Synacthen

20 gennaio 2020

Synacthen




Synacthen è un farmaco a base di tetracosactide esacetato, appartenente al gruppo terapeutico Ormoni corticotrofici. E' commercializzato in Italia da Alfasigma S.p.a..


Confezioni e formulazioni di Synacthen (tetracosactide esacetato) disponibili


Seleziona una delle seguenti confezioni di Synacthen (tetracosactide esacetato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Synacthen (tetracosactide esacetato) e perchè si usa


Uso diagnostico: Synacthen 0,25 mg/1 ml (a breve durata d'azione) è usato principalmente come mezzo diagnostico, per valutare la funzionalità del corticosurrene quando si sospetti una ipofunzionalità della corteccia surrenale.

Uso terapeutico: Synacthen 0,25 mg/1 ml può inoltre essere impiegato in sostituzione di Synacthen sospensione iniettabile a rilascio prolungato, quando l'infusione di tetracosactide sia preferibile all'iniezione i.m.

Nota: a differenza di Synacthen sospensione iniettabile a rilascio prolungato, Synacthen soluzione iniettabile ha una breve durata d'azione e, in caso di uso diagnostico, può essere somministrato sia per via intramuscolare, sia per via endovenosa.

Al contrario, quando usato come agente terapeutico, Synacthen 0,25 mg/1 ml soluzione iniettabile è efficace solo con un'infusione endovenosa che dura varie ore e non con una dose singola con effetto a breve termine.



Come usare Synacthen (tetracosactide esacetato): posologia, dosi e modo d'uso


Uso diagnostico

Test rapido al Synacthen (30 minuti)

Si dosa il cortisolo plasmatico immediatamente prima e 30 minuti esatti dopo un'iniezione i.m. o e.v. di 0,25 mg di Synacthen soluzione iniettabile.

Si considera normale la funzionalità del corticosurrene se il tasso plasmatico del cortisolo aumenta di almeno 200 nmol/l (70 μg/l), cioè se i valori registrati a 30 minuti dall'iniezione di Synacthen soluzione iniettabile superano le 500 nmol/l (180 μg/l). Tutti i campioni di plasma devono essere conservati in un congelatore fino alla stima del livello di cortisolo.

Se il test rapido fornisce risultati non conclusivi, o se lo scopo è di determinare la riserva funzionale del corticosurrene, può essere eseguito il test a 5 ore con Synacthen sospensione iniettabile a rilascio prolungato.

Uso terapeutico

Per l'uso terapeutico, in alternativa a Synacthen 1 mg/1ml sospensione iniettabile a rilascio prolungato, Synacthen soluzione iniettabile può essere somministrato come infusione in soluzione glucosata (5% o 12,5%) o fisiologica (NaCl 0,9%) (v. 6.2 “Incompatibilità“).

Il trattamento viene iniziato con una somministrazione giornaliera e dopo circa 3 giorni viene iniziata una terapia intermittente. L'infusione dura al massimo 4 ore.

Se, per esempio, 0,5 mg o 1 mg di tetracosactide (=2 o 4 fiale di Synacthen) viene diluita in 250 ml di fluido per infusione, l'infusione potrebbe essere completata in circa 4 ore ad una velocità di 20 gocce (1 ml) al minuto.

Adulti e adoloscenti con età superiore ai 12 anni

La dose iniziale è 1 mg\die.

Il trattamento di condizioni acute può essere iniziato con 1 mg ogni 12 ore. Se i sintomi acuti sono controllati, viene solitamente somministrato 1 mg ogni 2-3 giorni. In pazienti che rispondono bene, la dose può essere ridotta a 0,5 mg ogni 2-3 giorni o 1 mg una volta alla settimana.

Popolazioni speciali

Popolazione pediatrica

Lattanti (28 giorni-23 mesi): la dose iniziale è di 0,25 mg/die; la dose di mantenimento è 0,25 mg ogni 2-8 giorni.

Bambini (dai 2 ai 5 anni): la dose iniziale è 0,25 mg-0,5 mg/die; la dose di mantenimento è 0,25 mg-0,5 mg ogni 2-8 giorni.

Bambini (dai 6 ai 12 anni): la dose iniziale è 0,25 mg-1 mg/die; la dose di mantenimento è 0,25 mg-1 mg ogni 2-8 giorni.

Anziani

Non sono disponibili dati.

Insufficienza renale

Non sono stati effettuati studi clinici.

Insufficienza epatica

Non sono stati effettuati studi clinici.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Synacthen (tetracosactide esacetato)


Ipersensibilità al principio attivo, altri ACTH (ormoni adreno-corticotropi) o ad uno qualsiasi degli eccipienti;

  • psicosi acute;
  • malattie infettive;
  • ulcera peptica;
  • insufficienza cardiaca resistente alle terapie;
  • sindrome di Cushing;
  • insufficienza corticosurrenale primaria;
  • sindrome adrenogenitale;
  • ipertensione di grado severo;
  • forme gravi di osteoporosi
  • trattamento di patologie allergiche e asma (vedere paragrafo 4.4).



Synacthen (tetracosactide esacetato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Fertilità

Non ci sono dati disponibili.

Gravidanza

I dati relativi all'uso di Synacthen in donne in gravidanza sono in numero limitato.

Gli studi sugli animali non sono sufficienti a determinare una tossicità riproduttiva/teratogenicità. Synacthen dovrebbe essere usato in gravidanza solo se il beneficio atteso è superiore al rischio per il feto.

Allattamento

Non è noto se il tetracosactide sia escreto nel latte materno. Synacthen va usato con cautela in donne che allattano con latte materno.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube