Praxilene

16 aprile 2021

Praxilene


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Praxilene (naftidrofurile idrogeno ossalato)


Praxilene è un farmaco a base di naftidrofurile idrogeno ossalato, appartenente al gruppo terapeutico Vasodilatatori periferici. E' commercializzato in Italia da Grunenthal Italia S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Praxilene disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Praxilene disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Praxilene e perchè si usa


Ulcere venose croniche.

Indicazioni: come usare Praxilene, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

1 compressa rivestita a rilascio modificato da 200 mg, 2 o 3 volte al giorno.

Eventuali riduzioni della dose possono essere ottenute con una compressa rivestita con film da 100 mg, 2 o 3 volte al giorno.

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l'efficacia di Praxilene nella popolazione pediatrica non sono state stabilite. Non ci sono dati disponibili.

Metodo di somministrazione

La somministrazione può avvenire ai pasti e deve essere accompagnata da un bicchiere di acqua o altri liquidi.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Praxilene


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Storia di iperossaluria o calcolosi renale calcica recidivante.

Praxilene può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Nelle donne in stato di gravidanza, il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità sotto il diretto controllo del medico.

Allattamento

Non sono disponibili dati relativi all'escrezione del medicinale nel latte umano, pertanto Praxilene non deve essere usato in donne che allattano

Quali sono gli effetti indesiderati di Praxilene


I seguenti effetti indesiderati possono verificarsi durante il trattamento con Praxilene.

La frequenza è definita come: molto comune ≥1/10; comune ≥1/100, <1/10; non comune ≥1/1,000, <1/100; raro ≥1/10,000, <1/1,000; molto raro <1/10,000; non nota (la frequenza non può essere calcolata sulla base dei dati disponibili)

Patologie del sistema nervoso

Raro: cefalea, vertigini

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Raro: anoressia

Patologie gastrointestinali

Non comune: nausea, diarrea, vomito, dolore epigastrico

Non nota: casi di esofagiti locali

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Non comune: eruzione cutanea

Patologie epatobiliari

Raro: danno epatico

Patologie renali ed urinarie

Molto raro: calcoli renali di ossalato di calcio

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo: http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa