Pilates, equilibrio e forza anche ai ginnasti

08 maggio 2017
Aggiornamenti e focus

Pilates, equilibrio e forza anche ai ginnasti


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Gli atleti vengono "allevati" in età sempre più giovane. Molti fattori sono coinvolti in questo percorso, e siccome il livello di capacità nelle competizioni aumenta, gli allenatori vogliono portare i loro atleti ad eccellere prevenendo anche però gli infortuni. La pratica regolare di Pilates è un modo per ridurre il rischio di lesioni, aumentare la consapevolezza del corpo e migliorare la coordinazione.

Facciamo un piccolo passo indietro dandovi modo di capire il motivo per cui ho scelto di diventare più specializzata in questa applicazione del metodo Pilates.

Conosciuto come il "padre della ginnastica" (Turnvater in tedesco) Friedrich Ludwig Jahn era un educatore di ginnastica e un fervente nazionalista interessato a creare la Germania come uno stato unito. Ha fondato la prima palestra Turnverein nel 1811 a Berlino in conseguenza all'aver vissuto la sconfitta della sua terra d'origine da parte di Napoleone. Questo movimento è stato sia un metodo di esercizio sistematico, così come un movimento politico. Jahn sapeva che un nuovo stato indipendente della Germania per essere forte doveva dipendere da corpi forti e giovani menti e ha adottato il motto, "mente sana in un corpo sano", tratto dalla frase latina "Mens sana in corpore sano". La fede nella reciproca connessione tra la mente e il corpo è un tema costante per tutto il movimento Turnverein. Nel 1848, molti Turner (seguaci di Jahn e le sue ideologie) erano dalla parte dei perdenti di una rivoluzione tedesca. Di conseguenza, molti hanno lasciato la Germania e sono emigrati negli Stati Uniti portando con sé la loro lingua tedesca, cibo, la cultura ed i principi Turner. Hanno cominciato ad aprire Turnverein club in tutti gli Stati Uniti.

Questi tedeschi non ha introdotto gli americani al concetto di cultura fisica, ma hanno giocato un ruolo cruciale nella divulgazione dello sviluppo fisico e della coltivazione di salute tra i 1880 ed i 1920.

Joseph Hubertus Pilates (1883- 1967) è nato a Mönchengladbach, Germania come tutti sappiamo anche lui era un ginnasta e un pugile che ha anche sviluppato un metodo di esercizio. Secondo la leggenda, il padre di Joseph Pilates Heindrich Friedrich era anche un ginnasta e dproprietario di una palestra. Un Turnverein Club esisteva in Monchengladbach 1888- 1904 ed il Nome Heindrich Friedrich Pilates appare nel Registro degli iscritti del Turnverein Eintracht nel 1892 (Pont e Romero 2013) . Nel 1886 pare che la famiglia Pilates vivesse in fondo alla strada da questo Turnverein. Così avrebbe senso che questa è la palestra che la famiglia ha frequentato per la ginnastica e gli incontri sociali.

Questo è quello che mi ha portato ad approfondire l'allenamento della ginnastica artistica, e provare quindi sul mio corpo la somiglianza degli esercizi e dei loro scopi; lo studio e la formazione con il Coach Cristopher Sommer mi hanno aiutata a capire sempre di più come le due discipline sono

correlate ed eccoci alla mia esperienza con un gruppo di giovani ragazzi e ragazze atleti della Polisportiva Celle di Rimini che volevano migliorare le loro prestazioni, ma nonostante il loro enorme impegno negli allenamenti soffrono dei comuni "dolore da ginnasti": bacino e zona lombare, problemi alle spalle sono le principali zone critiche soggette a dolore aggiungendo il fatto che non sono abituati a respirare mentre eseguono gli elementi e nemmeno mentre eseguono gli esercizi della preparazione fisica generica!

Io lavoro con loro una volta alla settimana e il mio focus è quasi principalmente sull'integrazione del tronco, sulla respirazione e sulla consapevolezza; la maggior parte di loro può eseguire elementi fenomenali, ma non ha la minima idea di ciò che i loro corpi stanno facendo in termini di come coinvolgere i muscoli giusti.

I loro obiettivi includono imparare ad "ingaggiare" il core per migliorare le loro abilità di ginnastica; costruire forza di base; imparare a isolare i movimenti; migliorando il loro equilibrio e aumentando la flessibilità e la mobilità. Inizialmente, tutti svolgevano i movimenti "a caso" lavorando per lo più di slancio piuttosto che dosando la forza e controllando il corpo per eseguire molti degli esercizi questo perché nonostante siano particolarmente forti, la loro troppa sicurezza di sapere muovere il corpo li fa cadere nel tranello delle compensazioni piuttosto che applicare un adeguato controllo dei muscoli per raggiungere posizioni difficili. Sono tutti "pigri" nelle loro abitudini: iperestensione delle articolazioni, coste sempre "volanti", schiena ultra estesa e apnea totale. Polsi, caviglie, schiena e cingolo scapolare sono tutti troppo sovraccaricati e hanno bisogno di essere adeguatamente rafforzati. (Matteo che è il più vecchio e lo specialista agli anelli ha un enorme quantità di stress sulla sua parte superiore della schiena e sulle spalle ci siamo concentrati molto sulla "mollare" quella zona e stiamo aumentando un po' anche il lavoro sulla parte inferiore del corpo che non è stato molto considerato e che si traduce in un corpo molto sbilanciato) .

Il mio approccio

Abbiamo iniziato concentrandosi sui principi di movimento di Pilates: respiro, movimento fluido, precisione, concentrazione, allineamento e controllo. La corretta implementazione nel loro allenamento è stata la chiave.

Gli esercizi Matwork sono perfetti per aumentare la forza del core e la coordinazione, Hundred per far capire come respirare durante l'esecuzione di un movimento, la stomach series per far capire loro il controllo del centro ed il coordinamento con gli arti.

Per darvi un altro esempio di che tipo di movimenti sto curando: Il Leg and footwork sul reformer è una scelta formidabile per rafforzare la caviglia, ma questo non è possibile, perché io vado nella loro palestra attrezzata per la ginnastica artistica dove loro si allenano ed ho a disposizione solo spalliere, travi, parallele ed il pavimento ... quello che ho fatto è stato insegnare loro la sequenza applicando gli stessi principi di lavoro sulle estremità inferiori in standing utilizzando le spalliere come supporto ed eseguendo dei relevé controllati, dando coscienza della ""rollata" per salire e per scendere dai loro metatarsi utilizzando l'intero arco plantare.

Abbiamo fatto ripetizioni in prima posizione, con i piedi in parallelo e poi con i piedi internamente ruotati portando attenzione sulla consapevolezza corporea e coinvolgendo sempre tutto il corpo anche se stavano muovendo solo i piedi. Hanno imparato a mantenere il loro peso al centro dei loro piedi per migliorare l'equilibrio e prevenire l'inversione o di eversione, questo ha anche contribuito a rafforzare le loro caviglie, polpacci e tendini di Achille.

Invece di utilizzare molle o cinghie, abbiamo lavorato con bande di resistenza. Ho legato le bande alle spalliere e regolato la lunghezza per creare il giusto livello di resistenza poi, distesi supini, hanno eseguito circonduzioni e vari esercizi di mobilità per le braccia concentrandosi per assicurarsi che le loro spalle fossero nella giusta posizione e non in protrazione; gli stessi esercizi sono stati fatti anche in piedi, l'attenzione però era sul mantenere l'attivazione del core mentre lavoravano gli arti superiori.

Lavorare con questi atleti mi ha portato ad una serie di sfide: modificare la routine, cambiare il cueing verbale per renderlo più accessibile e applicabile a ciò cui sono abituati studiare il loro gesto tecnico... allo stesso tempo, le ricompense sono grandi.

Sono molto grata di avere questa opportunità che mi sta dando la possibilità di migliorare il mio insegnamento e di specializzarmi in un campo in cui l'efficienza corporea deve essere altissima. Sono anche grata di collaborare con alcuni ex atleti di alto livello e ora allenatori di questi ragazzi e ragazze che sto seguendo la cooperazione e non la concorrenza è la chiave per il successo di una squadra.

Cinzia Galletto
Professional Pilates Teacher PMA Certified

Tags:

Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Perché camminare all’aperto fa bene
Benessere sport e fitness
05 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Perché camminare all’aperto fa bene
Vincere la cellulite. Intervista a Riccardo Gaspari, wellness consultant
Benessere sport e fitness
02 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Vincere la cellulite. Intervista a Riccardo Gaspari, wellness consultant
Braccia toniche e sode? Combatti l'effetto 'tendina' con questi esercizi
Benessere sport e fitness
24 marzo 2021
Notizie e aggiornamenti
Braccia toniche e sode? Combatti l'effetto 'tendina' con questi esercizi