Amoxicillina + Acido Clavulanico Sandoz

20 novembre 2019

Amoxicillina + Acido Clavulanico Sandoz




Amoxicillina + Acido Clavulanico Sandoz è un farmaco a base di Amoxicillina + Acido Clavulanico, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici penicillinici. E' commercializzato in Italia da Sandoz S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Amoxicillina + Acido Clavulanico Sandoz (Amoxicillina + Acido Clavulanico) disponibili


Seleziona una delle seguenti confezioni di Amoxicillina + Acido Clavulanico Sandoz per accedere alla scheda relativa e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Amoxicillina + Acido Clavulanico Sandoz (Amoxicillina + Acido Clavulanico) e perchè si usa


Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz è indicato per il trattamento delle seguenti infezioni negli adulti e nei bambini (vedere i paragrafi 4.2, 4.4 e 5.1):

  • sinusite batterica acuta (adeguatamente diagnosticata)
  • otite media acuta
  • esacerbazioni acute di bronchite cronica (adeguatamente diagnosticata)
  • polmonite acquisita in comunità
  • cistite
  • pielonefrite
  • infezioni della cute e dei tessuti molli, in particolare cellulite, morsi di animali, grave ascesso dentale con diffusione di cellulite
  • infezioni delle ossa e delle articolazioni, in particolare osteomielite.
È necessario prendere in considerazione le linee guida ufficiali sull'impiego appropriato degli agenti antibatterici.



Come usare Amoxicillina + Acido Clavulanico Sandoz (Amoxicillina + Acido Clavulanico): posologia, dosi e modo d'uso


Le dosi sono sempre espresse in termini di contenuto di amoxicillina/acido clavulanico, tranne quando sono espresse in termini di contenuto di un singolo componente.

Il dosaggio di Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz stabilito per trattare un'infezione individuale deve tener conto:

  • dei patogeni previsti e della loro probabile sensibilità agli agenti antibatterici (vedere il paragrafo 4.4)
  • della gravità dell'infezione e del sito di infezione
  • del peso, dell'età e della funzionalità renale del paziente, come indicato di seguito.
A seconda delle necessità, deve essere preso in considerazione l'uso di formulazioni alternative di Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz (per esempio quelle che forniscono dosi più elevate di amoxicillina e/o rapporti differenti di amoxicillina/acido clavulanico - vedere i paragrafi 4.4 e 5.1).

Per gli adulti e i bambini ≥ 40 kg questa formulazione di Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz fornisce una dose giornaliera totale di 1750 mg di amoxicillina/250 mg di acido clavulanico con il dosaggio di due volte al giorno e di 2625 mg di amoxicillina/375 mg di acido clavulanico con il dosaggio di tre volte al giorno, quando somministrato come indicato di seguito. Per i bambini < 40 kg questa formulazione di Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz fornisce una dose giornaliera massima di 1000-2800 mg di amoxicillina/143-400 mg di acido clavulanico, quando somministrato come indicato di seguito. Se si ritiene necessaria una dose giornaliera più elevata di amoxicillina, si consiglia di scegliere un'altra formulazione di Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz, al fine di evitare la somministrazione quotidiana di dosi inutilmente elevate di acido clavulanico (vedere i paragrafi 4.4 e 5.1).

La durata della terapia deve essere determinata in base alla risposta del paziente. Alcune infezioni (per esempio osteomielite) richiedono periodi di trattamento più lunghi. Il trattamento non deve essere esteso oltre i 14 giorni senza una revisione (vedere il paragrafo 4.4 per quanto riguarda la terapia prolungata).

Adulti e bambini40 kg

Dosi raccomandate:

  • dose standard: (per tutte le indicazioni) 875 mg/125 mg due volte al giorno;
  • dose più elevata (in particolare per le infezioni come otite media, sinusite, infezioni delle basse vie respiratorie e infezioni delle vie urinarie): 875 mg/125 mg tre volte al giorno.
Bambini < 40 kg

I bambini possono essere trattati con Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz compresse, sospensioni o bustine pediatriche.

Dosi raccomandate:

  • da 25 mg/3,6 mg/kg/die a 45 mg/6,4 mg/kg/die somministrati in due dosi separate;
  • per alcune infezioni (come otite media, sinusite e infezioni delle basse vie respiratorie) possono essere considerati fino a 70 mg/10 mg/kg/die somministrati in due dosi separate.
Nei bambini sotto i 2 anni non sono disponibili dati clinici per le formulazioni di Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz nel rapporto di 7:1 relative a dosi superiori a 45 mg/6,4 mg/kg/die.

Nei bambini sotto i 2 mesi non sono disponibili dati clinici per le formulazioni di Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz nel rapporto di 7:1. In questa popolazione non possono quindi essere espresse raccomandazioni di dosaggio.

Anziani

Non si ritiene necessario alcun aggiustamento del dosaggio.

Compromissione della funzionalità renale

Nei pazienti con clearance della creatinina superiore a 30 ml/min non è necessario alcun aggiustamento del dosaggio.

Nei pazienti con clearance della creatinina inferiore a 30 ml/min l'uso di formulazioni di Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz con un rapporto amoxicillina/acido clavulanico di 7:1 non è raccomandato, poichè non sono disponibili raccomandazioni per l'aggiustamento del dosaggio.

Compromissione della funzionalità epatica

Dosare con cautela e monitorare la funzionalità epatica a intervalli regolari (vedere i paragrafi 4.3 e 4.4).

Modo di somministrazione

Amoxicillina e Acido Clavulanico Sandoz è per uso orale.

Somministrare all'inizio di un pasto, per ridurre al minimo la potenziale intolleranza gastrointestinale e ottimizzare l'assorbimento di amoxicillina/acido clavulanico.

La terapia può essere iniziata sotto forma parenterale, seguendo le indicazioni del RCP della formulazione ev, e proseguita con una preparazione orale.

Scuotere per allentare la polvere, aggiungere acqua come indicato, capovolgere e agitare.

Agitare il flacone prima della somministrazione di ogni dose (vedere il paragrafo 6.6).



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Amoxicillina + Acido Clavulanico Sandoz (Amoxicillina + Acido Clavulanico)


Ipersensibilità al principio attivo, a una penicillina qualsiasi o a uno qualsiasi degli eccipienti.

Anamnesi di una grave e immediata reazione di ipersensibilità (per esempio anafilassi) a un altro agente beta-lattamico (per esempio cefalosporine, carbapenemi o monobattami).

Anamnesi di ittero/compromissione della funzionalità epatica dovuti ad amoxicillina/acido clavulanico (vedere il paragrafo 4.8).



Amoxicillina + Acido Clavulanico Sandoz (Amoxicillina + Acido Clavulanico) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti su gravidanza, sviluppo embrionale/fetale, parto o sviluppo post-natale (vedere il paragrafo 5.3). I dati limitati sull'utilizzo di amoxicillina/acido clavulanico durante la gravidanza negli esseri umani non indicano un aumento del rischio di malformazioni congenite. In un singolo studio condotto su donne con rottura pretermine e prematura delle membrane fetali è stato riportato che il trattamento profilattico con amoxicillina/acido clavulanico può essere associato a un aumentato rischio di enterocolite necrotizzante nei neonati. L'uso del medicinale deve essere evitato durante la gravidanza, a meno che non sia considerato essenziale da parte del medico.

Allattamento

Entrambe le sostanze vengono escrete nel latte materno (non si sa nulla degli effetti di acido clavulanico sul neonato allattato al seno). Di conseguenza nel neonato allattato al seno possono insorgere diarrea e infezioni fungine delle mucose, nel qual caso l'allattamento al seno potrebbe dover essere interrotto. Amoxicillina/acido clavulanico deve essere utilizzato durante l'allattamento solo dopo la valutazione del rapporto rischi/benefici da parte del medico.



Amoxicillina + Acido Clavulanico Sandoz (Amoxicillina + Acido Clavulanico) è utilizzato per la cura delle seguenti patologie:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a numeri di paragrafo non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Ultimi articoli