Nettacin Collirio

20 gennaio 2021

Nettacin Collirio


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Nettacin Collirio (netilmicina solfato)


Nettacin Collirio è un farmaco a base di netilmicina solfato, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici aminoglicosidici. E' commercializzato in Italia da SIFI S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Nettacin Collirio disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Nettacin Collirio disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Nettacin Collirio e perchè si usa


Trattamento topico delle infezioni oculari esterne e degli annessi causate da germi sensibili alla Netilmicina, inclusi i germi produttori di enzimi adenilanti e fosforilanti.

Indicazioni: come usare Nettacin Collirio, posologia, dosi e modo d'uso


Instillare nel sacco congiuntivale una o due gocce di collirio 3 volte al dì o secondo prescrizione medica.

Prima dell'uso assicurarsi che il contenitore monodose sia intatto.

NETTACIN COLLIRIO monodose va usato solo immediatamente dopo l'apertura. L'eventuale residuo non deve essere riutilizzato.

Evitare che l'estremità del contenitore venga a contatto con l'occhio o con qualsiasi altra superficie.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Nettacin Collirio


Ipersensibilità verso i componenti del prodotto o verso altri aminoglicosidi.

Nettacin Collirio può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Nonostante gli studi preclinici attestino l'assenza di tossicità fetale con la somministrazione topica di netilmicina, per lo scarso assorbimento sistemico del prodotto, in gravidanza il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.

Gli aminoglicosidi vengono escreti nel latte materno. Pertanto, se ne sconsiglia l'assunzione durante l'allattamento.

Quali sono gli effetti indesiderati di Nettacin Collirio


Occasionalmente il NETTACIN COLLIRIO può dar luogo a lievi e temporanee irritazioni oculari o a fenomeni di ipersensibilità caratterizzati da edema, eruzioni orticarioidi e prurito.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa