Septafar 150 mg/ml + 5 mg/ml spray per mucosa os, 1 contenitore c/pompa spray 30 ml/250 erogaz.

Ultimo aggiornamento: 05 ottobre 2018
Farmaci - Septafar

Septafar 150 mg/ml + 5 mg/ml spray per mucosa os, 1 contenitore c/pompa spray 30 ml/250 erogaz.




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

KRKA Farmaceutici Milano S.r.l.

MARCHIO

Septafar

CONFEZIONE

150 mg/ml + 5 mg/ml spray per mucosa os, 1 contenitore c/pompa spray 30 ml/250 erogaz.

PRINCIPIO ATTIVO
benzidamina + cetilpiridinio cloruro

FORMA FARMACEUTICA
spray

GRUPPO TERAPEUTICO
Analgesici FANS + antisettici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale di automedicazione

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
DISCR.


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Septafar 150 mg/ml + 5 mg/ml spray per mucosa os, 1 contenitore c/pompa spray 30 ml/250 erogaz.

Septafar spray per mucosa orale, soluzione è indicato negli adulti e nei bambini al di sopra dei 6 anni di età per il trattamento antinfiammatorio, analgesico ed antisettico nelle irritazioni della gola, della bocca e delle gengive, nelle gengiviti, faringiti e laringiti e prima e dopo estrazioni dentarie.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Septafar 150 mg/ml + 5 mg/ml spray per mucosa os, 1 contenitore c/pompa spray 30 ml/250 erogaz.

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo (qui non riportato) 6.1.

Bambini di età inferiore ai 6 anni poichè la forma farmaceutica non è adatta a questa fascia di età.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Septafar 150 mg/ml + 5 mg/ml spray per mucosa os, 1 contenitore c/pompa spray 30 ml/250 erogaz.

Septafar non deve essere usato per più di 7 giorni. Se non si notano risultati apprezzabili dopo 3 giorni, consultare il medico.

L'uso specie se prolungato di preparati per via topica può dar luogo a fenomeni di sensibilizzazione, nel qual caso occorre sospendere il trattamento ed istituire terapia idonea.

Septafar non deve essere utilizzato insieme a composti anionici, come quelli presenti per esempio nei dentifrici, pertanto si raccomanda di non usare il prodotto immediatamente prima o dopo aver lavato i denti.

Evitare il contatto diretto di Septafar spray per mucosa orale, soluzione con gli occhi.

Il prodotto non deve essere inalato.

Questo medicinale contiene piccole quantità di etanolo (alcool) inferiori a 100 mg per dose.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Septafar 150 mg/ml + 5 mg/ml spray per mucosa os, 1 contenitore c/pompa spray 30 ml/250 erogaz.

Septafar non deve essere usato contemporaneamente con altri antisettici.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Septafar 150 mg/ml + 5 mg/ml spray per mucosa os, 1 contenitore c/pompa spray 30 ml/250 erogaz.

Sintomi

L'intossicazione è attesa solo in caso di ingestione accidentale di elevate quantità di benzidamina (> 300 mg).

I sintomi associati al sovradosaggio da ingestione di benzidamina sono principalmente di natura gastrointestinale ed a carico del sistema nervoso centrale. I sintomi gastrointestinali più frequenti sono nausea, vomito, dolore addominale e irritazione esofagea. I sintomi a carico del sistema nervoso centrale includono capogiro, allucinazioni, agitazione, ansia e irritabilità. In caso di sovradosaggio acuto è possibile effettuare solo un trattamento sintomatico. I pazienti devono essere tenuti sotto stretta osservazione e devono ricevere un trattamento di supporto. Deve essere mantenuta un' adeguata idratazione.

Segni e sintomi di intossicazione conseguenti all'ingestione di quantità rilevanti di cetilpiridinio cloruro comprendono nausea, vomito, dispnea, cianosi, asfissia, conseguenti a paralisi dei muscoli respiratori, depressione del SNC, ipotensione e coma. Nell'uomo la dose letale è di circa 1-3 grammi.

Gestione

Poiché non esiste un antidoto specifico, il trattamento di sovradosaggio acuto è puramente sintomatico.


CONSERVAZIONE



Non conservare a temperatura superiore ai 25°C.

Per le condizioni di conservazione dopo la prima apertura del medicinale vedere paragrafo (qui non riportato) 6.3.






Ultimi articoli
L'esperto risponde