Atosiban Accord

16 gennaio 2021

Atosiban Accord


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Atosiban Accord (atosiban acetato)


Atosiban Accord è un farmaco a base di atosiban acetato, appartenente al gruppo terapeutico Ormoni antiossitocici. E' commercializzato in Italia da Accord Healthcare Italia S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Atosiban Accord disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Atosiban Accord disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Atosiban Accord e perchè si usa


Atosiban Accord è indicato per ritardare la nascita prematura imminente in pazienti adulte in stato di gravidanza con:
  • contrazioni uterine regolari della durata minima di 30 secondi ad una frequenza di ≥ 4 ogni 30 minuti
  • dilatazione cervicale da 1 a 3 cm (0-3 per nullipare) e scomparsa del collo uterino di ≥ 50%
  • età gestazionale da 24 a 33 settimane complete
  • frequenza cardiaca normale del feto

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Atosiban Accord


Atosiban Accord non deve essere somministrato nelle seguenti condizioni:
  • Età gestazionale inferiore alle 24 o superiore alle 33 settimane complete
  • Rottura prematura delle membrane oltre 30 settimane di gestazione
  • Anomalie della frequenza cardiaca del feto
  • Emorragia uterina pre-parto che richieda parto immediato
  • Eclampsia e grave pre-eclampsia che richiedano il parto
  • Morte intrauterina del feto
  • Sospetta infezione intrauterina
  • Placenta previa
  • Abruptio placentae
  • Qualsiasi altra condizione della madre o del feto nella quale la continuazione della gravidanza risulti pericolosa
  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Atosiban Accord può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Atosiban deve essere usato solo quando il travaglio pre-termine è stato diagnosticato tra le settimane complete di gestazione 24 e 33.

Allattamento

Se durante la gravidanza la donna sta già allattando per un precedente parto, l'allattamento deve essere interrotto durante il trattamento con atosiban, poichè il rilascio di ossitocina durante l'allattamento può aumentare la contrattilità uterina e con ciò contrastare l'effetto della terapia tocolitica.

In studi clinici con atosiban non sono stati evidenziati effetti sull'allattamento. Modeste quantità di atosiban passano dal plasma al latte materno delle donne che allattano.

Fertilità

I risultati degli studi di embrio-feto tossicità non hanno evidenziato effetti tossici di atosiban. Non sono stati condotti studi riferiti alla capacità riproduttiva e ai primi stadi dello sviluppo embrionale (vedere paragrafo 5.3).


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa