Gocce digestive

13 giugno 2021

Gocce digestive


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Gocce digestive


Gocce digestive è un integratore appartenente alla categoria "Integratori per la digestione". E' commercializzato in Italia dall'azienda Weleda Italia S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Gocce digestive disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Gocce digestive disponibili in commercio per accedere alla singola scheda e visualizzare il prezzo:

A cosa serve Gocce digestive e perchè si usa


Per sostenere la funzionalità digestiva.

Indicazioni: come usare Gocce digestive, posologia, dosi e modo d'uso


15 gocce, 3 volte al giorno, da diluire in poca acqua. Le gocce possono essere assunte o prima dei pasti, oppure un’ora dopo i pasti.

Ingredienti


Acqua, Alcol, Estratti di: Achillea (Achillea millefolium L.) parti aeree, Salvia (Salvia officinalis L.) foglie, Cicoria (Cichorium intybus L.) radici e sommità, Genziana (Gentiana lutea L.) radici, Tarassaco (Taraxacum officinale Weber) erba e radici, Assenzio (Artemisia absinthium L.) parti aeree, Imperatoria (Peucedanum ostruthium Koch.) rizoma, Centaurea (Centaurium Erythrea Rafn.) sommità, Ginepro (Juniperus communis L.) getti e foglie.

Avvertenze e conservazione


Contiene alcol; non utilizzare in caso di ipersensibilità a uno dei componenti. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età. Non superare la dose giornaliera consigliata (45 gocce). Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di uno stile di vita sano. Conservare in luogo fresco ed asciutto, non superiore ai 25°


Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Disturbi digestivi ed epatobiliari, proprietà del Boldo
Farmaci e cure
06 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Disturbi digestivi ed epatobiliari, proprietà del Boldo
I Big Data a favore della salute
Farmaci e cure
24 maggio 2021
Notizie e aggiornamenti
I Big Data a favore della salute