Corlopam 20 mg/2 ml soluz. iniett. ev 1 fiala 2 ml

04 aprile 2020

Farmaci - Corlopam

Corlopam 20 mg/2 ml soluz. iniett. ev 1 fiala 2 ml




Corlopam è un farmaco a base di fenoldopam mesilato, appartenente al gruppo terapeutico Simpaticomimetici. E' commercializzato in Italia da Teva Italia S.r.l. - Sede legale.


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Teva Italia S.r.l. - Sede legale

MARCHIO

Corlopam

CONFEZIONE

20 mg/2 ml soluz. iniett. ev 1 fiala 2 ml

FORMA FARMACEUTICA
soluzione (uso interno)

PRINCIPIO ATTIVO
fenoldopam mesilato

GRUPPO TERAPEUTICO
Simpaticomimetici

CLASSE
H

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

PREZZO
235,28 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Corlopam (fenoldopam mesilato)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Corlopam (fenoldopam mesilato)? Perchè si usa?


Terapia d'emergenza dell'ipertensione che richieda trattamento per via endovenosa.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Corlopam (fenoldopam mesilato)


Il farmaco è controindicato in caso di ipersensibilità verso il principio attivo o altri componenti del prodotto.

Popolazione pediatrica: la sicurezza e l'efficacia di Corlopam nel bambino non sono state verificate.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Corlopam (fenoldopam mesilato)


La sicurezza e l'efficacia del Corlopam nel bambino non sono state verificate.

Come per tutti i vasodilatatori, è necessaria cautela nella riduzione di pressioni arteriose molto alte, poichè, come risultato di un abbassamento troppo rapido, possono verificarsi ipoperfusioni acute nel distretto cerebrale, miocardico, del nervo ottico, angina e modificazioni elettrocardiografiche in senso ischemico. Nei pazienti anziani e nei pazienti con compromessa funzionalità renale od epatica non è di norma necessario con fenoldopam un aggiustamento posologico.

Non sono stati riscontrati con il farmaco fenomeni di accumulo.

Corlopam contiene:

Sodio metabisolfito

Raramente può causare gravi reazioni di ipersensibilità e broncospasmo (in soggetti sensibili e particolarmente negli asmatici può provocare reazioni di tipo allergico ed attacchi asmatici gravi).

Sodio

Questo medicinale contiene meno di 1 mmol (23 mg) di sodio per dose, cioè è praticamente “senza sodio“.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Corlopam (fenoldopam mesilato)


Non si conoscono interazioni con Corlopam somministrato per via endovenosa. Non sono state segnalate interazioni con altri agenti cardiovascolari, quali digitale, nitroglicerina (sublinguale), betabloccanti, alfabloccanti, calcioantagonisti, ACE-inibitori (inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina) e diuretici. Poichè il Fenoldopam può aumentare la concentrazione di noradrenalina plasmatica, l'uso concomitante di Corlopam e di MAO inibitori deve essere affrontato con cautela.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Corlopam (fenoldopam mesilato)? Dosi e modo d'uso


Modo di somministrazione

Corlopam deve essere somministrato per infusione endovenosa continua.

Posologia

La dose iniziale è 0,1 mcg/kg/min, con incremento di 0,1 mcg fino a che si raggiunge la diminuzione di pressione arteriosa desiderata. Il dosaggio può essere incrementato al massimo ogni dieci minuti a seconda dello stato clinico del paziente e della gravità delle condizioni. Di norma il controllo della pressione arteriosa viene raggiunto nel range di 0,1-0,39 mcg/kg/min. Nel 20% dei casi il range terapeuticamente utile è stato di 0,4-0,69 mcg/kg/min.

Quando si raggiunge la risposta pressoria desiderata, il dosaggio di Corlopam può essere gradualmente ridotto o l'infusione sospesa. Si possono somministrare agenti antiipertensivi orali durante l'infusione o dopo, se necessario.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Corlopam (fenoldopam mesilato)


Non è stato osservato sovradosaggio con Corlopam. La reazione più probabile dovrebbe essere eccessiva ipotensione. Se ciò dovesse verificarsi, la somministrazione di Corlopam dovrà essere interrotta e si istituirà un'adeguata terapia di supporto.


EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Corlopam (fenoldopam mesilato)


Gli effetti collaterali riscontrati più di frequente (con incidenza di circa il 5% e non superiore al 10%) sono quelli comuni ai potenti vasodilatatori: eritema, cefalea e ipotensione.

Altre reazioni avverse, riportate nell'1-5% dei casi, includono elettrocardiogramma anormale (inversione dell'onda T dell'elettrocardiogramma), extrasistoli ventricolari, palpitazione, tachicardia, nausea, vomito, ipokaliemia, vertigine, crampi agli arti inferiori e congestione nasale.

Nella casistica clinica globale inoltre, in meno dell'1% dei pazienti trattati, sono stati segnalati pre-sincope, disturbo di conduzione, dolore toracico, stanchezza, piressia, compromissione della visione, bicarbonato ematico diminuito, ritenzione di urina, glicosuria, iperidrosi, linfopenia e trombocitopenia.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione-avversa 


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Corlopam (fenoldopam mesilato) durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Corlopam è controindicato durante il primo trimestre di gravidanza; nell'ulteriore periodo non dovrebbe essere somministrato a donne in gravidanza a meno che i benefici attesi non superino i possibili rischi.

Allattamento

Non è noto se Corlopam viene escreto nel latte umano. Poiché molti farmaci vengono escreti per questa via, è necessaria cautela nel somministrare Corlopam durante l'allattamento.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Corlopam (fenoldopam mesilato) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Corlopam può alterare la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari.

Il farmaco può indurre ipotensione.


PRINCIPIO ATTIVO


Una fiala da 2 ml contiene:

Principio attivo:

fenoldopam mesilato mg 26,28 (pari a fenoldopam base 20 mg)

Eccipienti con effetti noti: sodio e sodio metabisolfito.

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Glicole propilenico, acido citrico anidro, sodio citrato, sodio metabisolfito, acqua per preparazioni iniettabili.


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 36 mesi

Conservare a temperatura inferiore a 25°C.

Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce.


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Astuccio contenente 1 fiala da 2 ml.


PATOLOGIE CORRELATE



Data ultimo aggiornamento scheda: 10/09/2019

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Come diventare donatore di organi e tessuti
04 aprile 2020
Notizie e aggiornamenti
Come diventare donatore di organi e tessuti
Vitamina D: un vademecum di AIFA
17 marzo 2020
Notizie e aggiornamenti
Vitamina D: un vademecum di AIFA
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube