Polifrone, sanità digitale: inizia la rivoluzione?

28 dicembre 2021
Video

Polifrone, sanità digitale: inizia la rivoluzione?



La digitalizzazione in ambito sanitario è una delle sfide che attendono l'Italia nell'immediato futuro. Si tratta di un processo che, in condizioni normali, dovrebbe essere graduale e coerente con la crescita dell'empowerment digitale della società nel suo insieme. In Italia, tuttavia, non è così: si tratta di una vera e propria rivoluzione che vede nella pandemia una causa scatenante e nel PNRR una causa efficiente. Il percorso per comprendere le sfide e le opportunità di una trasformazione destinata a ridisegnare il settore dell'healthcare è tracciato da Gianluca Polifrone nel volume "Sanità Digitale: inizia la rivoluzione? Riflessioni sulla sanità che vorrei" (Edizioni LSWR) presentato alla Camera dei Deputati.



"I problemi che affliggono la sanità italiana sono esattamente gli stessi che affliggono la Pubblica Amministrazione nel suo complesso e riguardano, più in profondità, la cultura del Paese. La sanità digitale è vittima di una mancata visione sistemica del settore, necessaria per dare l'impulso giusto alla modernizzazione". Ha esordito così l'autore che, se nel precedente volume "Sanità Digitale. Prospettive e criticità di una rivoluzione necessaria" (Edizioni LSWR, 2019) aveva indagato le motivazioni che tengono il Paese ancorato a sistemi anacronistici, prende ora in esame tutti gli strumenti digitali a disposizione del SSN stilando delle linee guida utili per un contestuale impiego e funzionamento degli stessi, ma soprattutto per contribuire ad assecondare lo sviluppo e dare alle imprese ad alto contenuto tecnologico la possibilità di operare sui mercati in un clima ricettivo.

All'interno del volume vengono messe a fuoco sfide e opportunità in materia di:
  • Telemedicina: transizione verso i nuovi modelli, stato dell'arte e spunti per rendere omogenei e sostenibili i progetti italiani
  • Fascicolo sanitario elettronico: criticità e strumenti di potenziamento
  • Empowerment digitale del cittadino, Patient Support Program e Digital Therapeutics: strumenti indispensabili per facilitare i percorsi terapeutici e migliorare l'aderenza alla terapia delle cronicità
  • Real World Evidence e big data per il progresso di ricerca e cura: possibilità di incrementare interventi di telemedicina, di analizzare big data, di gestire in maniera efficace il problema della privacy e la necessità di riorganizzare i processi di gestione sanitaria, grazie all'informatizzazione
  • PNRR: dal tema irrisolto della governance agli investimenti su digitalizzazione e innovazione
Giorgio Palù, Presidente AIFA, che ha contribuito al libro, ha proposto una disamina sui nuovi scenari di salute abilitati dalla sanità digitale e dalla tecnologia: "Disponibilità di tutte le informazioni sanitarie sempre e ovunque, accessibilità alle informazioni sanitarie da qualsiasi terminale abilitato, completezza informativa e standardizzazione dei formati sono solo alcuni dei vantaggi derivanti dalla digitalizzazione dei processi sanitari. L'abbinamento di maggiore efficienza e risparmio di risorse consente una redistribuzione delle risorse anche in termini di ricerca e sviluppo. Per questo la trasformazione digitale rappresentare lo strumento che l'Italia ha a disposizione per restare competitiva nel contesto internazionale. In che modo? Attraverso la volontà di stanziare investimenti mirati nel campo della digital health, monitorandone i risultati per spingere il progresso tecnologico-scientifico a un livello superiore e disegnare così un modello differenziante e sempre più innovativo del nostro SSN".

Il volume non solo fotografa la situazione attuale in materia digitale, ma propone un'analisi efficace e critica dei problemi connessi agli strumenti digitali disponibili proponendo delle soluzioni, come l'istituzione di un Ministero ad hoc che guidi la trasformazione digitale.

In merito alle riflessioni istituzionali sono intervenuti Andrea Mandelli, Vicepresidente della Camera dei Deputati e Presidente FOFI e il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Mariastella Gelmini.

Mandelli ha voluto porre l'accento sulla digitalizzazione, ma anche sul tema della prossimità: "La pandemia ha accelerato notevolmente il nostro rapporto con la digitalizzazione. Il FSE integrato dal dossier farmaceutico è una modalità reale per essere a fianco del paziente che necessita di prossimità. Purtroppo, la fragilità del territorio si è spesso fatta sentire e troppe volte non siamo riusciti a filtrare le problematiche: diventa fondamentale puntare sulla riforma territoriale con il Dm 71. Dobbiamo aumentare la capacità di fare rete e continuare a mettere al centro della nostra azione sanitaria il paziente: solo attraverso una cooperazione virtuosa potremo fornire una risposta migliore al cittadino".

Il Ministro Gelmini ha concluso ribadendo sia l'importanza del dialogo tra Stato e Regioni, sia la necessità di investire per continuare a guidare la transizione digitale: "Se durante la fase iniziale della pandemia vedevamo una contrapposizione tra Stato e Regioni, dopo il pronunciamento della Corte Costituzionale è chiaro che la lotta al Covid rappresenti una competenza statale. Non a caso stiamo guidando una transizione digitale che dobbiamo concretizzare: è necessario un dialogo forte e virtuoso tra Stato e Regioni, così come appare dispensabile rendere omogenei i diritti a livello nazionale. Il digitale va implementato anche e soprattutto nei territori più marginali, proprio dove l'affermazione della telemedicina e il potenziamento del FSE sono strumenti essenziali. La telemedicina non sostituisce il ruolo dei medici, al contrario. Oggi le risorse ci sono, ma dobbiamo investire, guardando al PNRR come un motore per cambiare non solo il modo di pensare, ma anche di agire."

Gianluca Polifrone è un funzionario pubblico che ha lavorato sin dal 2011 sulle iniziative dell'Agenda Digitale di Poste Italiane prima e a seguire per Consip SpA dove ha rivolto la sua attenzione alla gestione e analisi della domanda formulata dalle pubbliche amministrazioni centrali con la responsabilità di individuare le corrette soluzioni in ambito di sanità digitale. Ha seguito la nascita dell'Agenzia per l'Italia Digitale (AgID) e ha partecipato alla realizzazione dei progetti nazionali quali il Sistema Pubblico di connettività, l'adozione dei servizi in modalità cloud, la gestione documentale e dei procedimenti amministrativi. In questo ruolo ha partecipato al gruppo di lavoro del Ministero della Salute per la stesura del documento contenente il c.d. "patto della sanità digitale". Attualmente è Direttore dell'Ufficio di Presidenza e Segretario del CDA dell'Agenzia Italiana del Farmaco, dove ha già ricoperto il ruolo di Direttore delle Relazioni Esterne e della Segreteria Tecnica della Direzione Generale. Per conto di AIFA è stato componente alla Cabina di Regia del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS), istituito con apposito decreto dal Ministero della Salute nel 2017 e da gennaio del 2021 è componente della Commissione Innovazione e Digitalizzazione dei Servizi Sanitari istituita presso Ministero della Salute. Gianluca Polifrone è l'Autore dei due precedenti saggi della collana editoriale: "Sanità Digitale. Prospettive e criticità di una rivoluzione necessaria" pubblicato nel mese di settembre 2019 e "Sanità Digitale: la rivoluzione obbligata" pubblicato nel mese di settembre 2020.

Gianluca Polifrone
Sanità Digitale: inizia la rivoluzione? Riflessioni sulla sanità che vorrei
Edizioni LSWR

Tags:


Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Monoclonali, Palù: risorsa preziosa da usare a domicilio
Farmaci e cure
10 dicembre 2021
Speciale Coronavirus
Monoclonali, Palù: risorsa preziosa da usare a domicilio
Al via l’ottava edizione di FarmacistaPiù Digital Edition
Farmaci e cure
04 novembre 2021
Notizie e aggiornamenti
Al via l’ottava edizione di FarmacistaPiù Digital Edition
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa