Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale

19 marzo 2018

News

Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale


Dal gonfiore all'irritabilità, dal mal di testa ai crampi addominali, alla tensione mammaria: sono questi i sintomi più frequenti che interessano almeno il 40 per cento delle donne e che tendono a manifestarsi con regolarità e ciclicamente qualche giorno prima dell'inizio del flusso. Rientrano normalmente nella cosiddetta 'sindrome premestruale'(Spm) e durano, in media, sei giorni, con un evidente peggioramento nelle 48 ore che precedono il ciclo.

Le cause

«Si ipotizza che la Spm dipenda da uno squilibrio ormonale causato da una produzione insufficiente o da un ritardo della secrezione di progesterone e un eccesso relativo di estrogeni in rapporto ad esso», spiega la dottoressa Gabriella Maggi, specialista in ostetricia e ginecologia ed endocrinologia sperimentale, esperta in omeopatia.

Le terapie

Quella medica classica si basa sull'utilizzo di estroprogestinici (la famosa 'pillola'). Nella seconda parte del ciclo può essere prescritto progesterone allo scopo di ridurre lo squilibrio estroprogestinico. «Viene utilizzato, di preferenza, progesterone naturale micronizzato, per la sua capacità di aumentare l'eliminazione del sodio con le urine, riducendo la ritenzione idrica nei tessuti», precisa la dottoressa Maggi. Che aggiunge: «Talvolta, quando predominano i sintomi emotivi, può essere consigliabile anche l'utilizzo di farmaci tranquillanti che agiscono sul sistema nervoso centrale». Per alleviare i sintomi è utile assumere integratori a base di magnesio, oltre a vitamine come quelle del gruppo B, E e PP, e di un minerale come il selenio.

Omeopatia

- Follicolinum: 30 CH per 'addolcire' i sintomi legati a una anche lieve carenza di progestinico e al conseguente eccesso di estrogeno; 9 CH per regolare i ritmi dell'ovulazione, sostenendo la produzione di estrogeni della prima metà del ciclo.
- Sepia officinalis 9 CH se nella fase premestruale la donna lamenta senso di pesantezza nel basso ventre, si sente depressa, manifesta desiderio di solitudine e disinteresse anche verso le persone più care.
- Lachesis mutus 9 CH se la paziente alterna loquacità a momenti di silenzio e stati di depressione intervallati a momenti di eccitazione. In generale i sintomi tendono a migliorare con l'arrivo del flusso.
- Natrum sulfuricum 9 CH se depressione e irritabilità si manifestano soprattutto il mattino al risveglio, Il rimedio è adatto anche in caso di ritenzione idrica molto importante con edemi e cellulite. 
- Phytolacca decandra 5 CH per il dolore localizzato al seno.

Fitoterapia

L'agnocasto, sotto forma di estratto secco in compresse, è un altro valido aiuto nel riequilibrare la bilancia ormonale e psichica. Gli estratti di questo arbusto inibiscono la secrezione della prolattina, un ormone prodotto dall'ipofisi che a livelli elevati può causare, fra l'altro, irregolarità mestruale. Inoltre, sembrano avere anche la capacità di stimolare la produzione dell'ormone luteinizzante (LH) che stimola una maggiore liberazione di progesterone da parte dell'ovaio. E i glucosidi presenti in questi estratti hanno inoltre proprietà sedative sul sistema nervoso.

Claudio Buono


Notizie:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Omeopatia cosa c’è da sapere
01 agosto 2019
Notizie e aggiornamenti
Omeopatia cosa c’è da sapere
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
14 luglio 2019
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne