Acidità di stomaco

10 agosto 2014

Acidità di stomaco




04 agosto 2014

Acidità di stomaco

Buongiorno, da qualche tempo ho un problema che non mi permette di vivere al meglio. Da aprile fino ad ora ho perso 20 kg, ho iniziato da sola digiunando, saltando il pranzo e talvolta arrivando a mangiare solo una mela al giorno o poco più (consapevole di aver sbagliato ). Nel frattempo facevo attività fisica (tapis-roulant 6km al giorno a anche 12km ). Dopo due mesi ho iniziato a mangiare un po di più ma già avvertivo dei problemi di digestione che ho subito collegato al fatto che per dei giorni avevo mangiato poco. Ad aprile ho avuto un virus intestinale (vomiti, Diarrea passato però in 3 giorni) e 3-4 settimane fa sono stata nuovamente male e il medico di famiglia mi ha detto che era un altro virus (una sera per quanto stavo male ho iniziato a piangere senza motivo e sudavo freddo) e anche questo passato in una settimana. Mi trovavo in una situazione di continuo malessere finchè ;, nuovamente dal medico curante, si è iniziato a parlare di acidità di stomaco. mi ha prescritto PERIDON e RIOPAN ma la situazione non migliorava. Così mi sono recata da uno specialista il quale dopo aver ascoltato la mia storia e dopo avermi visitata mi ha prescritto una terapia con ESOPRAL (esomeprazolo, uno al gg al mattino per un mese ), COLINOX (1 dopo i pasti) e BIOTRAP perchè ho anche problemi di feci molli, a palline e con continuo bisogno di andare in bagno (ora lievemente migliorato ). Il problema però è che il medico non mi ha dato una diagnosi specifica, se si tratta del batterio Hp o di qualcos'altro. Quello che vorrei sapere è se si può guarire e se 4 settimane saranno sufficienti. Ora, da qualche giorno noto i seguenti sintomi: nausea soprattutto dopo aver mangiato in particolare quando emetto aria dalla bocca, gonfiore (senso di pesantezza anche se mangio poco e completamente in bianco ), continue eruttazioni e malessere generale. Vorrei sapere se si tratta realmente di questo batterio Hp anche perchè so che l'esomeprazolo è indicato proprio per combatterlo. La ringrazio.

Risposta del 10 agosto 2014

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Credo che lei abbia quella sindrome che noi, per brevità, chiamiamo colon irritabile, me che, in realtà, può coinvolgere anche lo stomaco. I disturbi possono essere vari e avere periodi di remissione e altri di peggioramento, senza che si possano determinare cause precise. Quindi non si tratta di " guarire " in un certo periodo. Quando si presentano i disturbi, bisogna andare a raccontarli al medico curante, che consiglierà la terapia più idonea in quel periodo.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino




Vedi anche:
Ultimi articoli
Colite ulcerosa
14 aprile 2020
Patologie mediche
Colite ulcerosa
Un batterio per amico
21 febbraio 2020
Quiz e test della salute
Un batterio per amico
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube