Farmaci in vacanza. Uso e conservazione

04 luglio 2018
News

Farmaci in vacanza. Uso e conservazione


Efficacia, qualità e sicurezza sono a rischio quando i farmaci non vengono conservati in modo corretto. Questo è tanto più vero d'estate quando trasportiamo in valigia una serie di farmaci, spesso esponendoli ad alte temperature per lunghi periodi. Per evitare che si alteri la qualità dei farmaci, l'Agenzia Italiana del Farmaco, Aifa, ha steso alcune regole di comportamento. A partire dall'evitare sempre di esporre i farmaci al sole: durante il viaggio andrebbero messi in un contenitore termico.


In auto. In aereo. In valigia


Se si affronta un lungo viaggio in auto, è bene trasportare i farmaci nell'abitacolo anziché nel bagagliaio che potrebbe surriscaldarsi troppo. Se si viaggia in aereo è consigliabile riporre i farmaci nel bagaglio a mano. Se si sta seguendo una terapia con farmaci salvavita, è importante portare le ricette di prescrizione perché potrebbero essere richieste durante i controlli di sicurezza in aeroporto.

Per risparmiare spazio in valigia, si potrebbe essere tentati di utilizzare un unico contenitore per farmaci diversi. È un errore: non si possono poi riconoscere le date di scadenza, le tipologie e i dosaggi dei diversi farmaci.


A quale temperatura


Quando è indicata la temperatura di conservazione, non rispettarla può rendere i farmaci dannosi. Soprattutto antibiotici, analgesici, insulina, sedativi. Se non è specificata, il farmaco va tenuto in luogo fresco e asciutto a una temperatura inferiore ai 25°. Esporlo a temperature superiori per più di due giorni, ne può anticipare la scadenza.

Esposizione al sole

Dopo l'esposizione al sole, alcuni farmaci posso causare manifestazioni cutanee come dermatiti ed eczemi.

Per i medicinali in forma di gel o crema verificare sempre la compatibilità con l'esposizione al sole.

Controllare le istruzioni in caso di assunzione di:

  • antibiotici
  • sulfamidici
  • contraccettivi orali
  • antinfiammatori non steroidei
  • prometazina.

Evitare l'esposizione al sole - solarium compreso - dopo l'applicazione di gel, spray, creme cerotti a base di ketoprofene o creme a base di prometazina usate per allergie cutanee o punture di insetti.


Carla De Meo





Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube