Bupivacaina Angelini

27 novembre 2020

Bupivacaina Angelini



Bupivacaina Angelini: a cosa serve , come si usa, controindicazioni. Confezioni e formulazioni di Bupivacaina Angelini disponibili in commercio.


Bupivacaina Angelini è un farmaco a base di bupivacaina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Anestetici locali. E' commercializzato in Italia da Aziende Chimiche Riunite Angelini Francesco A.C.R.A.F S.p.A. - Sede Legale



Confezioni e formulazioni di Bupivacaina Angelini (bupivacaina cloridrato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Bupivacaina Angelini (bupivacaina cloridrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Bupivacaina Angelini (bupivacaina cloridrato) e perchè si usa


Bupivacaina Angelini si può utilizzare in ogni tipo di anestesia periferica:

  • infiltrazione locale tronculare, loco-regionale
  • blocco simpatico
  • blocco endovenoso retrogrado e blocco endoarterioso
  • peridurale, sacrale
  • spinale sottoaracnoidea.
 

Bupivacaina Angelini è quindi indicata in tutti gli interventi di chirurgia generale, ortopedia, oculistica, otorinolaringoiatria, stomatologia, ostetricia e ginecologia, dermatologia, sia impiegata da sola sia associata a narcosi.

 

BUPIVACAINA ANGELINI 2,5 mg/ml soluzione iniettabile

BUPIVACAINA ANGELINI 5 mg/ml soluzione iniettabile

  • Anestesia chirurgica in adulti e bambini sopra i 12 anni.
  • Trattamento del dolore acuto in adulti, lattanti e bambini sopra 1 anno di età.
 

BUPIVACAINA ANGELINI 5 mg/ml soluzione iniettabile iperbarica

  •  Anestesia spinale in adulti e bambini di tutte le età.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Bupivacaina Angelini (bupivacaina cloridrato)


Ipersensibilità al principio attivo, ad uno qualsiasi degli eccipienti o verso altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico; in particolare verso gli anestetici locali dello stesso gruppo (tipo amidico).

L'impiego di bupivacaina è da evitare in pazienti per le quali sia accertato o presunto uno stato di gravidanza (vedere sezione 4.6).

Sono stati riportati casi di arresto cardiaco a seguito dell'uso di bupivacaina per anestesia epidurale in partorienti; nella maggior parte dei casi ciò è avvenuto in seguito all'uso della soluzione allo 0,75%. Pertanto l'uso di bupivacaina allo 0,75% va evitato nell'anestesia epidurale in ostetricia. Tale concentrazione va riservata a quelle procedure chirurgiche in cui siano necessarie un alto grado di rilassamento muscolare ed un effetto prolungato.

Il prodotto è controindicato inoltre nel blocco paracervicale e nell'anestesia intravenosa regionale (Bier Block).

Controindicazioni generali devono essere prese in considerazione in caso di anestesia intratecale:

 

  • malattie acute attive del sistema nervoso centrale, come meningite, tumori, 
  • poliomielite ed emorragie intracraniche
  • stenosi spinale e malattia attiva della colonna vertebrale (per es. spondilite, tubercolosi, tumore) o traumi recenti (per es. fratture)
  • setticemia
  • anemia perniciosa combinata con degenerazione subacuta del midollo spinale
  • infezione piogena della pelle nel sito di iniezione o nella zona circostante
  • shock cardiogeno o ipovolemico
  • disordini della coagulazione o trattamenti anticoagulanti in corso.
 

Non sono state identificate specifiche contorindicazioni per i pazienti pediatrici.



Bupivacaina Angelini (bupivacaina cloridrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Non impiegare il farmaco in stato di gravidanza accertato o presunto (vedere sezione 4.3). 

Allattamento

Come altri anestetici locali, bupivacaina può essere escreta nel latte materno ma in così ridotta quantità che generalmente non vi è rischio per il neonato.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa