Goganza

18 gennaio 2021

Goganza


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Goganza (macrogol (3350) + sodio bicarbonato + sodio cloruro + potassio cloruro)


Goganza è un farmaco a base di macrogol (3350) + sodio bicarbonato + sodio cloruro + potassio cloruro, appartenente al gruppo terapeutico Lassativi. E' commercializzato in Italia da Mylan Italia S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Goganza disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Goganza disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Goganza e perchè si usa


Per il trattamento della stipsi cronica in adulti e adolescenti sopra i 12 anni.

GoGanza è anche in grado di risolvere il fecaloma, definito come stipsi refrattaria con carico fecale nel retto e/o nel colon.

Indicazioni: come usare Goganza, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Stipsi cronica

Un ciclo di trattamento per la stipsi cronica con GoGanza non eccede normalmente le due settimane, anche se il trattamento può essere ripetuto, se necessario.

Come per tutti i lassativi, non è generalmente raccomandato l'uso prolungato. Un trattamento prolungato può rendersi necessario per quei pazienti affetti da grave stipsi cronica o resistente, secondaria a sclerosi multipla o Morbo di Parkinson, o indotta da regolare assunzione di medicinali costipanti, in particolare oppioidi e antimuscarinici.

Adulti, adolescenti e anziani: 1-3 bustine al giorno suddivise in dosi, a seconda della risposta individuale.

Per l'uso prolungato la dose può essere ridotta fino a 1-2 bustine al giorno.

Bambini (al di sotto di 12 anni): Non raccomandato. Altri medicinali contenenti macrogol sono disponibili per il trattamento nei bambini.

Fecaloma

Un ciclo di trattamento con GoGanza per il fecaloma non eccede normalmente i 3 giorni.

Adulti, adolescenti e anziani: 8 bustine al giorno, tutte da consumarsi nell'arco di 24 ore.

Bambini (al di sotto di 12 anni): Non raccomandato. Altri medicinali contenenti macrogol sono disponibili per il trattamento nei bambini.

Pazienti con funzione cardiovascolare compromessa: Per il trattamento del fecaloma, la dose totale deve essere suddivisa in modo che non vengano assunte più di due bustine ogni ora.

Pazienti con danno renale: Non è necessario alcun aggiustamento della posologia per il trattamento sia della stipsi sia del fecaloma.

Metodo di somministrazione

GoGanza è per uso orale.

Ogni bustina deve essere disciolta in 125 ml di acqua. Per l'uso nel fecaloma, le 8 bustine possono essere disciolte in 1 litro d'acqua e conservate coperte e in frigorifero fino a 24 ore.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Goganza


Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Ostruzione o perforazione intestinale causata da disturbi funzionali o strutturali della parete intestinale, ileo e pazienti con gravi patologie infiammatorie del tratto intestinale, come morbo di Crohn, colite ulcerativa e megacolon tossico.

Goganza può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

I dati relativi all'uso di macrogol 3350 in donne in gravidanza sono limitati. Gli studi sugli animali hanno mostrato una tossicità riproduttiva indiretta (vedere paragrafo 5.3). Clinicamente, non si ritiene che macrogol 3350 possa causare effetti durante la gravidanza, dal momento che l'esposizione sistemica a macrogol 3350 è trascurabile.

GoGanza può essere usato durante la gravidanza.

Allattamento

Non si ritiene che macrogol 3350 possa causare effetti su neonati/lattanti, dal momento che l'esposizione sistemica a macrogol 3350 di donne che allattano è trascurabile.

GoGanza può essere usato durante l'allattamento.

Fertilità

Non ci sono dati sugli effetti del macrogol 3350 sulla fertilità nell'uomo. Negli studi su ratti maschi e femmine (vedere paragrafo 5.3) non sono stati osservati effetti sulla fertilità.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa