Nanoalbumon

25 ottobre 2020

Nanoalbumon



Nanoalbumon: a cosa serve , come si usa, controindicazioni. Confezioni e formulazioni di Nanoalbumon disponibili in commercio.


Nanoalbumon è un farmaco a base di albumina umana tecneziata (99mTc) preparazione iniettabile, appartenente al gruppo terapeutico Radiofarmaceutici diagnostici. E' commercializzato in Italia da Campoverde s.r.l.


Confezioni e formulazioni di Nanoalbumon (albumina umana tecneziata (99mTc) preparazione iniettabile) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Nanoalbumon (albumina umana tecneziata (99mTc) preparazione iniettabile) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Nanoalbumon (albumina umana tecneziata (99mTc) preparazione iniettabile) e perchè si usa


Medicinale solo per uso diagnostico.

Dopo la radiomarcatura con sodio pertecnetato (99mTc) soluzione iniettabile, la soluzione ottenuta è indicata per:

  • La scintigrafia del midollo osseo (il prodotto non è idoneo per studiare l'attività emopoietica del midollo osseo)
  • La scintigrafia per la visualizzazione di processi infiammatori in aree diverse dall'addome
  • La linfoscintigrafia convenzionale per dimostrare l'integrità del sistema linfatico e la differenziazione dell'ostruzione venosa dall'ostruzione linfatica
  • La rilevazione del linfonodo sentinella:
    • Nel melanoma maligno
    • Nel carcinoma mammario



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Nanoalbumon (albumina umana tecneziata (99mTc) preparazione iniettabile)


Ipersensibilità nota al principio o ai principi attivi, ad uno qualsiasi degli eccipienti o ad uno qualsiasi dei componenti del radiofarmaco marcato. In particolare, l'uso di particelle colloidali di albumina umana marcata con 99mTc è controindicato in persone con anamnesi di ipersensibilità a prodotti contenenti albumina umana. Durante la gravidanza, la linfoscintigrafia con coinvolgimento pelvico è strettamente controindicata a causa dell'accumulo nei linfonodi.



Nanoalbumon (albumina umana tecneziata (99mTc) preparazione iniettabile) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Donne in età fertile

Quando è necessario somministrare farmaci radioattivi a donne in età fertile, è necessario assumere informazioni su una possibile gravidanza. Le donne che hanno saltato un ciclo mestruale devono essere considerate in gravidanza, salvo accertamenti che escludano la gravidanza. In caso di dubbio, è importante che l'esposizione alle radiazioni sia la minima possibile necessaria per ottenere le informazioni cliniche richieste. Deve essere considerata la possibilità di tecniche alternative che non comportano l'impiego di radiazioni ionizzanti.

Gravidanza

La somministrazione sottocutanea di 99mTc--Nanoalbumon 500 μg per la linfoscintigrafia è strettamente controindicata durante la gravidanza a causa del possibile accumulo nei linfonodi pelvici.

Gli esami diagnostici con impiego radionuclidi effettuati in donne in gravidanza comportano inoltre una dose di radiazione al feto. Questi esami diagnostici devono essere eseguiti durante la gravidanza esclusivamente nel caso di assoluta necessità, quando il possibile beneficio supera ampiamente il rischio per la madre e per il feto. Una dose endovenosa di 500 MBq di 99mTc--Nanoalbumon 500 μg produce un'esposizione calcolata in utero di 0,9 mGy. Un'esposizione in utero superiore a 0,5 mGy è considerata un rischio potenziale per il feto.

Allattamento

Prima di somministrare radiofarmaci a una madre che allatta al seno, è necessario prendere in considerazione la possibilità di ritardare la somministrazione del radionuclide fino a quando la madre avrà interrotto l'allattamento al seno, e la scelta del radiofarmaco più appropriato, tenendo conto della secrezione della radioattività nel latte materno. Se la somministrazione è ritenuta necessaria, l'allattamento materno deve essere interrotto per 13 ore e il latte tirato durante quel periodo deve essere gettato via.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa