Cetilsan

18 maggio 2021

Cetilsan


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Cetilsan (cetilpiridinio cloruro)


Cetilsan è un farmaco a base di cetilpiridinio cloruro, appartenente al gruppo terapeutico Antisettici. E' commercializzato in Italia da Sella A. Lab. Chim. Farm S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Cetilsan disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Cetilsan disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Cetilsan e perchè si usa


Cetilsan pastiglie senza zucchero, Cetilsan collutorio Disinfezione della mucosa orale.

Cetilsan soluzione cutanea

Disinfezione della cute non gravemente lesa come piccole ferite superficiali, escoriazioni ed abrasioni. Il prodotto può essere usato nella disinfezione degli oggetti.

Indicazioni: come usare Cetilsan, posologia, dosi e modo d'uso


Cetilsan pastiglie senza zucchero

Una pastiglia ogni 3-4 ore, da sciogliere lentamente in bocca, con un massimo di 6 pastiglie al giorno. Non superare le dosi consigliate.

Cetilsan collutorio

1 - 2 cucchiai diluiti in mezzo bicchiere d'acqua per sciacqui e gargarismi, ogni 3 - 4 ore. Non superare le dosi consigliate.

Cetilsan soluzione cutanea

Detergere la zona interessata con un batuffolo di cotone imbevuto di Cetilsan soluzione cutanea, oppure versare un po' di prodotto sulla lesione ed applicare una garza sterile imbevuta di Cetilsan soluzione cutanea. Ripetere l'applicazione 2 o 3 volte al giorno se necessario. Per la disinfezione di oggetti: impiegare Cetilsan soluzione cutanea puro, secondo necessità.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Cetilsan


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. 
Cetilsan pastiglie senza zucchero
Non usare nei bambini al di sotto dei 12 anni. 
Cetilsan collutorio
Non usare nei bambini al di sotto dei 6 anni.


Cetilsan può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Cetilsan soluzione cutanea
Non vi sono controindicazioni all'uso in caso di gravidanza o di allattamento. 
Cetilsan pastiglie senza zucchero - Cetilsan collutorio

Non vi sono dati riguardanti l'uso del cetilpiridinio cloruro in donne in gravidanza.
Nelle donne in gravidanza e durante l'allattamento al seno, il medicinale va somministrato in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.


Quali sono gli effetti indesiderati di Cetilsan


La categoria di frequenza è definita come: molto comune (≥1/10); comune (≥1/100 a <1/10); non comune (≥1/1.000 a <1/100); rara (≥ 1/10.000 a <1/1.000); molto rara (<1/10.000); non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Cetilsan soluzione cutanea Frequenza non nota:

intolleranza locale (bruciore o irritazione della cute).

Cetilsan pastiglie senza zucchero - Cetilsan collutorio

Frequenza non nota 
  • irritazione transitoria delle gengive;
  • nausea;
  • vomito;
  • dolore addominale;
  • stomatite;
  • alterazione del gusto
  • discolorazione dei denti;
  • dermatite allergica;
  • intolleranza locale (bruciore o irritazione).
Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
AIFA: attenzione agli acquisti online di farmaci
Farmaci e cure
19 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
AIFA: attenzione agli acquisti online di farmaci
Gestione domiciliare Covid, dalla profilassi alle terapie
Farmaci e cure
31 marzo 2021
Speciale Coronavirus
Gestione domiciliare Covid, dalla profilassi alle terapie