Depressione o cos'altro?

19 gennaio 2005

Depressione o cos'altro?




Domanda del 15 gennaio 2005

Depressione o cos'altro?


salve, sono una ragazza di 20 anni e da quasi un anno sto vivendo una situazione particolare in famiglia.Mia madre è ammalata di un grave tumore e, da quando io e i miei familiari l'abbiamo scoperto, la situazione è cambiata notevolmente.Inizialmente ho avuto qualche momento di pianto e di tristezza ma poi mi sono armata di coraggio e sono andata avanti (anche negli esami universitari) tra i mille sforzi per conciliare studio e famiglia,ma dopo queste vacanze natalizie ho iniziato a soffermarmi meglio su tutto ciò che mi è capitato e di tanto in tanto mi capita di piangere (soltanto quando mi ritrovo da sola) ed essere molto triste...Soprattutto quando penso a quello che invece hanno tutti gli altri ragazzi della mia età...Non mi sento per niente serena e felice anche se davanti agli altri non lo dimostro.Inoltre ho notato che proprio in quest'ultimo periodo tendo a mangiare di più anche non avendo appetito...Insomma non so cosa mi stia succedendo e quindi volevo sapere se è normale questo mio comportamento che sto avendo soltanto adesso oppure sono affetta da depressione, stress o ansia e se mi serve l'aiuto di uno specialista. Mi scusi per la lunghezza della domanda ma ho davvero bisogno di un consiglio obiettivo.Spero che lei mi sia di vero aiuto. Grazie anticipatamente
Risposta del 19 gennaio 2005

Risposta di MARIA ADELAIDE BALDO


Nelle situazioni come quella in cui si trova lei,il pericolo più grande è proprio quello di "tenere dentro" la propria sofferenza. Lo si fa per non gravare sui familiari già preoccupati, ma non è una buona cosa.
Io credo che lei avrebbe bisogno di parlare con qualcuno che sia in grado di ascoltarla e di aiutarla a riorganizzare dentro di sè tutte le emozioni che la situazione in famiglia le ha suscitato.
Può essere che vi sia anche una componente depressiva : questo spiegherebbe sia il suo rapporto col cibo che con gli altri.Questo non vuol dire che lei sia "ammalata", semplicemente che sta reagendo ad una situazione difficile, ma che le strategie utilizzate non sono del tutto giuste. Lei è veramente brava a continuare nelle sue abituali attività, ma forse non sta dando sufficiente spazio alle emozioni.Credo che il sostegno di una persona capace la aiuterebbe moltissimo. Potrebbe essere uno specialista (che sappia valutare anche la presenza eventuale di Depressione ), ma potrebbe essere anche semplicemente una persona adulta che goda della sua stima e fiducia. Auguri a lei e alla sua mamma.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
BRESCIA (BS)



Il profilo di MARIA ADELAIDE BALDO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
Mente e cervello
16 settembre 2018
Libri e pubblicazioni
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo
Mente e cervello
13 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo
Adolescenti ribelli. Come gestirli
Mente e cervello
12 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Adolescenti ribelli. Come gestirli