Neomercurocromo

18 gennaio 2021

Neomercurocromo


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Neomercurocromo (eosina + cloroxilenolo + glicole propilenico)


Neomercurocromo è un farmaco a base di eosina + cloroxilenolo + glicole propilenico, appartenente al gruppo terapeutico Antisettici. E' commercializzato in Italia da LABORATORIO FARMACEUTICO S.I.T. S.r.l. . Specialità Igienico Terapeutiche

Confezioni e formulazioni di Neomercurocromo disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Neomercurocromo disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Neomercurocromo e perchè si usa


Trattamento locale disinfettante di ferite superficiali di lieve entità, abrasioni, ustioni di primo grado, piaghe da decubito con interessamento limitato all'epidermide.

Indicazioni: come usare Neomercurocromo, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Applicare 1-2 volte al giorno alcune gocce sulla parte lesa. Non superare le dosi consigliate.

Modo di somministrazione

Applicare la soluzione cutanea sulla parte lesa e coprire eventualmente con un bendaggio appropriato sterile asciutto.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Neomercurocromo


Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Neomercurocromo può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Non si ritiene che l'eosina, il cloroxilenolo e il propilenglicole possano causare effetti durante la gravidanza, dal momento che l'esposizione sistemica a eosina, cloroxilenolo e propilenglicole è trascurabile.

Neomercurocromo può essere usato durante la gravidanza.

Quali sono gli effetti indesiderati di Neomercurocromo


È possibile il verificarsi, in qualche caso, di intolleranza (bruciore o irritazione), peraltro priva di conseguenze, che non richiede modifica del trattamento. Per applicazione ripetuta o in seguito a bendaggio occlusivo, si possono avere reazioni eczematose della cute. La soluzione può dare luogo a fenomeni di fotosensibilizzazione.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo: https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa