Massaggio infantile, perché fa bene

31 maggio 2019

News

Massaggio infantile, perché fa bene



Imparare a massaggiare il proprio bambino fin dai primi mesi di vita aiuta a costruire la relazione, alleviare piccoli fastidi e a infondere una sensazione di fiducia per il prossimo che sarà utile durante la crescita.

Gli effetti del massaggio infantile


Il massaggio ha un effetto sul rilassamento muscolare e aiuta il bambino a scaricare le tensioni; la ritualità dei gesti, con i movimenti ritmici delle mani e il susseguirsi della frequenza possono facilitare l'acquisizione del ritmo sonno-veglia e ridurre i livelli di stress
Massaggiare i bambini fin dalla nascita aiuta lo sviluppo armonico dell'organismo, sia per le  funzioni vitali che comportamentali, e a prevenire i piccoli fastidi come le coliche.
Più in dettaglio il massaggio è utile per:

  • stimolare il sistema respiratorio e quello gastrointestinale, e il loro corretto funzionamento;
  • stabilizzare il sistema nervoso, proseguendo così lavoro iniziato durante la gestazione come le contrazioni uterine; 
  • aiutare il bambino a prendere coscienza del proprio corpo;
  • alleviare le coliche e migliorare la stitichezza;
  • migliorare la qualità del sonno;
  • stimolare la comunicazione non verbale;
  • indurre un senso di autostima nel neonato che si sente bene con se stesso;
  • rafforzare la relazione con la figura del genitore.

Il massaggio è un iniezione di fiducia per i bambino che impara così a lasciarsi andare, ad abbandonarsi e affidarsi all'altro. Allo stesso tempo la relazione con l'adulto ne viene rafforzata. Un bambino abituato al contatto e a massaggi fin da piccolo, creerà nella propria mente una memoria che collegherà quel momento a un'esperienza piacevole; e questo farà sì che sarà poi in grado di abbandonarsi più facilmente alle cure, imparando ad affidarsi e lasciarsi andare senza timore.


Primi massaggi


È importante abituare il neonato al contatto e questo può avvenire anche solo attraverso dei semplici e delicati massaggi sulla mani e sulla pianta dei piedi.
Un altro modo è quello di massaggiare la schiena dall'alto verso il basso. La mano, aperta, può essere passata anche sul dorso, sulle braccia e sulle gambe mentre per i piedi è meglio utilizzare i pollici massaggiando dal tallone verso le dita.
Anche posare una mano distesa sulla pancia nel bambino molto piccolo, o sulla schiena in corrispondenza dell' intestino, può servire a infondere una sensazione di sicurezza e a calmarlo.Già dal primissimo mese, e fino a un anno di vita, i massaggi dovrebbero essere praticati non con la punta delle dita ma con tutta la mano, in senso circolare.


Quando fare il massaggio?

Anche l'ambiente è importante: deve essere caldo, tranquillo e confortevole. Meglio scegliere un momento prima o molto lontano dal pasto, oppure prima di dormire o dopo il bagno. Il bambino deve essere in posizione supina in modo da poter godere dell'interazione con l'adulto. Il massaggio completo dura circa 15-20 minuti. Volendo si può impiegare dell'olio di mandorle. Anche cantare a bassa voce, o avere  una musica di sottofondo, può essere un modo per accompagnare questo momento.


Vedi anche:


Ultimi articoli
L'esperto risponde