Dieta a basso contenuto calorico (vlcd): ecco come preservare la massa muscolare

26 novembre 2018
News

Dieta a basso contenuto calorico (vlcd): ecco come preservare la massa muscolare



Spesso la diminuzione del peso corporeo, associata ad una dieta a basso contenuto calorico, comporta fisiologicamente una perdita sia di massa grassa, ma anche di massa muscolare.

La letteratura mostra che circa il 75% della perdita di peso che avviene durante un periodo di regime dietetico ipocalorico è caratterizzata dalla perdita di massa grassa, mentre il restante 25% consiste in una perdita di massa magra.

La perdita di massa grassa che si verifica durante una perdita di peso può portare a numerose e deleterie conseguenze a breve e lungo termine che possono vanificare alcuni dei benefici legati alla perdita di peso.

Infatti, la massa muscolare, oltre al suo ruolo nella locomozione, svolge un ruolo chiave in varie vie metaboliche, come la regolazione del glucosio e il controllo dei lipidi.

Una perdita di massa muscolare può quindi determinare effetti avversi significativi sulla salute metabolica. La perdita di massa muscolare determina una diminuzione del metabolismo basale, e quindi ostacola la perdita di peso, la stabilità del peso a lungo termine e contribuisce al recupero del peso corporeo. Il muscolo è quindi un vero organo endocrino che produce sostanze, definite miokin3, come l'interleuchina 6 (IL6) , IL 8, IL15, il fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) e il fattore inibitorio della leucemia (LIF) , che hanno attività autocrine, paracrine ed endocrine.

Inoltre, il muscolo svolge attività recettoriale per numerose molecole che hanno attività significative, come il fattore di crescita insulinica e la vitamina D, che controllano la funzione del muscolo stesso.

Per mantenere la massa muscolare durante una dieta ipocalorica, esistono varie strategie dietetiche: ad esempio adottare una dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati (VLCKD) e assumere una quantità adeguata di nutrienti specifici (vitamina D, Leucina, proteine ​​del siero di latte) . Considerando l'assunzione di proteine ​​e amminoacidi, si raccomanda un'adeguata assunzione giornaliera di leucina (4 grammi / giorno) e proteine ​​del siero di latte (20 grammi / giorno) .

Per quanto riguarda la vitamina D, se la vitamina D del sangue ha valori insufficienti (<30 ng / ml) , è fondamentale fornire un'adeguata integrazione, in particolare calcifediolo perché nel soggetto obeso, questa forma è raccomandata per evitare il sequestro nel tessuto adiposo: 3- 4 gocce / giorno o 20- 30 gocce / settimana di calcifediolo sono generalmente sufficienti per ripristinare i normali livelli plasmatici di 25 (OH) D nei soggetti obesi.




Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube