Flexen

20 gennaio 2021

Flexen


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Flexen (ketoprofene)


Flexen è un farmaco a base di ketoprofene, appartenente al gruppo terapeutico Analgesici FANS. E' commercializzato in Italia da Italfarmaco S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Flexen disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Flexen disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Flexen e perchè si usa


Trattamento locale di: mialgie, strappi muscolari, contusioni, distorsioni, lussazioni, borsiti, tendiniti, tenosinoviti, flebiti e tromboflebiti superficiali, linfangiti.

Indicazioni: come usare Flexen, posologia, dosi e modo d'uso


Applicare sulla cute, una o due volte al dì, il gel (3-5 cm o più, a seconda della estensione della parte interessata), massaggiando delicatamente per favorire l'assorbimento.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Flexen


  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti
  • Note reazioni di ipersensibilità, come ad es. sintomi d'asma o rinite allergica, al ketoprofene, fenofibrato, acido tiaprofenico, acido acetilsalicilico o ad altri FANS.
  • Pregresse reazioni di fotosensibilizzazione.
  • Storia di allergia cutanea al ketoprofene, acido tiaprofenico, fenofibrato, filtri solari UV o profumi.
  • Esposizione alla luce solare, anche quando il cielo è velato, inclusa la luce UV del solarium, durante il trattamento e nelle due settimane successive alla sua interruzione.
  • Alterazioni patologiche quali eczema o acne, o su cute infetta o ferite aperte.
  • Terzo trimestre di gravidanza (vedere paragrafo 4.6).

Flexen può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


In assenza di dati clinici con la forma per uso topico si fa riferimento alle forme per uso sistemico:

Uso in gravidanza:

Primo e Secondo trimestre

In gravidanza la sicurezza del ketoprofene non è stata valutata, pertanto l'uso di ketoprofene durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza deve essere evitato.

Terzo trimestre

Durante il terzo trimestre di gravidanza tutti gli inibitori della prostaglandina-sintetasi, incluso il ketoprofene, possono causare tossicità cardiopolmonare e renale nel feto.

Al termine della gravidanza si può verificare un prolungamento del tempo di sanguinamento sia nella madre che nel bambino.

Pertanto il ketoprofene è controindicato durante l'ultimo trimestre di gravidanza.

Uso durante l'allattamento

Non sono disponibili dati sulla secrezione di ketoprofene nel latte materno. Il ketoprofene non è raccomandato nelle donne che allattano.

Quali sono gli effetti indesiderati di Flexen


È stata utilizzata la seguente classificazione CIOMS delle frequenze attese: molto comune (≥1/10), comune (≥1/100, <1/10), non comune (≥1/1000, <1/100), raro (≥1/10000, <1/1000), molto raro (<1/10000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Disturbi del sistema immunitario:

Non nota: shock anafilattico, angioedema, reazioni di ipersensibilità.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo:

Non comune: reazioni cutanee locali quali eritema, eczema, prurito e sensazione di bruciore

Raro: Dermatologiche: fotosensibilizzazione ed orticaria. Sono stati osservati più raramente casi di reazioni più gravi, quali eczema bolloso o flittenulare, che possono diffondersi e diventare generalizzate.

Patologie renali e urinarie:

Molto raro: casi di aggravamento di preesistente insufficienza renale.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa