Terlipressina SUN 0,1 mg/ml soluzione iniettabile 5 fiale da 8,5 ml

05 luglio 2020
Farmaci - Terlipressina SUN

Terlipressina SUN 0,1 mg/ml soluzione iniettabile 5 fiale da 8,5 ml




Terlipressina SUN 0,1 mg/ml soluzione iniettabile 5 fiale da 8,5 ml è un farmaco a base di terlipressina acetato idrato, appartenente al gruppo terapeutico Ormoni antidiuretici. E' commercializzato in Italia da Ranbaxy Italia S.p.A..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

SUN Pharmaceutical Industries Europe B. V.

CONCESSIONARIO:

Ranbaxy Italia S.p.A.

MARCHIO

Terlipressina SUN

CONFEZIONE

0,1 mg/ml soluzione iniettabile 5 fiale da 8,5 ml

FORMA FARMACEUTICA
soluzione (uso interno)

PRINCIPIO ATTIVO
terlipressina acetato idrato

GRUPPO TERAPEUTICO
Ormoni antidiuretici

CLASSE
H

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

PREZZO
160,18 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Terlipressina SUN (terlipressina acetato idrato)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Terlipressina SUN (terlipressina acetato idrato)? Perchè si usa?


Terlipressina è indicata per il trattamento delle varici esofagee emorragiche.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Terlipressina SUN (terlipressina acetato idrato)


  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Terlipressina SUN (terlipressina acetato idrato)


Nei seguenti casi, terlipressina deve essere usata solo con cautela e sotto la stretta sorveglianza del paziente:
  • shock settico
  • asma bronchiale, insufficienza respiratoria
  • ipertensione non controllata
  • malattie vascolari cerebrali o periferiche
  • aritmie cardiache
  • sindrome coronarica acuta, insufficienza coronarica o precedente infarto del miocardio
  • insufficienza renale cronica
  • pazienti anziani di età > 70 anni, in quanto l'esperienza è limitata in questo gruppo di pazienti
  • gravidanza (vedere paragrafo 4.6).
Anche i pazienti ipovolemici reagiscono spesso con un aumento della vasocostrizione e con reazioni cardiache atipiche.

A causa del debole effetto antidiuretico di terlipressina (solo il 3% dell'effetto antidiuretico della vasopressina nativa), i pazienti con precedenti alterazioni del metabolismo elettrolitico devono essere monitorati in modo particolare per una possibile iponatriemia e ipocaliemia.

In principio, l'uso del prodotto deve essere limitato ai casi in cui è disponibile la supervisione dello specialista in unità dotate di attrezzature per il monitoraggio regolare del sistema cardiovascolare, ematologico e degli elettroliti.

In situazioni di emergenza che richiedono un trattamento immediato prima del ricovero del paziente in ospedale è necessario prendere in considerazione i sintomi di ipovolemia.

Terlipressina non ha alcun effetto sul sanguinamento arterioso.

Al fine di evitare necrosi locale al sito di iniezione, l'iniezione dovrà essere praticata per via endovenosa.

Necrosi cutanea

Nell'esperienza post-marketing sono stati riportati diversi casi di ischemia cutanea e necrosi, non correlati al sito di iniezione (vedere paragrafo 4.8). I pazienti con ipertensione venosa periferica o obesità patologica sembrano avere una maggior tendenza a questa reazione. Di conseguenza, prestare estrema cautela nella somministrazione di terlipressina a questi pazienti.

Torsione di punta

Nel corso di studi clinici e nell'esperienza successiva alla commercializzazione, sono stati riportati diversi casi di prolungamento dell'intervallo QT e di aritmie ventricolari, compresa "Torsione di punta" (vedere paragrafo 4.8). Nella maggior parte dei casi, i pazienti presentavano fattori predisponenti, quali un prolungamento basale dell'intervallo QT, anomalie elettrolitiche (ipocaliemia, ipomagnesiemia) o un trattamento con medicinali aventi un effetto concomitante sul prolungamento del QT. Di conseguenza è necessario prestare particolare cautela nell'uso di terlipressina nei pazienti con storia di prolungamento dell'intervallo QT, anomalie elettrolitiche e trattamento concomitante con medicinali che possono prolungare l'intervallo QT, quali gli antiaritmici di classe IA e III, eritromicina, alcuni antistaminici e antidepressivi triciclici oppure medicinali che possono provocare ipocaliemia o ipomagnesiemia (ad esempio alcuni diuretici) (vedere paragrafo 4.5).

Si deve prestare particolare attenzione al trattamento dei bambini, adolescenti e anziani, in quanto l'esperienza in questi gruppi speciali di pazienti è limitata e non sono disponibili raccomandazioni sul dosaggio.

Ogni dose singola massima di questo medicinale contiene 15,7 mmol (ovvero 361 mg) di sodio. Tenere in considerazione questo dato nei pazienti che assumono una dieta con apporto controllato di sodio.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Terlipressina SUN (terlipressina acetato idrato)


Terlipressina aumenta l'effetto ipotensivo dei β-bloccanti non selettivi sulla vena porta. La riduzione della frequenza e della gittata cardiaca provocata dal trattamento può essere attribuita all'inibizione dell'attività reflessogenica del cuore attraverso il nervo vago, quale risultato dell'aumentata pressione sanguigna. Il trattamento concomitante con farmaci noti per indurre bradicardia (ad esempio propofol, sufentanil) può provocare grave bradicardia.

Terlipressina può scatenare aritmie ventricolari, tra cui "Torsione di punta" (vedere paragrafo 4.4 e 4.8). Di conseguenza, prestare estrema cautela nella somministrazione di terlipressina ai pazienti sottoposti a trattamento concomitante con medicinali che possono prolungare l'intervallo QT, Come gli antiaritmici di classe IA e III, eritromicina, alcuni antistaminici e antidepressivi triciclici ovvero con medicinali che possono provocare ipocaliemia o ipomagnesiemia (ad esempio alcuni diuretici).


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Terlipressina SUN (terlipressina acetato idrato)? Dosi e modo d'uso


La somministrazione di terlipressina è indicata nel trattamento di emergenza delle varici esofagee emorragiche in fase acuta in attesa della terapia endoscopica. Successivamente la terlipressina viene somministrata per il trattamento delle varici esofagee di norma come terapia adiuvante all'emostasi endoscopica.



Adulti

La dose iniziale raccomandata è di 1-2 mg di terlipressina acetato# (equivalente a 8,5-17 ml di soluzione), somministrata per iniezione intravenosa per un periodo di tempo.

Sulla base del peso corporeo del paziente, la dose può essere aggiustata nel modo seguente:
  • peso inferiore a 50 kg: 1 mg di terlipressina acetato (8,5 ml)
  • peso incluso tra 50 kg e 70 kg: 1,5 mg di terlipressina acetato (12,75 ml)
  • peso superiore a 70 kg: 2 mg di terlipressina acetato (17 ml)
Dopo l'iniezione iniziale, la dose può essere ridotta a 1 mg di terlipressina acetato ogni 4-6 ore.

La dose massima giornaliera di Terlipressina SUN è approssimativamente pari a 120 μg di terlipressina acetato per kg di peso corporeo.

La terapia deve essere limitata a 2-3 giorni a seconda del decorso della malattia.

Anziani

Terlipressina deve essere usata con cautela nei pazienti di età superiore a 70 anni (vedere paragrafo 4.4).

Popolazione pediatrica

L'uso di terlipressina non è raccomandato nei bambini e negli adolescenti a causa dell'insufficiente esperienza sulla sicurezza ed efficacia (vedere paragrafo 4.4).

Insufficienza renale

Terlipressina deve essere usata con cautela nei pazienti con insufficienza renale cronica (vedere paragrafo 4.4).

Insufficienza epatica

Nei pazienti con insufficienza epatica non è richiesto alcun aggiustamento della dose.


#1-2 mg di terlipressina acetato corrispondenti a 0,85-1,7 mg di terlipressina


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Terlipressina SUN (terlipressina acetato idrato)


Non superare mai la dose raccomandata, in quanto il rischio di gravi effetti indesiderati a carico del sistema circolatorio è dose dipendente.

Una crisi ipertensiva acuta, soprattutto nei pazienti con ipertensione riconosciuta, può essere controllata con un vasodilatatore α-bloccante, ad esempio con 150 microgrammi di clonidina per via endovenosa.

La bradicardia che richiede trattamento deve essere curata con atropina.


EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Terlipressina SUN (terlipressina acetato idrato)


La valutazione degli effetti indesiderati si basa sulle seguenti frequenze:

molto comune ≥1/10

comune da ≥1/100 a <1/10

non comune da ≥1/1.000 a <1/100

raro da ≥1/10.000 a <1/1.000

molto raro <1/10.000

frequenza non nota (non può essere stimata sulla base dei dati disponibili).

Il trattamento con terlipressina delle varici esofagee emorragiche (1 mg endovena e dosi superiori) può essere accompagnato dalle seguenti reazioni avverse:

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Non comune: iponatriemia in assenza di controllo dei liquidi

Molto raro: iperglicemia

Patologie del sistema nervoso

Comune: cefalea

Non comune: scatenare disordini convulsivi

Molto raro: ictus

Patologie cardiache

Comune: aritmia ventricolare e sopra-ventricolare, bradicardia, segni di ischemia nell'ECG

Non comune: angina pectoris, incremento acuto dell'ipertensione, soprattutto nei pazienti già affetti da ipertensione (generalmente si riduce spontaneamente), fibrillazione atriale, extrasistoli ventricolari, tachicardia, dolore toracico, infarto del miocardio, sovraccarico di liquidi con edema polmonare, insufficienza cardiaca, torsione di punta

Molto raro: ischemia del miocardio

Patologie vascolari

Comune: ipertensione, ipotensione, ischemia periferica, vasocostrizione periferica, pallore del volto

Non comune: ischemia intestinale, cianosi periferica, vampate

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

Non comune: dolore al torace, broncospasmo, sofferenza respiratoria, insufficienza respiratoria

Raro: dispnea

Patologie gastrointestinali

Comune: crampi addominali transitori, diarrea transitoria

Non comune: nausea transitoria, vomito transitorio

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Comune: pallore

Non comune: linfangite, necrosi cutanea non correlata al sito di somministrazione

Patologie dell'apparato riproduttivo e della mammella

Comune: crampi addominali (nelle donne)

Condizioni di gravidanza, puerperio e perinatali

Non comune: ipertono dell'utero, ischemia dell'utero

Frequenza

non nota: contrazioni uterine, ridotto flusso ematico uterino

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Non comune: necrosi cutanea locale.

Nel corso di studi clinici e durante l'esperienza successiva alla commercializzazione sono stati riportati alcuni casi di prolungamento dell'intervallo QT e di aritmie ventricolari, inclusa " Torsione di punta" (vedere paragrafo 4.4 e 4.5).

Durante l'esperienza successiva alla commercializzazione sono stati riportati alcuni casi di ischemia cutanea e necrosi, non correlati al sito di iniezione (vedere paragrafo 4.4).

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite Agenzia Italiana del Farmaco, sito web: http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Terlipressina SUN (terlipressina acetato idrato) durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

L'uso di terlipressina non è raccomandato in gravidanza, in quanto è stato dimostrato provocare contrazioni uterine ed un aumento della pressione endouterina nelle prime fasi della gravidanza e può determinare la riduzione del flusso sanguigno uterino. Terlipressina può avere effetti dannosi sulla gravidanza e sul feto. Nei conigli trattati con terlipressina sono stati osservati aborto spontaneo e malformazioni (vedere paragrafo 5.3).

Terlipressina deve quindi essere usata solo come indicazione vitale in base a decisioni relative al singolo caso, soprattutto durante il primo trimestre di gravidanza, quando un sanguinamento non può essere controllato mediante terapia endoscopia.

Allattamento

Non è noto se terlipressina viene secreta nel latte umano. La secrezione di terlipressina nel latte non è stata studiata negli animali. Non è possibile escludere un rischio per il lattante. La decisione di continuare/interrompere l'allattamento al seno durante la terapia con terlipressina deve basarsi sulla valutazione del beneficio derivante al lattante dall'allattamento al seno e del beneficio che la madre trae dal trattamento con terlipressina.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Terlipressina SUN (terlipressina acetato idrato) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Non sono stati condotti studi sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari.


PRINCIPIO ATTIVO


Una fiala contiene 1 mg di terlipressina acetato in 8,5 ml di soluzione iniettabile, equivalente a 0,85 mg di terlipressina.

Ogni ml contiene 0,12 mg di terlipressina acetato, equivalente a 0,1 mg di terlipressina.

Eccipiente(i) con effetti noti:

Sodio

Una fiala contiene 1,142 mmol (26,272 mg) di sodio.

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Sodio acetato triidrato

Sodio cloruro

Acido acetico glaciale (per l'aggiustamento del pH)

Acqua per preparazioni iniettabili


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 24 mesi

Conservare in frigorifero (2-8°C).


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Terlipressina SUN è confezionata in fiala da 10 ml, in vetro chiaro tipo I trattato OPC (“one point cut“, a taglio in un punto) con fascia verde punteggiata in blu.

Confezioni: 5 x 8.5 ml.


Data ultimo aggiornamento scheda: 01/07/2020

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube