Orbenin Lattazione 200 mg sospensione intramammaria per bovini e pecore 12 siringhe e salviette detergenti

23 novembre 2020
Prodotti veterinari - Scheda Orbenin Lattazione

Orbenin Lattazione 200 mg sospensione intramammaria per bovini e pecore 12 siringhe e salviette detergenti



TITOLARE:

Zoetis Italia S.r.l.

MARCHIO

Orbenin Lattazione

CONFEZIONE

200 mg sospensione intramammaria per bovini e pecore 12 siringhe e salviette detergenti

FORMA FARMACEUTICA
pomate

PRINCIPIO ATTIVO
cloxacillina sodica

GRUPPO TERAPEUTICO
Antibatterici penicillinici

RICETTA
ricetta medica in triplice copia non ripetibile

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
73,00 €

INDICAZIONI

A cosa serve Orbenin Lattazione 200 mg sospensione intramammaria per bovini e pecore 12 siringhe e salviette detergenti

Bovine in lattazione. Per il trattamento delle mastiti associate a specie di stafilococco e streptococco, sensibili alla cloxacillina.
Pecore: Per il trattamento delle infezioni subcliniche della mammella associate a specie di stafilococco e Trueperella pyogenes, sensibili alla cloxacillina, durante il periodo dell'asciutta.

MODO D'USO

Come si usa Orbenin Lattazione 200 mg sospensione intramammaria per bovini e pecore 12 siringhe e salviette detergenti

Per uso intramammario. Bovine: Posologia: la dose raccomandata è di tre infusioni per quarto infetto - una siringa somministrata ogni 48 ore. Somministrazione: dopo la mungitura, pulire e disinfettare il capezzolo con la salvietta detergente fornita o con alcool; inserire il beccuccio nel capezzolo e applicare una pressione leggera e continua, fino alla completa somministrazione della sospensione. Il/I quarto/i trattato/i può/possono essere munto/i alla prossima mungitura. Pecore Posologia Una singola infusione deve essere fatta in ogni emimammella allo svezzamento degli agnelli. Somministrazione: è importante seguire una semplice procedura igienica. Un operatore deve alzare e tenere la pecora, mentre una seconda persona esegue la tecnica dell'infusione. Pulire e disinfettare accuratamente ogni estremità del capezzolo con la salvietta detergente fornita o con alcool. Inserire il beccuccio della siringa nel capezzolo e applicare una pressione dolce e continua per somministrare la sospensione nella mammella. L'impiego completo della cannula nell'orifizio del capezzolo non è né necessario né desiderabile. Utilizzare una nuova siringa per ciascuna emimammella per evitare la possibilità di contaminazione crociata durante l'infusione.



Data ultimo aggiornamento scheda: 04/12/2019

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Tags:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa