Magnesia muriatica, profilo e azione

29 novembre 2020
Aggiornamenti e focus

Magnesia muriatica, profilo e azione


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter
La Magnesia muriatica è un medicinale omeopatico che ha origine dal cloruro di magnesio che, una sostanza bianca, atossica, con notevoli proprietà benefiche per l'uomo e per l'animale tanto è che è ampiamente usata in veterinaria. In natura si trova nell'acqua di mare come in molte acque minerali purgative. Hahnemann lo sperimentò e ne scoprì le proprietà terapeutiche. La sua azione farmacodinamica è legata alla presenza dello ione Magnesio ma le sue peculiarità sono legate alla presenza dello ione cloro.

Principali indicazioni cliniche


L'azione terapeutica di magnesia muriatica sull'apparato digerente consiste nell'attenuare i fenomeni spastici: nausea con pirosi e lingua ricoperta di una patina giallastra, dolori addominali crampiformi con meteorismo, dolori dell'ipocondrio destro per aumento di volume del fegato, stipsi con feci caprine, dure e sbriciolate; sull'urogenitale cura la dismenorrea spastica e mestruo anticipato di sangue nero con dolori di schiena migliorati da pressione sui reni; sul sistema neurologico cura le cefalee migliorate dalla pressione sulle tempie o dal calore, irradiate all'occhio destro.

Sintomi psichici


È un tipo depresso e ansioso, soprattutto quando si corica o chiude gli occhi.

Modalità

Sensazioni: Anosmia o ageusia o peso alla testa in caso di corizza. Aggravamento: con cibi salati, col latte, con l'eruzione dentaria marina, i bagni di mare, di notte, sdraiato sul lato destro. Miglioramento: con la pressione forte, col movimento, all'aria aperta.

Posologia

Cinque granuli dalla 5 alla 15 Ch, nelle crisi dolorose o in caso di insonnia, prima di dormire, per via sub linguale, a digiuno.

Il simile cura il simile

La sua azione tossicologica si esercita soprattutto sull'apparato digerente e sul fegato con fenomeni spastici, sul sistema nervoso e sull'apparato genito urinario, organi sui quali, a dosi infinitesimali, esercita la sua azione curativa.

Tiziana Di Giampietro

Si ringrazia Siomi (Società italiana di medicina integrata) per la gentile collaborazione

Fonte: Farmacista33

Tags:

Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa