Corsodyl

10 aprile 2020

Corsodyl




Corsodyl è un farmaco a base di clorexidina digluconato soluzione, appartenente al gruppo terapeutico Antisettici. E' commercializzato in Italia da GlaxoSmithKline Consumer Healthcare S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Corsodyl (clorexidina digluconato soluzione) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Corsodyl (clorexidina digluconato soluzione) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Corsodyl (clorexidina digluconato soluzione) e perchè si usa


Azione disinfettante del cavo orale, anche prima e dopo estrazioni dentarie o piccoli interventi.

Azione antiplacca, coadiuvante nella prevenzione di gengiviti e periodontiti secondarie alla formazione della placca dentaria.

Azione protettiva contro le infezioni nei portatori di protesi fisse o mobili, per l'attività antisettica su denti e gengive.



Come usare Corsodyl (clorexidina digluconato soluzione): posologia, dosi e modo d'uso


Soluzione per mucosa orale

Adulti

Versare 10 ml di Corsodyl nell'apposito bicchierino e sciacquare la bocca per circa 1 minuto due volte al giorno fino a completa remissione della sintomatologia; in caso di ulcere o candidosi proseguire il trattamento per altre 48 ore una volta conseguita la risoluzione clinica.

Il prodotto non va diluito. Sputare dopo l'uso.

Spray per mucosa orale

Adulti

Spruzzare sui denti e sulle gengive 2 volte al giorno.

Il dosaggio giornaliero massimo è di 12 spruzzi (circa 0,14 ml/per spruzzo) due volte al giorno, al mattino e alla sera.

Gel dentale

Adulti

Applicare su denti e gengive 2 cm di gel per un minuto, una o due volte al giorno, utilizzando uno spazzolino morbido o le dita.

Nei portatori di protesi mobili, dopo la pulizia, applicare una piccola quantità di gel sulle superfici che vengono a contatto con le gengive.

Sputare il prodotto in eccesso. Non sciacquare la bocca dopo l'applicazione del gel.

Le dosi raccomandate per gli adulti sono adeguate anche per l'uso nei pazienti anziani e nei bambini dai 12 anni in poi, salvo diversa prescrizione del medico o del dentista.

Nei bambini di età inferiore ai 12 anni, Corsodyl deve essere utilizzato solo su prescrizione del medico o del dentista.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Corsodyl (clorexidina digluconato soluzione)


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.



Corsodyl (clorexidina digluconato soluzione) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Non vi è evidenza alcuna di reazioni avverse a carico del feto attribuibili all'impiego del prodotto durante la gravidanza, o a carico dei neonati durante l'allattamento.

Pertanto non sono necessarie precauzioni diverse da quelle già riportate nel paragrafo 4.4.



Quali sono gli effetti collaterali di Corsodyl (clorexidina digluconato soluzione)


Gli effetti indesiderati derivanti dai dati degli studi clinici e dai dati post-marketing sono elencati di seguito in base alla classificazione per sistemi ed organi ed alla frequenza. Le frequenze sono definite come: molto comune (≥1/10), comune (≥ 1/100, <1/10), non comune (≥ 1/1000, <1/100), raro (≥ 1/10000, <1/1000), molto raro (<1/10000), frequenza non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Dati da studi clinici

Patologie gastrointestinali

Molto comune: lingua patinata.

Comune: bocca secca

Patologie del sistema nervoso

Comune: ageusia/disgeusia, glossodinia, parestesia/ipoestesia del cavo orale.

Dati post-marketing

Patologie gastrointestinali

Frequenza non nota: colorazione superficiale della lingua e dei denti (vedere “Avvertenze speciali e precauzioni d'impiego“), dolore/irritazione della bocca, desquamazione/dolore/gonfiore della mucosa orale (vedere “Avvertenze speciali e precauzioni d'impiego“), rigonfiamento delle ghiandole parotidee.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Frequenza non nota: reazioni cutanee di tipo idiosincrasico.

Patologie del sistema immunitario

Frequenza non nota: ipersensibilità, reazioni allergiche e anafilassi (vedere “Controindicazioni“, “Avvertenze speciali e precauzioni d'impiego“).

Gli effetti indesiderati rilevati sono generalmente di lieve entità e di natura locale.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Come diventare donatore di organi e tessuti
04 aprile 2020
Notizie e aggiornamenti
Come diventare donatore di organi e tessuti
Vitamina D: un vademecum di AIFA
17 marzo 2020
Notizie e aggiornamenti
Vitamina D: un vademecum di AIFA
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube