparazioni topiche può dare origine a fenomeni irritativi o di sensibilizzazione. In tal caso occorre sospendere il trattamento ed istituire una terapia idonea.

Altrettanto dicasi in caso di sviluppo di germi non sensibili.

Sono stati descritti rari casi di ipoplasia midollare a seguito di impiego protratto di cloramfenicolo per uso topico; per tale motivo il prodotto va usato per brevi periodi, salvo esplicita indicazione del medico.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g

Non sono mai stati segnalati casi di interazione negativa con altri farmaci somministrati.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g

Per ottenere i migliori risultati con la detersione enzimatica delle piaghe mediante IRUXOL, si debbono osservare le seguenti norme:

  • IRUXOL unguento deve essere messo uniformemente a contatto con la superficie delle piaghe, applicandolo con uno spessore di pochi millimetri.
In caso di necrosi ribelli, si può migliorare l'effetto di IRUXOL incidendo ai margini o nel mezzo, cercando in questo modo di applicare parte dell'unguento al di sotto della necrosi.

Si dovrebbe evitare che si essicchi la superficie della piaga poichè la presenza di umidità aumenta l'attività enzimatica. Pertanto, le croste completamente asciutte, nonché quelle indurite, dovrebbero dapprima essere ammorbidite con una fasciatura umida.

  • La medicazione con IRUXOL deve essere rinnovata ogni giorno. Applicandola due volte al giorno è possibile aumentarne l'effetto enzimatico.
  • Quando si cambia la medicazione, il materiale necrotico distaccato deve essere asportato mediante pinzetta, spatola, tampone, curette e con bagni. È opportuno coprire la zona perilesionale con pasta all'ossido di zinco o preparazioni similari: ciò in linea generale oppure per esistenti fenomeni irritativi.
  • Disinfettare la lesione cutanea con soluzione fisiologica o acqua distillata sterile, prima dell'applicazione di IRUXOL.
  • L'applicazione di IRUXOL viene sospesa allorquando la piaga è detersa ed è iniziata una buona granulazione. Si continua la cura come d'uso con pomate che favoriscono la granulazione e la riepitelizzazione.
Nella terapia delle ulcere varicose e post-flebitiche, oltre all'uso di IRUXOL, possono essere vantaggiosamente impiegate le fasciature compressive e, nei disturbi dell'irrorazione arteriosa, i farmaci del caso.

USO ESTERNO


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g

Non sono stati segnalati, a tutt'oggi, casi di inconvenienti correlabili ad un sovradosaggio dei principi attivi contenuti nel preparato.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Iruxol 1% + 60 UI unguento 30 g

Possono verificarsi fenomeni irritativi locali o di sensibilizzazione o, in caso di applicazione prolungata in dosi elevate e su superfici estese, i fenomeni secondari sistemici dell'antibiotico (alterazioni della crasi ematica).


CONSERVAZIONE



Conservare a temperatura inferiore a 25°C.






Ultimi articoli
Morsi di zecca, come comportarsi
17 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Morsi di zecca, come comportarsi
A Capo Nord per la sclerodermia
16 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
A Capo Nord per la sclerodermia
Linguine con crema di rucola, piccadilly e noci
15 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Linguine con crema di rucola, piccadilly e noci
L'esperto risponde