Aumentano in Italia i bambini obesi

26 ottobre 2018

News

Aumentano in Italia i bambini obesi



In Italia, a dieci anni, due bambini su dieci sono sovrappeso e uno su dieci ha l'obesità: primato europeo. Questi i dati resi noti questa settimana in un comunicato congiunto dalla Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica e dalla Società Italiana di Pediatria, società scientifiche che hanno di recente pubblicato i risultati della Consensus nazionale sull'Obesità Pediatrica, un riferimento per tutti gli operatori coinvolti nella prevenzione e cura dell'obesità del bambino e dell'adolescente.

Contrariamente a quanto comunemente si crede, in pochissimi casi l'obesità è causata da una malattia genetica o endocrina. Purtroppo, i genitori tendono a riconoscere solo tardivamente l'eccesso di peso nel loro bambino, sottovalutando gli errori alimentari e lo stile di vita sedentario che ne sono alla base. Spesso pensano (erroneamente) che con la crescita il bambino dimagrisca spontaneamente e infine, secondo quanto raccolto dalla SIP-SIEDP, hanno scarsa consapevolezza delle complicanze associate all'obesità.

Infatti anche nel bambino l'obesità altera il funzionamento di molti organi ed apparati, con la possibile comparsa di fegato grasso (steatosi epatica), alterati livelli di lipidi e glucosio nel sangue, ipertensione arteriosa, ridotta tolleranza al glucosio/diabete di tipo 2, irregolarità mestruali, patologie osteoarticolari o respiratorie e si associa a stigma sociale, scarsa autostima e frequenti episodi di vittimizzazione. Argomento centrale della Consensus è la realizzazione della rete assistenziale pediatrica per l'obesità, in grado di offrire un continuum di assistenza dalla nascita alla tarda adolescenza, favorendo prevenzione, diagnosi precoce e trattamento per tutti i livelli di complessità clinica. Ogni famiglia deve poter contare su un'assistenza coordinata che la accompagni nella gestione di questa importante condizione.

Silvia Ambrogio

(fonte: Nutrizione33)



Vedi anche:


Potrebbe interessarti
L'esperto risponde