Telemedicina per il benessere dei pazienti in chemio

08 settembre 2021
Aggiornamenti e focus

Telemedicina per il benessere dei pazienti in chemio



Il monitoraggio remoto nei malati di cancro sottoposti a chemioterapia può aiutare a gestire meglio gli effetti collaterali del trattamento


Secondo uno studio pubblicato sul British Medical Journal, il monitoraggio remoto 24 ore su 24 nei malati di cancro sottoposti a chemioterapia può aiutare a gestire meglio gli effetti collaterali del trattamento e a migliorare la qualità della vita. «Un monitoraggio e una gestione efficaci dei sintomi sono essenziali durante la chemioterapia, ma gli approcci attuali si basano sul fatto che i pazienti capiscano che i sintomi sono abbastanza gravi da giustificare la segnalazione al proprio team di assistenza.

La ricerca precedente sul monitoraggio remoto ha mostrato benefici, ma si basava in gran parte su brevi studi condotti da un singolo centro o paese, ed era difficilmente generalizzabile» afferma Roma Maguire, dell'University of Strathclyde, primo nome dello studio. Per meglio capire la situazione, i ricercatori hanno valutato gli effetti del monitoraggio remoto degli effetti collaterali legati alla chemioterapia sul carico dei sintomi, sui bisogni di assistenza di supporto, sull'ansia, sui limiti del lavoro e sulla qualità della vita, in 829 pazienti adulti in trattamento chemioterapico presso 12 centri oncologici in Austria, Grecia, Norvegia, Irlanda e Regno Unito.

I pazienti, con diagnosi di cancro al seno, cancro del colon-retto, malattia di Hodgkin o linfoma non Hodgkin, sono stati randomizzati a ricevere il monitoraggio dei sintomi di 24 ore tramite un Advanced Symptom Management System (ASyMS) o cure standard per sei cicli di chemioterapia. I pazienti randomizzati all'intervento hanno completato un questionario giornaliero sui sintomi su un dispositivo ASyMS portatile, in grado di generare avvisi per i medici in caso di necessità. I ricercatori hanno scoperto che nel gruppo di intervento il carico dei sintomi è rimasto ai livelli pre-chemioterapia, mentre i controlli hanno riportato un aumento degli stessi dal primo ciclo in poi. L'analisi ha indicato riduzioni significative a favore di ASyMS per i sintomi psicologici e fisici e per il livello di disagio associato a ciascun sintomo. I punteggi relativi alla qualità della vita relativi alla salute sono risultati più alti nel gruppo di intervento in tutti i cicli, mentre i punteggi medi per l'ansia sono risultati più bassi. Anche le misure della fiducia e della capacità di impegnarsi nella cura sono risultate più alte nel gruppo di intervento e la maggior parte dei bisogni di assistenza di supporto sono stati inferiori. Risultati simili tra i due gruppi per altre aree dei bisogni di assistenza di supporto e dei limiti di lavoro, e la sicurezza di ASyMS è stata soddisfacente.

Fonte: Doctor33

Riferimenti bibliografici:

Tags:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
FarmacistaPiù: Carosio, Fenagifar, comunicare con il cittadino
Farmaci e cure
21 ottobre 2021
Notizie e aggiornamenti
FarmacistaPiù: Carosio, Fenagifar, comunicare con il cittadino
Nasce AgoràSalute per medici e farmacisti
Farmaci e cure
13 ottobre 2021
Notizie e aggiornamenti
Nasce AgoràSalute per medici e farmacisti