Disinfarm

20 giugno 2021

Disinfarm


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Disinfarm (benzalconio cloruro)


Disinfarm è un farmaco a base di benzalconio cloruro, appartenente al gruppo terapeutico Antisettici. E' commercializzato in Italia da Afom Medical S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Disinfarm disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Disinfarm disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Disinfarm e perchè si usa


Disinfezione e pulizia della cute lesa (ferite, piaghe, ustioni, ecc.).

Indicazioni: come usare Disinfarm, posologia, dosi e modo d'uso


Usare la soluzione senza diluire.

Applicare, 2-3 volte al giorno, direttamente sulla parte lesa, tamponando brevemente con garza sterile e/o cotone idrofilo, lasciando penetrare in profondità.

È sconsigliata l'applicazione cutanea sotto bendaggio, così come l'uso per impacchi.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Disinfarm


Ipersensibilità verso i componenti del prodotto o altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico.

Disinfarm può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Non risultano limitazioni d'uso durante la gravidanza o l'allattamento.

Quali sono gli effetti indesiderati di Disinfarm


È possibile il verificarsi, in qualche caso, di fenomeni di intolleranza (bruciore o irritazione), generalmente transitori e privi di conseguenze, che non richiedono la modifica del trattamento.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Disturbi digestivi ed epatobiliari, proprietà del Boldo
Farmaci e cure
06 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Disturbi digestivi ed epatobiliari, proprietà del Boldo
I Big Data a favore della salute
Farmaci e cure
24 maggio 2021
Notizie e aggiornamenti
I Big Data a favore della salute