Come struccarsi e pulire la pelle del viso

09 marzo 2019

Focus

Come struccarsi e pulire la pelle del viso



Pulire la pelle del viso a fine giornata, specie se si utilizza quotidianamente il make up è un'operazione indispensabile se la si vuole mantenere sana e perfetta.
In realtà la detersione del viso che viene effettuata al mattino con acqua e sapone per togliere i residui che si possono accumulare sulla pelle anche di notte (sudore, particelle inquinanti, cellule morte ecc.) andrebbe eseguita invece con gli struccanti quando, per esempio, il sapone risulta troppo aggressivo come nel caso di epidermidi molto sensibili, secche o delicate. Va ricordato che la detersione mattino e sera è indispensabile per evitare che la pelle invecchi precocemente, si formino le rughe o gli antiestetici brufoli.

I prodotti da usare per pelle secca, grassa, matura


La moderna cosmetica ha aggiunto a latte e tonico - i tradizionali prodotti per struccare - numerose altre possibilità. Oggi, infatti, è possibile struccarsi velocemente e in modo corretto grazie all'acqua micellare, ai balsami, ai gel e alle mousse a risciacquo e ai prodotti bifasici (acqua+olio); questi ultimi sono ideali quando i prodotti trucco sono resistenti all'acqua (o waterproof). Da non dimenticare poi le salviettine o i dischetti  struccanti già preimbevuti del liquido apposito.

Questi struccanti hanno funzioni diverse e devono essere scelti in base alla propria tipologia di pelle.
Se avete la pelle secca è meglio scegliere un latte detergente con ingredienti emollienti e idratanti o un detergente a base oleosa, in modo da pulire la cute senza seccarla ulteriormente. In alternativa ci sono i nuovi  balsami struccanti che hanno una consistenza cremosa e reintegrano gli idrolipidi che vengono rimossi dal detergente. Con questo tipo di pelle va evitato l'uso di un tonico a base alcolica.
Se la pelle è sensibile e reattiva va utilizzato un detergente ultra-delicato come l'acqua micellare che pulisce la pelle da impurità e residui di trucco con un effetto lenitivo.

Se la pelle è grassa o tendente alle imperfezioni (brufoli e punti neri) è necessario utilizzare un detergente schiumogeno purificante, un gel o una mousse, magari arricchito con acido salicilico, con un effetto leggermente esfoliante e ingredienti sebo assorbenti. Ricordate di non utilizzare prodotti troppo sgrassanti per evitare che le ghiandole sebacee irritate producano ancora più sebo e scegliete un tonico specifico. Questi struccanti possono essere usati anche dalle pelli miste. Struccare il viso con latte e tonico o con il balsamo è il metodo consigliato per le pelli normali.

Infine, se avete la pelle matura, la detersione mattino e sera è un metodo per ossigenarla e mantenerla sana. Per questa cute, al mattino, è consigliato l'uso dell'acqua micellare e, alla sera, un latte detergente con agenti 'rimpolpanti' oltre un tonico delicato.
Un discorso a parte va fatto per le salviettine e i dischetti struccanti preimbevuti che sono ottimi per struccarsi in viaggio o in modo veloce ma che vanno utilizzati solo occasionalmente perché seccano eccessivamente la pelle.
Infine lo struccante bifasico, utilizzato soprattutto per rimuovere il trucco dagli occhi è un prodotto composto da una fase acquosa e una oleosa che si attivano a vicenda agitando il flacone, con lo scopo di rimuovere il trucco (la parte oleosa) e idratare la pelle (la parte acquosa).
Fra gli strumenti indispensabili per struccare il viso alla perfezione non vanno dimenticate veline, cotton fioc, dischetti e batuffoli di ovatta.
Per struccarvi perfettamente le regole dicono che dovete partire dalle labbra per poi passare agli occhi e infine a tutto il volto.


Struccare le labbra


Potete iniziare a struccarvi dalla bocca in tre semplici passaggi: prima premete le labbra su una velina per asciugare la parte grassa del rossetto o del lucidalabbra; passate poi del latte detergente lasciandolo agire per qualche secondo e asportandolo con una salviettina di carta per completare la pulizia a labbra distese.
Non dimenticate che le labbra sono molto sensibili e rischiano di seccarsi e screpolarsi a causa del sole, del vento e del freddo e, quindi, nello struccarle bisogna evitare di disidratarle eccessivamente. Per questo è meglio non usare il gel e rimuovere tracce di matita e rossetto con il latte detergente e l'aiuto di una garza morbida, in modo delicato e senza sfregamenti. Alla fine è consigliato applicare un velo di balsamo labbra o di stick altamente idratanti e a rapido assorbimento per riequilibrare il film idrolipidico delle labbra. Ideali possono essere i burro cacao alla Vitamina E.

Struccare gli occhi

La zona occhi è sempre molto fragile e delicata e, per questo motivo, ha bisogno di struccanti specifici e delicatissimi. Potete utilizzare un batuffolo di cotone impregnato di liquido apposito che appoggerete sul bordo inferiore della palpebra; poi chiuderete l'occhio in modo che le ciglia si trovino a contatto con la parte imbevuta di struccante per far sciogliere il trucco. Successivamente spostate lentamente il batuffolo più volte in senso orizzontale fino a che il mascara non si sia trasferito completamente sul cotone. Rimuovete il mascara delicatamente muovendovi dalle radici delle ciglia fino alle punte. Ripete queste operazioni fino a che il cotone non resterà bianco.

A seguire passate un nuovo batuffolo imbevuto sulle palpebre. Se preferite potete anche utilizzare i dischetti struccanti per occhi già preimbevuti. Per rimuovere l'eyeliner o il kajal sulla rima inferiore della palpebra, invece, imbevete di struccante un cotton fioc, abbassate delicatamente la palpebra e passatelo con attenzione senza toccare la parte interna dell'occhio.
Se il trucco è waterproof  è meglio usare uno struccante oleoso o bifasico, ideale per questo tipi di make up  anche perché idrata la pelle del contorno occhi e previene le irritazioni. Lo struccante bifasico va agitato e poi versato sul batuffolo o sul dischetto, passandolo poi sull'occhio una volta per rimuovere il trucco con la parte oleosa e una seconda volta perché la parte acquosa ridoni idratazione alla pelle.


Struccare il viso

Partendo dal classico abbinamento latte + tonico, ci sono vari modi per eseguire una operazione che vi garantirà una pelle perfettamente pulita.
Per esempio potete massaggiare il latte detergente sulla pelle secca o sensibile (ma anche un olio o un balsamo che durante l'applicazione si trasforma in una crema oleosa) completando il massaggio con un batuffolo di cotone ben strizzato. Il latte va applicato su guance, naso, mento e fronte ricordando di agire anche sul collo. Se avete la pelle grassa è preferibile adottare uno struccante in gel. Questa operazione va ripetuta fino a che il tampone non risulta pulito.

Se preferite potete anche versare il prodotto struccante su un batuffolo pulito e procedere con movimenti circolari dal centro del viso verso l'esterno oppure potete applicare lo struccante con le dita, lasciarlo agire per poco tempo e poi strofinare, delicatamente, con il batuffolo di ovatta o il dischetto.

Se invece avete lasciato il detergente in posa sul viso, va poi rimosso con cotone asciutto o una velina.
Infine sciacquate il volto con acqua tiepida o picchiettate  la pelle con poco tonico. Questo prodotto ha lo scopo di chiudere i pori, tonificare la pelle e rimuovere gli ultimi residui di trucco. Se utilizzate l'acqua micellare, invece, non avete bisogno né di risciacquo né di tonico.
A fine operazione lasciate asciugare il viso prima di applicare la crema da giorno o da notte.

Luisella Acquati


Commenti

Vedi anche:


Ultimi articoli