Mendalur

23 gennaio 2021

Mendalur


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Mendalur (levosimendan)


Mendalur è un farmaco a base di levosimendan, appartenente al gruppo terapeutico Inotropi. E' commercializzato in Italia da Inca-Pharm S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Mendalur disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Mendalur disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Mendalur e perchè si usa


Mendalur è indicato nel trattamento a breve termine dello scompenso cardiaco cronico grave, in fase di instabilità acuta (ADHF) laddove la terapia convenzionale non sia sufficiente e in casi dove il supporto di un farmaco inotropo sia considerato appropriato (vedere paragrafo 5.1).

Mendalur è indicato negli adulti.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Mendalur


  • Ipersensibilità al levosimendan o a uno qualsiasi degli eccipienti.
  • Grave ipotensione e tachicardia (vedere paragrafi 4.4 e 5.1).
  • Significative ostruzioni meccaniche ventricolari che alterano il riempimento o l'eiezione o entrambe.
  • Grave compromissione renale (clearance della creatinina <30 ml/min).
  • Grave compromissione epatica.
  •  Anamnesi di torsione di punta.

Mendalur può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Non esistono studi relativi all'infusione di levosimendan nelle donne in gravidanza. Studi condotti su animali hanno rivelato effetti tossici sulla riproduzione (vedere paragrafo 5.3). Di conseguenza, Mendalur va usato in gravidanza solo nel caso in cui i benefici potenziali per la gestante superino i rischi per il feto.

Allattamento

Non è noto se il levosimendan sia escreto nel latte umano. Studi sui ratti hanno mostrato l'escrezione del levosimendan nel latte materno, perciò le donne a cui è somministrato levosimendan non devono allattare al seno.

Fertilità

Studi condotti su animali hanno mostrato effetti tossici sulla riproduzione (vedere paragrafo 5.3).


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa