Terbinafina Hexal

10 aprile 2020

Terbinafina Hexal




Terbinafina Hexal è un farmaco a base di terbinafina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antimicotici. E' commercializzato in Italia da Sandoz S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Terbinafina Hexal (terbinafina cloridrato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Terbinafina Hexal (terbinafina cloridrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Terbinafina Hexal (terbinafina cloridrato) e perchè si usa


Il trattamento con terbinafina delle infezioni micotiche sensibili quali Tinea corporis, Tinea cruris e Tinea pedis (causate da Dermatofiti, vedere il paragrafo 5.1) è considerato appropriato in ragione della localizzazione, della gravità e dell'estensione dell'infezione.

Trattamento dell'onicomicosi (infezioni micotiche delle unghie sensibili a terbinafina) causata da dermatofiti.

Devono essere prese in considerazione le raccomandazioni emanate a livello nazionale sull'uso appropriato e sulla prescrizione degli agenti antifungini.

Nota: a differenza di terbinafina topica, terbinafina orale non è efficace nella pityriasis versicolor e nella candidosi vaginale.



Come usare Terbinafina Hexal (terbinafina cloridrato): posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Adulti

250 mg una volta al giorno.

La durata del trattamento dipende dall'indicazione e dal grado di gravità dell'infezione.

Infezioni cutanee

La durata media del trattamento per Tinea corporis e Tinea cruris è compresa fra 2 e 4 settimane. Per la tinea pedis (interdigitale, plantare o “a mocassino“) il periodo di trattamento raccomandato può raggiungere le 6 settimane.

Onicomicosi

La durata del trattamento (unghie delle dita delle mani e dei piedi), per la maggioranza dei pazienti oscilla fra le 6 settimane e i 3 mesi. Nel trattamento delle infezioni delle unghie dei piedi, di solito sono sufficienti 3 mesi di trattamento, sebbene alcuni pazienti possano necessitare di un trattamento di 6 mesi o più. Una scarsa crescita dell'unghia durante le prime settimane di trattamento può permettere l'individuazione di quei pazienti per i quali si renderà necessaria una terapia di maggiore durata.

La completa scomparsa dei segni e sintomi di infezione può non verificarsi prima che siano trascorse diverse settimane dall'eradicazione micologica, ed è osservabile soltanto alcuni mesi dopo aver completato il trattamento, il che costituisce il tempo necessario per la ricrescita di un'unghia sana.

Informazioni aggiuntive su popolazioni particolari

Compromissione epatica

Terbinafina compresse non è raccomandata nei pazienti con malattia epatica cronica o attiva (vedere il paragrafo 4.4).

Compromissione renale

L'uso di terbinafina compresse non è stato adeguatamente studiato nei pazienti con compromissione renale e pertanto non è raccomandato in questa popolazione di pazienti (vedere i paragrafi 4.4 e 5.2).

Persone anziane

Non vi sono evidenze che suggeriscono che i pazienti anziani (65 anni di età e maggiori) richiedano un diverso dosaggio o che siano soggetti ad effetti indesiderati diversi da quelli riscontrati in pazienti più giovani. Nel prescrivere terbinafina compresse ai pazienti in questa fascia d'età, deve essere tenuta in considerazione la possibilità di una pre-esistente compromissione della funzionalità epatica o renale (vedere paragrafo 4.4).

Popolazione pediatrica

Non c'è esperienza sull'uso della terbinafina nei bambini, pertanto l'uso non è raccomandato in questa popolazione.

Modo di somministrazione

Uso orale.

Le compresse devono essere prese oralmente con dell'acqua. Devono essere prese preferibilmente alla stessa ora ogni giorno e possono essere prese a stomaco vuoto o dopo i pasti. La biodisponibilità di terbinafina non è influenzata dall'assunzione di cibo.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Terbinafina Hexal (terbinafina cloridrato)


Ipersensibilità al principio attivo o a uno qualsiasi degli eccipienti.



Terbinafina Hexal (terbinafina cloridrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Studi di tossicità fetale e di fertilità negli animali non hanno evidenziato effetti avversi. Poiché l'esperienza clinica nelle donne in stato di gravidanza è molto limitata, terbinafina compresse non deve essere utilizzata durante la gravidanza a meno che le condizioni cliniche della donna non richiedano un trattamento per via orale con terbinafina e i potenziali benefici per la madre non superino i potenziali rischi per il feto.

Allattamento

La terbinafina è escreta nel latte materno; le madri trattate con terbinafina per via orale non devono pertanto allattare al seno.

Fertilità

Non ci sono informazioni rilevanti dall'esperienza umana. Studi di tossicità e fertilità nei ratti non hanno evidenziato effetti avversi (vedere paragrafo 5.3).


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Come diventare donatore di organi e tessuti
04 aprile 2020
Notizie e aggiornamenti
Come diventare donatore di organi e tessuti
Vitamina D: un vademecum di AIFA
17 marzo 2020
Notizie e aggiornamenti
Vitamina D: un vademecum di AIFA
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube