Verruche

29 agosto 2017

Verruche



Definizione


Piccole escrescenze cutanee, dure e ruvide, causate dal virus del papilloma umano (HPV). Il virus penetra nelle cellule dell'epidermide e le infetta, determinandone la replicazione incontrollata. Si tratta di una infezione esclusivamente cutanea: il papillomavirus rimane infatti confinato nella pelle e non è presente nel sangue.

Cause


Il virus si trasmette attraverso il contatto diretto con le verruche di altri soggetti, ma anche con le proprie, che si possono diffondere in varie parti del corpo. Il contagio può verificarsi anche attraverso le squame della verruca che si diffondono nell'ambiente, generalmente in zone umide, come piscine, saune o su un asciugamano. Le verruche possono svilupparsi a qualunque età, ma sono più frequenti nei bambini e negli adolescenti.

Sintomi

Le verruche colpiscono più frequentemente le mani e piedi. Possono presentarsi come escrescenze dure, con forma rotondeggiante o irregolare, a superficie ruvida, di colore grigiastro o giallo. Le verruche plantari che si formano sotto la pianta del piede, a causa della pressione esercitata dal camminare e dallo stare in piedi, sono spesso dolorose. Le verruche genitali (condiloma acuminato) si localizzano in corrispondenza degli organi genitali maschili e femminili, dove appaiono come escrescenze di forma irregolare che assumono spesso l'aspetto di un piccolo cavolfiore.

Diagnosi

Le verruche vengono diagnosticate dal medico attraverso l'esame obbiettivo della lesione. In caso di dubbio, può essere eseguita una biopsia con esame istologico.

Cure

Per le verruche comuni viene solitamente utilizzato l'acido acetilsalicilico (o altre sostanze chimiche), sotto forma di soluzioni, pomate o cerotti medicati. Sono anche disponibili metodi per la crioterapia, sia per automedicazione che con azoto liquido, quest'ultima eseguita dal medico. Infine, per le verruche più profonde ed estese, si può ricorrere all'asportazione chirurgica o al trattamento con il laser.

Cure complementari

Consigliati rimedi fitoterapici (Thuya occidentalis, estratto di aglio) e omeopatici.

Alimentazione

Evitare gli alimenti che contengono farine e zuccheri raffinati, in quanto possono favorire la crescita batterica e virale. È utile aumentare il consumo di verdure verdi e gialle perché ricche di betacarotene, sostanza che favorisce la guarigione della cute.


Vedi anche:


Potrebbe interessarti
Pelle in gravidanza: consigli in otto punti
Pelle
10 novembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Pelle in gravidanza: consigli in otto punti
Pelle atopica nei bambini: cosa c’è da sapere
Pelle
03 novembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Pelle atopica nei bambini: cosa c’è da sapere
L'esperto risponde