A Natale attenti a frutti di bosco e frutti di mare: possono essere causa di epatite A

17 dicembre 2013
News

A Natale attenti a frutti di bosco e frutti di mare: possono essere causa di epatite A


epatite A

Arrivano le feste natalizie e aumenta la possibilità di consumare frutti di bosco. E poiché quest'anno c'è stato un incremento importante di casi di epatite A determinati proprio dal consumo di lamponi, mirtilli e C., il ministero della Salute per prevenire altre possibili infezioni lancia un appello: attenti ai frutti di bosco surgelati provenienti dall'est europeo.

L'Italia dal novembre 2011 è tra le nazioni a endemicità medio-bassa per l'epatite A e, anche se non si può assolutamente parlare di epidemia, l'elevato numero di infezioni in particolare in alcune regioni del Centro Nord (Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna) e in Puglia, fa dire agli esperti di prestare attenzione. Non si tratta di demonizzare il consumo di frutti di bosco: sono un alimento molto salutare essendo ricchi di antocianine e carotenoidi, sostanze dotate di capacità antiossidante, vitamina C e sali minerali, ma meglio cuocerli prima di mangiarli.

La cottura dei frutti di bosco surgelati è l'unico modo per stare tranquilli e, oltretutto, dal punto di vista nutrizionale ha un effetto benefico, poiché potenzia la capacità antiossidante delle antocianine. Nello stesso appello il Ministero parla anche dei frutti di mare, che devono essere consumati solo se cotti. Infine, il ministero ricorda la possibilità di prevenire l'epatite A «grazie a un vaccino efficace e sicuro».




Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube