Esofago di barrett

26 giugno 2017

Esofago di barrett




23 giugno 2017

Esofago di barrett

Buongiorno, ho 53 anni e ho sempre sofferto di reflusso Gastroesofageo, faccio gastroscopie di controllo, (la penultima 2 anni fa) l’ultima eseguita il 26/05/17. - Esito esame : ESOFAGO con presenza di mucosa di Barret in sede distale per un tratto di 1 cm. (biopsie) Cardias incontinente ** STOMACO con mucosa iperemica (biopsie) in sede antrale. Pirolo regolare ** DUODENO bulbo duodenale con mucosa iperemica e erosa. Duodeno II porzione regolare. -. DIAGNOSI : Esofago di barret corto – Stomaco gastrite diffusa – Duodenite erosiva bulbare. --REFERTO ISTOLOGICO : Biopsie antro gastrico -> Flogosi cronica attiva lieve, Helicobacter Pylori negativa in mucosa foveolare iperplastica. -. Biopsie esofagee -> Epitelio squamoso esofageo focalmente in continuità con epitelio colonnare non displastico di tipo gastrico foveolare iperplastico, non evidenza di metaplasia intestinale. - Sono parecchio preoccupato dalla presenza dell’esofago di barret, che da come ho letto può trasformarsi in tumore maligno dell’esofago. - Sono in attesa di effettuare una visita con il gastroenterologo, volevo però se possibile, avere una Vs parere sui risultati dell’esame. - Volevo inoltre porvi qualche domanda : è possibile guarire dall’esofago di barret con una cura prolungata es. Gaviscon + Esopral ? Per stare tranquillo tra quanto tempo dovrò ripetere l’esame ? Grazie mille e scusate per tutte queste domande ma la cosa mi preoccupa parecchio. -

Risposta del 26 giugno 2017

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Quel tratto di mucosa esofagea che diventa " di Barrett" può evolvere verso la forma maligna quando non viene curata o curata male. In ogni caso deve passare attraverso le modificazioni chiamate metaplasia e soprattutto displasia. Le biopsie negano la presenza di questa due situazioni. Quindi può stare abbastanza tranquillo. Deve solo continuare a curarsi e fare controlli ogni anno, perchè, se si dovesse osservare una trasformazione della mucosa sospetta, oggi si può intervenire per via endoscopica.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube