Difesi-X Vie Aeree

25 luglio 2024

Difesi-X Vie Aeree


Tags:


Cos'è Difesi-X Vie Aeree


Difesi-X Vie Aeree è un integratore appartenente alla categoria "Integratori per il benessere dell'apparato respiratorio". E' commercializzato in Italia dall'azienda Farmaderbe S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Difesi-X Vie Aeree disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Difesi-X Vie Aeree disponibili in commercio per accedere alla singola scheda e visualizzare il prezzo:

A cosa serve Difesi-X Vie Aeree e perchè si usa


Utile per influenza, infezioni virali e batteriche, infiammazioni delle vie aeree anche da fumo e inquinamento, tosse, tracheite, bronchite, bronchite asmatica, faringo-tonsillite, laringite, raffreddore, rinofaringite.

Indicazioni: come usare Difesi-X Vie Aeree, posologia, dosi e modo d'uso


1-3 capsule al giorno, preferibilmente ai primi sintomi, da deglutire con un po' d'acqua.

Descrizione e caratteristiche di Difesi-X Vie Aeree


Difes-X è un integratore alimentare che sostiene le difese delle vie respiratorie aiutando a reagire prontamente alle aggressioni esterne. Contrasta i disagi correlati a tosse, raffreddamento, fumo ed inquinamento grazie alle proprietà antimicrobiche, immunostimolanti, antinfiammatorie ed antiossidanti. Un prodotto ad alto dosaggio che contrasta l'azione di virus e batteri e la cascata di citochine pro-infiammatorie. Indicato anche per il trattamento in fase acuta; se assunto precocemente, aiuta ad accelerare la guarigione contrastando l'aggravamento della sintomatologia. Azione dimostrata di Quercetina, Pelargonium, Cisto, Vitamina C ed Olivo nel contrastare la penetrazione e la replica virale. Il Pelargonium sidoides è un geranio che cresce in Sudafrica, impiegato fin dagli inizi del '900 nel trattamento della tubercolosi, ha risvegliato negli ultimi decenni l'interesse del mondo scientifico grazie ai riscontri clinici ottenuti sulle sue proprietà antibatteriche e antivirali, decretando l'efficacia del principio attivo verso le affezioni dell'apparato respiratorio quali: raffreddore comune, tonsillite, bronchite, sinusite e rinofaringite. Della pianta si utilizza l'estratto ottenuto dalle radici, ricco in fenoli semplici, alcune proantocianidine e cumarine altamente ossigenate a cui sono state associate le attività antibatteriche, antivirali, immunostimolanti e secretomotorie. Diversi studi di laboratorio condotti sull'estratto ne hanno confermato le attività. L'estratto limita anche l'adesione di patogeni alla mucosa impedendone la penetrazione nelle cellule. In vitro specifici estratti etanolici hanno dimostrato attività inibitoria e dose-dipendente verso ceppi virali influenzali H1N1 e H2N3, parainfluenzale 3, coxsackie A9, coronavirus HCo-229E e virus respiratorio sinciziale mediante anche interazione con ACE-2; sono risultati sensibili anche gli Herpes simplex HSV-1 e HSV-2. Risultano suscettibili solo i virus con capside e l'effetto è stato attribuito all'inibizione della neuramminidasi operata dalle oligo-prodelfinidine: eliminando selettivamente la frazione polifenolica dagli estratti, quest'azione, infatti, svanisce. L'azione batteriostatica si esplica verso vari patogeni e co-infettanti respiratori compresi ceppi di S. aureus multi-drug resistant e anche contro i micobatteri. Questo fitoterapico stimola efficacemente le difese immunitarie aspecifiche locali aumentando l'attività fagocitica dei macrofagi e la loro capacità di attaccare e distruggere i patogeni sia intra- che extracellulari. In presenza dell'estratto aumentano il burst respiratorio e la secrezione di NO. Induce nei macrofagi attivati la secrezione di citochine digestive e nei granulociti neutrofili quella di proteine battericide e chemiotattiche. Inoltre, stimola la motilità e la clearance muco-ciliare aiutando ad espellere i patogeni. In caso di bronchite acuta il Pelargonium riduce il BSS (Bronchitis Severity Score) ed entro 3 giorni attenua la tosse nell'89% dei soggetti trattati con un anticipo medio di 2 giorni di rientro al lavoro rispetto al placebo. In caso di faringo-tonsillite si ha una riduzione del TSS (Tonsillitis Severity Score) ed entro 4 giorni remissione dei sintomi. Il Pelargonium limita anche l'assunzione di paracetamolo ed è sicuro ed efficace nel trattamento della bronchite acuta con guarigione completa o sostanziale miglioramento nel 94,2% dei pazienti; può essere considerato un trattamento di prima scelta in pazienti con rinosinusite acuta anche di origine batterica e tonsillo-faringite di origine non batterica. Pelagon-P70TM è un estratto secco ottenuto dalla radice tuberosa di Pelargonium sidoides che contiene mediamente il 40% di un complesso polifenolico ricco di oligo-prodelfinidine di tipo A e B associate ad esteri metilici dell'acido gallico, flavan-3-oli, flavonoidi, acidi fenolici. Caratteristiche sono

Ingredienti


Cisto (Cistus x incanus L.) erba e.s., Idrossipropilmetilcellulosa, Palmitoiletanolamide, Quercetina da Sofora fiore (Sophora japonica L.), Vitamina C (Acido L-Ascorbico), Olivo (Olea europaea L.) foglie e.s. tit. al 6% Oleuropeina, Pelagon-P70® Pelargonium (Pelargonium sidoides DC.) radice e.s.. Agenti antiagglomeranti: Biossido di silicio, Sali di magnesio degli acidi grassi.

Senza glutine.

Avvertenze e conservazione


Consultare un medico nel caso si assumano antiaggreganti piastrinici, ipoglicemizzanti orali, ipotensivi, in gravidanza ed allattamento.


Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico



Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su YoutubeSeguici su Instagram
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa