Gliatilin 600

17 gennaio 2020

Gliatilin 600




Gliatilin 600 è un farmaco a base di colina alfoscerato, appartenente al gruppo terapeutico Parasimpaticomimetici. E' commercializzato in Italia da Italfarmaco S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Gliatilin 600 (colina alfoscerato) disponibili


Seleziona una delle seguenti confezioni di Gliatilin 600 (colina alfoscerato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Gliatilin 600 (colina alfoscerato) e perchè si usa


Sindromi psico-organiche cerebrali degenerativo-involutive o secondarie a insufficienza cerebrovascolare, ossia disturbi cognitivi primitivi o secondari dell'anziano caratterizzati da deficit di memoria, da confusione e disorientamento, da calo di motivazione ed iniziativa e dalla riduzione delle capacità attentive. Alterazioni della sfera affettiva e del comportamento senile: labilità emotiva, irritabilità, indifferenza all'ambiente circostante. Pseudodepressione dell'anziano.



Come usare Gliatilin 600 (colina alfoscerato): posologia, dosi e modo d'uso


Capsule da 600 mg: una capsula due volte al giorno.

Flaconcini per uso orale: un flaconcino due volte al giorno.

Questi dosaggi possono essere aumentati, a discrezione del medico curante.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Gliatilin 600 (colina alfoscerato)


Ipersensibilità individuale accertata verso i componenti o sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico.



Gliatilin 600 (colina alfoscerato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


L'indicazione terapeutica del prodotto non ne prevede l'uso in gravidanza. Comunque studi specifici hanno comunque evidenziato la mancanza di effetti embriotossici e teratogeni.



Quali sono gli effetti collaterali di Gliatilin 600 (colina alfoscerato)


Quale precursore di costituenti biologici la somministrazione, anche protratta, di colina alfoscerato non pone generalmente problemi di tollerabilità.

L'eventuale comparsa di nausea (imputabile verosimilmente ad una attivazione dopaminergica secondaria) potrebbe richiedere la riduzione della posologia.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube