Cani da salvataggio: indispensabili nelle emergenze

05 agosto 2023
Aggiornamenti e focus

Cani da salvataggio: indispensabili nelle emergenze



Tags:
Il cane da salvataggio è un cane "da lavoro". Proprio come i cani  da difesa o da guardia. Esemplari selezionati che vengono educati per salvare l'uomo in situazioni di emergenza. Ci sono cani  da soccorso alpino, adatti ai terreni scoscesi e ripidi dove i mezzi hanno difficoltà a muoversi; cani da valanga addestrati a ritrovare una persona dispersa sotto cumuli di neve; cani da macerie, o da disastro, che localizzano le persone sotto i detriti dopo un terremoto. E sebbene siano noti soprattutto per le loro capacità di ricerca e salvataggio sulla terraferma, i cani possono essere una risorsa preziosa anche negli scenari di salvataggio in acqua: localizzano e soccorrono le vittime di un naufragio o di un annegamento. Ogni anno salvano decine di vita.

Il cane non salva le persone da solo, obbedisce sempre al suo padrone. Si parla infatti di unità cinofila. Per ciascuno di loro l'addestramento è lungo e rigoroso e richiede oltre un anno. Viene seguito da un conduttore cinofilo esperto che lo aiuta a imparare a rispondere agli ordini e ad agire senza nervosismo. Potenzialmente tutti i cani possono essere addestrati al soccorso. Hanno infatti qualità olfattive e uditive molto sviluppate e qualità fisiche e di rilevamento eccezionali. Un cane da salvataggio in acqua deve pesare almeno 30 chili, amare l'acqua, dimostrare obbedienza incondizionata, anche in situazioni di pericolo, avere nervi saldi e sapersi avvicinare alle persone in modo amichevole. Spesso vengono utilizzate razze canine particolari, selezionate per le loro spiccate qualità di soccorritori. Quelle più a loro agio in acqua, che dimostrano una reale capacità di nuotare e di interfacciarsi con le persone in difficoltà, sono i Terranova, Landseer, Flat-Coated Retriever, Golden Retriever, Labrador Retriever e poche altre razze meno conosciute.

Sono cani robusti, potenti, in grado di sostenere il peso di una persona in mare. Hanno zampe palmate che consentono una grande potenza e un pelo spesso e resistente all'acqua. Sono capaci di lavorare in quasi tutte le condizioni. Anche in acque agitate. Sono in grado di rintracciare gli odori in acqua (nel caso di un recupero di cadavere), di seguire i comandi dei conduttori, di trainare oggetti o attrezzature di salvataggio verso le persone in difficoltà. In particolare, il Labrador Retriever é nato per lavorare in acqua: usa addirittura la coda come timone.

Il cane può trainare una persona priva di sensi o raggiungere un soggetto ancora cosciente, portando un salvagente o lasciandolo aggrappare alla sua imbracatura mentre nuota verso riva. Ma può trainare pure gommoni, barche occupate, materiali di soccorso e assistenza in caso di allagamenti.


Carla De Meo




Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Che cosa pensa il mio gatto
Veterinaria
03 marzo 2024
Libri e pubblicazioni
Che cosa pensa il mio gatto
Sospensione della patente per chi abbandona animali in strada
Veterinaria
18 gennaio 2024
Notizie e aggiornamenti
Sospensione della patente per chi abbandona animali in strada
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su YoutubeSeguici su Instagram
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa