Canfora Zeta 10% u.est. soluzione oleosa 100 ml

09 aprile 2020

Farmaci - Canfora Zeta

Canfora Zeta 10% u.est. soluzione oleosa 100 ml




Canfora Zeta è un farmaco a base di D-canfora, appartenente al gruppo terapeutico Antinfiammatori. E' commercializzato in Italia da Zeta Farmaceutici S.p.A..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Zeta Farmaceutici S.p.A.

MARCHIO

Canfora Zeta

CONFEZIONE

10% u.est. soluzione oleosa 100 ml

FORMA FARMACEUTICA
soluzione

ALTRE CONFEZIONI DI CANFORA ZETA DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
D-canfora

GRUPPO TERAPEUTICO
Antinfiammatori

CLASSE
C

RICETTA
medicinale non soggetto a prescrizione medica

PREZZO
DISCR.


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Canfora Zeta (D-canfora)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Canfora Zeta (D-canfora)? Perchè si usa?


Come rubefacente e analgesico, è indicata nel trattamento di nevralgie leggere, dolori articolari e muscolari, gotta, irritazioni e pruriti cutanei.

Come antisettico, è indicata nel trattamento di ulcere torpide, erisipela e gangrena nosocomiale.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Canfora Zeta (D-canfora)


  • ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
    Canfora Zeta 10% soluzione cutanea oleosa contiene olio di arachidi: non utilizzare in caso di ipersensibilità;
  • cute lesa;
  • bambini fino a 30 mesi di età;
  • bambini con una storia di epilessia o convulsioni febbrili.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Canfora Zeta (D-canfora)


Non usare soluzioni a base di canfora concentrate, contenenti più dell'11% di canfora, perchè possono essere irritanti e pericolose.

Non ingerire la soluzione di canfora, in quanto può causare effetti indesiderati gravi, compreso il decesso.

Il trattamento non deve essere prolungato per più di 3 giorni per i rischi associati all'accumulo di derivati terpenici, quali ad esempio canfora, cineolo, niaouli, timo selvatico, terpineolo, terpina, citrale, mentolo e oli essenziali di aghi di pino, eucalipto e trementina (a causa delle loro proprietà lipofiliche non è nota la velocità di metabolismo e di smaltimento) nei tessuti e nel cervello, in particolare disturbi neuropsicologici.

Non deve essere utilizzata una dose superiore a quella raccomandata per evitare un maggior rischio di reazioni avverse al medicinale e i disturbi associati al sovradosaggio (vedere paragrafo 4.9).

Canfora Zeta è infiammabile, non deve essere avvicinato a fiamme.

Popolazione pediatrica

Canfora soluzione cutanea non deve essere applicata sulle narici dei bambini anche in piccola quantità perchè potrebbe causare shock.

Canfora Zeta contiene derivati terpenici che, in dosi eccessive, possono provocare disturbi neurologici come convulsioni in neonati e bambini.

Informazioni importanti su alcuni eccipienti:

Canfora Zeta 10% soluzione cutanea oleosa contiene:
  • olio di arachidi: non lo usi se è allergico alle arachidi o alla soya.
  • butilidrossianisolo e butilidrossitoluene: può causare reazioni cutanee locali (es. dermatite da contatto) o irritazione degli occhi e delle mucose.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Canfora Zeta (D-canfora)


Canfora Zeta non deve essere usato in concomitanza con altri prodotti (medicinali o cosmetici) contenenti derivati terpenici, indipendentemente dalla via di somministrazione (orale, rettale, cutanea, nasale o inalatoria).


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Canfora Zeta (D-canfora)? Dosi e modo d'uso


La soluzione si applica localmente con leggero massaggio, frizionando per 3-5 minuti la zona interessata.

Si raccomanda di non superare la dose massima giornaliera di 0,60 g (corrispondenti a 6 g).

Il medicinale non deve essere ingerito.

La durata del trattamento non deve superare i 3 giorni.

Popolazione pediatrica

Canfora Zeta è controindicato nei bambini fino a 30 mesi di età (vedere paragrafo 4.3).


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Canfora Zeta (D-canfora)


In caso di sovradosaggio per via topica può manifestarsi irritazione cutanea.

In caso di ingestione contattare immediatamente un centro antiveleni o il più vicino ospedale.

L'ingestione accidentale di medicinali a base di canfora può portare ai seguenti sintomi: nausea, vomito, dolore addominale, diarrea e cefalea, vertigini, sensazioni di calore/vampate, convulsioni, depressione respiratoria e coma. I pazienti con gravi sintomi gastrointestinali o neurologici da avvelenamento devono essere sottoposti ad osservazione e a un trattamento sintomatico.

In caso di ingestione della soluzione oleosa non deve essere indotto il vomito.

In caso di ingestione della soluzione idroalcolica è possibile indurre il vomito per favorire l'eliminazione del medicinale.

Popolazione pediatrica

In caso di assunzione orale accidentale o di errata somministrazione nei neonati e nei bambini può presentarsi il rischio di disturbi neurologici.

Se necessario, somministrare un trattamento sintomatico appropriato in centri di cura specializzati.


EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Canfora Zeta (D-canfora)


Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati di canfora, organizzati secondo la classificazione per sistemi e organi MedDRA. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effetti elencati.

Patologie del sistema nervoso

Delirio, depressione del Sistema Nervoso Centrale, coma, convulsioni epilettiche, cefalea, vertigini, shock (raro).

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

Asma, insufficienza respiratoria, shock (raro).

Patologie gastrointestinali

Pirosi, dolore epigastrico, vomito, nausea.

Patologie renali e urinarie

Anuria.

Disturbi del sistema immunitario

Asma, orticaria, eritema.

Popolazione pediatrica

A causa della presenza di canfora e in caso di non osservanza delle dosi raccomandate può presentarsi un rischio di convulsioni nei bambini e nei neonati.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Canfora Zeta (D-canfora) durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Non vi sono o sono disponibili in numero limitato i dati relativi all'uso di canfora in donne in gravidanza.

Canfora Zeta non è raccomandato durante la gravidanza e in donne in età fertile che non usano misure contraccettive.

Allattamento

Vi sono informazioni insufficienti sull'escrezione di canfora nel latte materno.

Canfora Zeta non deve essere utilizzato durante l'allattamento.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Canfora Zeta (D-canfora) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


A causa della possibile insorgenza di cefalea o vertigini, la canfora può compromettere la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.


PRINCIPIO ATTIVO


100 g di soluzione contengono:

principio attivo: canfora 10 g

Soluzione oleosa

Eccipienti con effetti noti: olio di arachidi, butilidrossianisolo e butilidrossitoluene.

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Soluzione idroalcolica: etanolo, acqua depurata.

Soluzione oleosa: Olio di arachidi, butilidrossianisolo, butilidrossitoluene, glicole esilenico, acido citrico monoidrato, gliceril oleato, ascorbil palmitato.


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 60 mesi

Conservare il contenitore nella confezione originale ben chiuso per proteggere il medicinale dalla luce.


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Soluzione idroalcolica: flacone in vetro da 100 e 1000 ml.

Soluzione oleosa: flacone in vetro da 100 e 1000 ml.


Data ultimo aggiornamento scheda: 09/01/2020

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Come diventare donatore di organi e tessuti
04 aprile 2020
Notizie e aggiornamenti
Come diventare donatore di organi e tessuti
Vitamina D: un vademecum di AIFA
17 marzo 2020
Notizie e aggiornamenti
Vitamina D: un vademecum di AIFA
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube