Bactroban

08 aprile 2020

Bactroban




Bactroban è un farmaco a base di mupirocina calcica, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici. E' commercializzato in Italia da GlaxoSmithKline S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Bactroban (mupirocina calcica) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Bactroban (mupirocina calcica) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Bactroban (mupirocina calcica) e perchè si usa


BACTROBAN Crema è indicato per il trattamento topico delle infezioni della cute, secondarie a lesioni traumatiche come, ad esempio, piccole lacerazioni, ferite suturate o abrasioni (fino a 10 cm di lunghezza o 100 cm² di superficie), causate da ceppi sensibili di Staphylococcus aureus e Streptococcus pyogenes.



Come usare Bactroban (mupirocina calcica): posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Adulti, bambini di età ≥ 1 anno, anziani

3 volte al giorno, fino a 10 giorni, in base alla risposta.

I pazienti che non mostrano una risposta clinica entro 3-5 giorni devono essere rivalutati.

La durata del trattamento non deve superare i 10 giorni.

Bambini di età < 1 anno

Bactroban crema non è stato studiato nei bambini di età inferiore ad 1 anno e pertanto non deve essere usato in tali pazienti finchè non siano disponibili ulteriori dati.

Pazienti con insufficienza epatica

Non si richiede alcun aggiustamento del dosaggio.

Pazienti con insufficienza renale

Non si richiede alcun aggiustamento del dosaggio.

Modo di somministrazione

Applicare uno strato sottiledi crema sull'area interessata mediante cotone idrofilo pulito o un tampone di garza.

L'area trattata può essere coperta con un bendaggio.

Non mischiare con altre preparazioni poichè sussiste un rischio di diluizione che può determinare una riduzione dell'attività antibatterica ed una potenziale perdita di stabilità della mupirocina nella crema.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Bactroban (mupirocina calcica)


Ipersensibilità alla mupirocina o ad uno qualsiasi degli eccipienti (vedere paragrafo 6.1).



Bactroban (mupirocina calcica) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Fertilità

Non ci sono dati sugli effetti della mupirocina sulla fertilità umana. Studi sui ratti non hanno mostrato effetti sulla fertilità (vedere paragrafo 5.3).

Gravidanza

Gli studi di riproduzione condotti con la mupirocina negli animalinon hanno mostrato alcuna evidenza di danni al feto (vedere paragrafo 5.3). Poiché non c'è esperienza clinica sull'uso in gravidanza, la mupirocina deve essere utilizzata durante tale periodo limitatamente ai casi in cui i benefici potenziali siano superiori ai possibili rischi del trattamento.

Allattamento

Non si dispone di informazioni sul passaggio della mupirocina nel latte materno.

Se si deve trattare un capezzolo leso, lavarlo accuratamente prima dell'allattamento.



Quali sono gli effetti collaterali di Bactroban (mupirocina calcica)


Allo scopo di determinare la frequenza da molto comune a raro degli eventi avversi sono stati utilizzati i dati provenienti dagli studi clinici.

Effetti indesiderati molto rari sono stati determinati principalmente dai dati post-marketing e quindi si riferiscono principalmente a informazioni relative ai tassi anziché alla vera frequenza.

La seguente convenzione è stata usata per la classificazione degli eventi avversi in termini di frequenza: molto comune >1/10, comune >1/100 e <1/10, non comune >1/1000 e <1/100, raro >1/10.000 e <1/1000, molto raro <1/10.000.

Disturbi del sistema immunitario:

Molto raro: Reazioni allergiche sistemiche inclusa anafilassi, rash generalizzato, orticaria, angioedema.

Alterazioni della cute e del tessuto sottocutaneo:

Comune: Reazioni di ipersensibilità cutanea al sito di applicazione inclusi orticaria, prurito, eritema, sensazione di bruciore, dermatite da contatto, rash.

Nell'ambito di studi condotti nei volontari sani per valutare l'irritabilità locale, sono state segnalate secchezza cutanea ed eritema.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette.

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Lipomi: cosa sono e quando intervenire
21 febbraio 2020
Notizie e aggiornamenti
Lipomi: cosa sono e quando intervenire
Cisti sebacea: come si sviluppa, come si cura
19 febbraio 2020
Notizie e aggiornamenti
Cisti sebacea: come si sviluppa, come si cura
Psoriasi
03 ottobre 2019
Patologie mediche
Psoriasi
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube